-15%
Americani - John Jeremiah Sullivan - copertina

Americani

John Jeremiah Sullivan

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Francesco Pacifico
Collana: Il contesto
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 7 febbraio 2014
Pagine: 316 p., Brossura
  • EAN: 9788838931123
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Americani

John Jeremiah Sullivan

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Americani

John Jeremiah Sullivan

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 16,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In questo libro tutto è stato visto, ascoltato, e soprattutto vissuto, non c'è nulla di inventato. Le storie della gente comune, i segreti di celebrità inarrivabili e di oscure personalità del passato, i dettagli di eventi apocalittici che travolgono il territorio e le persone. Scrittore e reporter errante, Sullivan ci presenta vicende e personaggi che sfiorano l'incredibile: da Constantine Rafinesque, eccentrico genio del diciottesimo secolo che inventò dal nulla la preistoria del nuovo mondo falsificandone le prove, a Mister Lytle, un anziano e stravagante letterato simbolo di un'epoca ormai trascorsa. Da un festival di "rock cristiano" frequentato da migliaia di devoti e giovanissimi fan, alle serate trascorse in Florida a chiacchierare con i protagonisti di un reality televisivo che sfruttano la loro declinante celebrità in tour di discoteche e locali minori. Sullivan indaga gli anni formativi di due grandi star della musica pop, Michael Jackson e Axl Rose dei Guns N' Roses, poi si sposta sulla costa del Golfo durante l'uragano Katrina e si spinge fino in Giamaica a scovare l'ultimo musicista della band di Bob Marley. Da queste storie, da questi reportage, emerge un ritratto inconsueto di un paese che a partire dall'Undici Settembre, dopo i fallimenti della politica estera, con il declino progressivo della propria influenza sul mondo, è cambiato in modo radicale.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gli Americani li scopre John Jeremiah Sullivan

Da poco tempo ho scoperto che esiste un genere letterario fatto apposta per me. Non è finzione ma è comunque racconto. Non è un saggio ma ha comunque carattere giornalistico, descrittivo o – persino – divulgativo.

Questo genere è la non-fiction, più nello specifico il reportage narrativo.

Il reportage narrativo conta alcune caratteristiche formali più o meno solide (quelle citate brevemente in apertura) e una varietà di approcci stilistici diversi, molti dei quali si rifanno al gonzo-journalism, al giornalismo culturale o a quello magico, ai reportage di David Foster Wallace in crociera o alla fiera del west, alle storie di Hunter Thompson, al new journalism di Tom Wolfe, al Megafono spento di George Saunders e, tanto per scendere un attimo dall’olimpo dei grandi ed essere chiari, a tutte quelle pagine culturali dei giornali americani che scelgono uno scrittore noto o un bravo redattore, lo spediscono da qualche parte del paese ad assistere a un evento o a incontrare qualche personaggio famoso, e poi pubblicano quello che lui ha da raccontare. Molto più spesso tuttavia – come succede in tutto il mondo giornalistico e non solo in quello americano – è l’autore ad autoproporsi ai magazine sperando che la sua idea bizzarra incontri (spesso via mail) l’occhio lungimirante del caporedattore, proprio quel caporedattore che pare sappia fare agilmente la gincana lungo la linea tutta curve e zigzag che separa la colossale stronzata dall’idea geniale.

Così è andata, ad esempio, per John Jeremiah Sullivan, giornalista proveniente dall’Indiana e autore di una serie di pezzi per “GQ”, il “New Yorker”, “The Paris Review”, “Harper’s Magazine” e molti altri. Qualche mese fa è stata pubblicata in Italia per Sellerio la sua raccolta Americani, già apparsa negli Stati Uniti con il titolo Pulphead. La raccolta riunisce tra le sue pagine dodici scritti sulla società americana, su alcuni dei suoi idoli e dei suoi prodotti culturali più pop, sulla vita del college o dei reality show, sull’immancabile Disneyland e – cosa non poco importante – diversi episodi della vita privata dell’autore. Episodi personali che, una volta messi in dialogo con gli altri della raccolta, diventano inevitabilmente sociali.

Per aiutarvi a capire di cosa sto parlando, tenterò qui un esercizio difficile. Due righe (anche meno) per ogni reportage di Sullivan:

 •        Su questo rock: John partecipa a un festival oceanico di rock cristiano, scoprendone personaggi, vizi e forme aggregative tanto fanatiche quanto emozionanti.

•        Piedi in fumo: il fratello di John entra in coma in seguito a una scossa trasmessa dal microfono dal quale si accingeva a cantare e John racconta le conseguenze dell’incidente sulla mente del ragazzo, gli equilibri di vita, la famiglia.

•        Mr. Lytle: un vecchio professore che fa da mentore e il suo protetto in un gioco di ruoli che ha luogo a casa del primo mentre il secondo si deve guadagnare il college.

•        In un rifugio (dopo Katrina): le conseguenze dell’uragano abbattutosi in Louisiana, soprattutto riguardo le code per la benzina. No kidding.

•        Il mondo reale: cronache dentro e fuori “The Real World”, il primissimo reality show di MTV e del mondo e le sue celebrities tra resort, serate e drink annacquati.

•        Michael: un ritratto di Michael Jackson re del pop.

•        Lultima volta di Axl Rose: un ritratto del leader del Guns’n Roses prima e dopo il suo definitivo tracollo.

•        La-hwi-ne-ski. La carriera di un naturalista eccentrico: un ritratto di un personaggio del passato sconosciuto e dal mestiere bizzarro.

•        Lultimo dei Wailers: John va in Jamaica a trovare l’ultimo componente della band di Bob Marley.

•        La violenza degli innocenti: un’indagine sugli studi esistenti sulla fine del mondo umano causato dalla rivolta degli animali.

•        Casa Peyton: di quella volta che la casa di John e famiglia venne usata per girare una stagione di un teen-drama di successo.

•        Epilogo. Hey, Mickey! In gita con la famiglia a Disney World, Orlando, Florida. Quello autentico.

Sulle qualità narrative e giornalistiche di Sullivan si sono già espressi in tanti: solo per restare in Italia, c’è chi l’ha criticato ferocemente, c’è chi l’ha elogiato entusiasticamente. La mia posizione tra questi due estremi non sta nel mezzo: pende, al contrario, verso la seconda e ha molto più a che fare con un discorso di genere che con un giudizio ragionato sull’autore. Questo, semmai, si fa largo da sé subito dopo. Il merito di questo libro, a parer mio, è l’aver messo insieme diversi aspetti della scoperta. Una scoperta realizzata dal passaggio obbligato di un uomo dentro la realtà, un uomo che per ognuno di quegli aspetti non ha ricoperto lo stesso ruolo, ma – al contrario – si è adattato di volta in volta ad approcci differenti: quello d’indagine o scientifico; quello ironico di chi con certe cose non intende mischiarsi; quello di chi invece con altre cose si mischia volentieri ed è anche gasato; quello di chi va a trovare Topolino e per reggere il colpo si fa di canne tutto il tempo; quello prettamente storico o descrittivo; quello narciso; quello sprovveduto. Non tutti i reportage sono interamente godibili, alcuni sono molto lunghi e piani, altri sembrano mancare di verve. Quelli che funzionano meglio sono i racconti che fanno ironica luce su quelle manie sociali che diventano identificabili perché hanno dei corrispettivi concreti, a volte personali, altre popolari (per non dire universali), nella realtà: in questo senso, i ritratti di Michael Jackson e Axl Rose (soprattutto il secondo) sono perfetti, e lo è anche quello del fratello di John o quello del professore del college, entrambi del tutto inebetiti da traumi e condizioni di vita su cui diventa lecito, finalmente, ridere e lasciarsi andare alle reazioni più naturali.

Senza fare della partecipazione un invito obbligatorio all’empatia. Senza fare dell’etica una bandiera a cui indirizzare a senso unico ogni impulso delle viscere.

Questo di Sullivan mi è piaciuto: il fatto che mi ha ricordato che la simpatia, l’idiosincrasia, l’affezione, la critica, la ricerca sono tutti campi che comprendono la moderazione, l’assenza di iperboli schizofreniche, il racconto per il piacere di raccontare. Sono campi, questi praticati da Sullivan, che prediligono la presenza del passaggio piuttosto che l’originalità a tutti i costi del passante. Si può essere interessanti anche se non si è complicati, ubriachi, snob, fuori dal comune. Puoi – tu, lettore – accorgerti di aver scoperto davvero il profilo medio di un paese senza che nessuno ti facesse notare con qualche artificio che lo stavi facendo. Semplicemente, seguendo le orme di uno che va avanti in avanscoperta. E si guarda intorno.

Buona lettura.


Recensione di Marta Ciccolari Micaldi 

  • John Jeremiah Sullivan Cover

    John Jeremiah Sullivan è un autore americano, nato a Louisville, nel Kentucky, nel 1974. Parallelamente all'attività di scrittore, Sullivan è un docente universitario, un musicista, collaboratore del "New York Times Magazine" ed editor di "Paris Rewiev". Il suo libro d'esordio, Blood Horses: Notes of a Sportswriter's Son, uscito nel 2004, è stato tradotto in Italia nel 2018 col titolo Cavalli di razza (66th and 2nd), inserendosi nella tradizione del giornalismo narrativo americano. Tra i suoi altri titoli pubblicati in Italia si ricorda Americani (Sellerio, 2014). Approfondisci
Note legali