Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

copertina

Alle Porte di Tangeri

Mois Benarroch

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: ?Mois Benarroch
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 459,19 KB
  • EAN: 9781386403661

€ 10,49

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La famiglia Benzimra è riunita per leggere le ultime volontà del padre. Scoprono così di avere un fratellastro al quale andrà parte dell'eredità.

Riusciranno a trovarlo? Sconvolgerà le loro vite?

Partiranno tutti insieme da Gerusalemme alla volta di Tangeri per cercarlo e inizierà così un viaggio alla ricerca delle loro radici e del loro passato, sulle orme di un fratello perduto e di un altro ancora da scoprire.

Mois Benarroch è nato a Tetuan, Marocco, nel 1959. A tredici anni emigra con i suoi genitori in Israele e da allora vive a Gerusalemme. Inizia a scrivere poesie a quindici anni, in inglese, poi in ebraico e infine nella sua lingua materna: il castigliano. Pubblica le sue prime poesie nel 1979. Negli anni Ottanta entra a far parte di vari gruppi d'avanguardia e pubblica la rivista Marot. Il suo primo libro in ebraico appare nel 1994 ed è intitolato "Coplas del inmigrante". Pubblica anche due racconti, vari libri di poesie in ebraico, inglese e spagnolo e quattro romanzi. Nel 2008 ha vinto il premio del Primo Ministro in Israele.

È anche traduttore professionista e ha tradotto in ebraico il racconto "Los aires dificiles" di Almudena Grandes, e cento poesie di Bukowski, così come parte dell'opera di Edmond Jabes e altri autori di romanzi e poeti.

"Non so, non smetto di pensare, non smetto di pensare a cosa significa tutto questo viaggio, che senso ha e cosa cerchiamo, un fratello, un fratello di cui non sappiamo nulla, magari cerchiamo un fratello morto, forse è già morto, la gente muore giovane, come sai. Trent'anni sono tanti. E in Marocco, con tutte le droghe, vai a sapere quanti rimangono uccisi."

"Anch'io penso in continuazione."

Chiesi un whisky alla cameriera, una bottiglia intera, bicchieri e ghiaccio. Invitai tutti. Nonostante J&B non sia la mia marca preferita, a tutti piace il whisky ed era una buona scusa per allentare la tensione.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali
Chiudi