Amistad

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Salvato in 37 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 9,33 €)

Nel 1839, durante una burrasca al largo delle coste cubane, gli schiavi di una nave negriera spagnola si ribellano con il proposito di tornare in Africa, dove sono stati catturati. I due membri sopravvissuti dell'equipaggio, però, riescono a far bloccare la nave, la Amistad, dalla marina degli Stati Uniti. Comincia così il lungo processo che mira a stabilire le resposabilità di africani e spagnoli. "La libertà non è un dono è un nostro diritto dalla nascita, ma ci sono momenti nella storia in cui bisogna appropriarsene".
4,29
di 5
Totale 7
5
4
4
1
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Carlo

    17/05/2020 22:00:54

    Amistad è uno dei migliori film di Spielberg, tra quelli più impegnati nel sociale. Innanzitutto bisogna dire che il film è per chi ha lo stomaco forte in quanto ci sono scene molto crude. La storia è ispirata a fatti realmente accaduti. Il film tratta dell’ammutinamento della Amistad da parte del suo carico di esseri umani, rapiti in Africa da mercanti di schiavi da poter sfruttare in occidente nei lavori nei campi e di come dopo la loro ribellione furono catturati e portati in prigione da una nave americana. Il processo porterà alla liberazione degli schiavi e ad un nuovo traguardo per i diritti civili dei neri in America. Cast stellare con Anthony Hopkins, Morgan Freeman e Matthew McConaughey. Un film attuale tutt’oggi che lo sbarco di profughi sulle coste italiane e le tragedie in mare sono all’ordine del giorno per capire la crudeltà degli esseri umani e la loro cupidigia. Note tecniche: purtroppo nonostante sia indicata la presenza dei sottotitoli italiani, ci sono soltanto le traduzioni dei cartelli.

  • User Icon

    Daniele

    13/05/2020 07:37:00

    Il film ripercorre il caso giudiziario in seguito all'ammutinamento, realmente accaduto nel 1839, da parte di schiavi africani "Stivati" a bordo della Amistad. Alcune scene sono abbastanza "Scabrose". 4 candidature agli Oscar. Molto bravo Matthew McConaughey, da Oscar (come sempre) Anthony Hopkins, una sicurezza Steven Spielberg. Imperdibile.

  • User Icon

    Sarah

    11/05/2020 13:30:59

    Il film molto crudo sul tema schiavismo. Alcune scene sono molti forti emotivamente, esclusivamente per un pubblico adulto. La libertà è sempre un tema molto riuscito. Attori veramente superlativi.

  • User Icon

    Roberto

    20/08/2019 13:48:36

    Film davvero interessante, storiografico. Per ovvie ragioni manca di "spinta"

  • User Icon

    Max Pax

    03/11/2018 10:15:05

    Ottimo film che tratta in modo cruento e, talvolta delicato, il tema dell'importazione degli schiavi dall'Africa. Un legal d'altri tempi. Impressionante l'inizio, ma doveva essere così. Lo raccomando.

  • User Icon

    JD

    16/03/2011 18:58:37

    Secondo film di una sorta di quadrilogia iniziata da Spielberg con "Schinderl's list"e conclusa con "Munich".Ricostruzione di un momento cardine della lotta americana contro lo schiavismo,nonchè inno alla libertà ed estraneità dell'uomo al diritto di proprietà su un altro uomo.Tecnicamente è ineccepibile,e Spielberg sa come far scaturire orrore e indignazione,nonchè commozione(vedi Cinquè che scopre la Bibbia).Ma a differenza di "Schindler's list"c'è meno passione nel progetto,e più aria da political correct che rispetto di identità multietniche.Per non parlare di certi eccessi didascalici.Ottimo il cast(anche se McConaughey sembra un incrocio tra Scrooge e Sean Penn in "Carlito'sWay").Anna Paquin interpreta la Isabella seconda di Spagna.Tomas Milian è Calderòn.

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    23/09/2008 14:23:01

    film da vedere che tratta il tema dello schiavismo...grande regia e attori...

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  • Produzione: DreamWorks Home Entertainment, 2011
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Durata: 155 min
  • Lingua audio: Francese (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Francese; Inglese
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Steven Spielberg Cover

    Propr. S. Allan S., regista e produttore statunitense. È indubbiamente il più popolare e affermato regista contemporaneo (suoi i più grandi incassi della storia del cinema), ma è anche un grande maestro del racconto, capace di influenzare pesantemente l'immaginario di tutto il secondo Novecento. Al culmine di una fortunata esperienza televisiva, gira il film tv Duel (1971), geniale evoluzione del road-movie che si contamina con l'incubo grazie a un controllo della narrazione che già indica la grandezza del regista. Debutta al cinema con Sugarland Express (1974), originale rivisitazione del tema dell'inseguimento fra poliziotti autoritari e marginali post-hippies, cui segue il celebre Lo squalo (1975), intelligente unione di tensione emotiva e senso dello spettacolo. Il successo economico del... Approfondisci
  • Morgan Freeman Cover

    "Attore statunitense. Dopo una lunga esperienza in serial televisivi, inizia a interpretare nel cinema ruoli secondari in Brubaker (1980) di S. Rosenberg, Uno scomodo testimone (1981) di P. Yates, Teachers (1984) di A. Hiller. La svolta della sua carriera è nel 1987 con Street Smart - Per le strade di New York di J. Schatzberg, in cui ruba letteralmente la scena al protagonista C. Reeve impersonando magistralmente un gangster nero della mala newyorkese. Nel 1989 è protagonista di A spasso con Daisy, pluridecorata pellicola di B. Beresford, nei panni del saggio autista nero di un'anziana signora razzista (J. Tandy) di cui conquisterà il rispetto. Dopo una serie di ruoli come «perdente» ai margini della legge ma dal cuore d'oro (Gli spietati, 1992, di C. ­Eastwood; Le ali della libertà, 1994,... Approfondisci
  • Nigel Hawthorne Cover

    Propr. N. Barnard H., attore inglese. Si afferma, non più giovane, soprattutto in teatro e in serie televisive di successo, caratterizzando figure dal peculiare «aplomb» e vezzi britannici, per quanto mantenute su registri seriosi o drammatici. Su questa stessa linea le sue non molte apparizioni sul grande schermo in ruoli secondari, come in La dodicesima notte (1996) di T. Nunn e Riccardo III (1995) di R. Loncraine, entrambi tratti da W. Shakespeare. Da protagonista interpreta La pazzia di re Giorgio (1995) di N. Hytner, raffinato esercizio di stile ambientato nella corte inglese del Settecento, che gli vale una nomination all'Oscar. Approfondisci
  • Anthony Hopkins Cover

    Propr. Philip A.H., attore inglese. Formatosi al Cardiff College of Drama, si unisce al National Theatre di L. Olivier dove completa la formazione d'attore teatrale classico. Lavora moltissimo alla televisione e non è restio ad accettare offerte cinematografiche di scarso rischio come trasposizioni teatrali (Amleto, 1969, di T. Richardson, Casa di bambola, 1973, di P. Garland) o colossali produzioni come Charlot (1992) di R. Attenborough. Non rifiuta nemmeno scommesse come The Elephant Man (1980), storia sul dolore e la dignità umana diretta da un D. Lynch non ancora assurto alla gloria degli altari critici. Dopo una lunga e ricca carriera ottiene una vasta popolarità con Il silenzio degli innocenti (1991, Oscar come migliore attore) di J. Demme, in cui interpreta lo psichiatra pluriomicida... Approfondisci
Note legali