Alone Together

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Jazz Images
Data di pubblicazione: 13 gennaio 2017
  • EAN: 8437012830622
Il fotografo francese Jean-Pierre Leloir (1931-2010) ha catturato alcune delle immagini più iconiche della vita del jazz in Francia durante gli anni Cinquanta e gli anni Sessanta. Questa collezione, in edizione limitata, raccoglie alcuni dei migliori album della storia del jazz arricchiti dalle splendide e inedite fotografie di Leloir che ne ritraggono i rispettivi autori. Sebbene Chet Baker e Bill Evans fossero entrambi musicisti estremamente lirici ed introspettivi, spesso affini nella loro concezione musicale, questi due straordinari artisti hanno registrato insieme solo in un paio di occasioni. Le ragioni di una collaborazione così scarsa, tra musicisti così affini, non sono chiare. I due musicisti hanno sicuramente avuto atteggiamenti molto diversi nei confronti della vita e della musica. Baker conduceva una vita molto irregolare e la sua tossicodipendenza ha avuto conseguenze dirette sul suo modo di suonare. Evans ha invece sempre cercato di mantenere la sua dipendenza dalle droghe una questione privata e non lasciare che influisse sulla sua performance. E mentre Chet era un autodidatta geniale, che ha imparato la musica per lo più ad orecchio, Evans era un musicista istruito, oltre che un raffinato compositore e arrangiatore. Eppure queste differenze si annullano quando li si ascolta suonare insieme con un’intensità e un lirismo che è ancora oggi un punto di riferimento per tutti gli appassionati di jazz. Questo Lp ripropone una delle loro pochissime registrazioni insieme, ovvero l’album del 1958 “CHET: The Lyrical Trumpet of Chet Baker” (con Bill Evans, Herbie Mann, Pepper Adams e Kenny Burrel).
  • Chet Baker Cover

    Propr. Chetney H.Baker. Trombettista statunitense di jazz. Influenzato da Miles Davis, ha elaborato un suo originale lirismo derivato dal cool jazz ed espresso anche nel canto sottile e suggestivo. Affermatosi col quartetto di G. Mulligan (1952), ha svolto soprattutto negli ultimi anni un'intensa attività con gruppi occasionali. Approfondisci
  • Bill Evans Cover

    Pianista statunitense di jazz. Messosi in luce, con le sue improvvisazioni liriche ma ritmicamente dinamiche, nel complesso di Miles Davis (1958), costituì in seguito propri trii (noto soprattutto il primo, con Scott LaFaro e Paul Motian), affermandosi come una delle più influenti personalità del jazz contemporaneo. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali