copertina

All Men Are Liars

Alberto Manguel

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 260,36 KB
  • EAN: 9781101574898

€ 5,10

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In this gorgeously imagined novel, a journalist interviews those who knew—or thought they knew—Alejandro Bevilacqua, a brilliant, infuriatingly elusive South American writer and author of the masterpiece, In Praise of Lying. But the accounts of those in his circle of friends, lovers, and enemies become increasingly contradictory, murky, and suspect. Is everyone lying, or just telling their own subjective version of the truth? As the literary investigation unfolds and a chorus of Bevilacqua’s peers piece together the fractured reality of his life, thirty years after his death, only the reader holds the power of final judgment.

In All Men Are Liars, Alberto Manguel pays homage to literature’s inventions and explores whether we can ever truly know someone, and the question of how, by whom, and for what, we ourselves will be remembered.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alberto Manguel Cover

    Trascorre l'infanzia a Tel Aviv dove il padre era ambasciatore presso lo Stato d'Israele. Le prime lingue che usa sono l'inglese e il tedesco (parlato con la governante), al ritorno in Argentina, quando ha sette anni, inizia a parlare spagnolo. Inizia giovanissimo a lavorare in libreria e qui incontra Jorge Luis Borges che, ormai cieco, gli chiede di andare a casa sua per leggergli dei libri, cosa che farà dal 1964 al 1968. Nel frattempo completa gli studi. Nel 1968 lascia l'Argentina prima che inizi il periodo più oscuro della dittatura e si sposta in vari paesi europei: Francia, Inghilterra, Italia, va poi a Tahiti, svolgendo sempre attività di traduttore, redattore e curatore di libri. Nel 1982 va, e vi resta per oltre vent'anni, a... Approfondisci
Note legali