Amor e gelosia: Duetti d'opera - CD Audio di Patrizia Ciofi,Joyce Di Donato,Alan Curtis,Georg Friedrich Händel,Complesso Barocco

Amor e gelosia: Duetti d'opera

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Alan Curtis
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Virgin Classics
Data di pubblicazione: 17 maggio 2004
  • EAN: 0724354562822
Disco 1
1
Caro amico amplesso
2
Scherzando sul tuo volto
3
Non ti bastò, consorte... io t'abbraccio
4
Mio diletto, che pensi?... sol per te, bell'idol mio
5
Per le porte del tormento
6
Del destin non mi lagno... caro, tu m'accendi
7
Amarilli?... Amarilli? oh dei! che vuoi?
8
Vivo senz'alma, o bella
9
Finchè prendi
10
Perfidi! Ite di poro... se mai più sarò geloso
11
Macedoni guerrieri... se mai turbo il tuo riposo
12
Sinfonia
13
Gran pena e gelosia
14
Lode agli dei... se mai turbo il tuo riposo
15
Alma mia, dolce ristoro
16
Ricordati mio ben
17
Addio, mio caro bene
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Alan Curtis Cover

    Musicologo, direttore d'orchestra e clavicembalista statunitense. Allievo di G. Leonhardt ad Amsterdam, dal 1970 ha insegnato all'università di Berkeley. Ha dedicato studi e edizioni alla musica per tastiera del Cinque e Seicento, soprattutto a Sweelinck (un'ampia monografia, 1968) e T. Merula. Come cembalista e direttore ha riproposto autori dal xvi al xviii secolo con criteri interpretativi filologici, in particolare opere teatrali, in scena e in disco (Monteverdi, Cavalli, S. Landi, Stradella, Händel e altri). Approfondisci
  • Georg Friedrich Händel Cover

    Compositore tedesco.La vita. il trasferimento a londra. Figlio di un barbiere-cerusico, ricevette la prima istruzione musicale da F.W. Zachow, organista della Liebfrauenkirche a Halle. Incominciò a comporre a dieci anni; ma poiché suo padre era contrario alla carriera di musicista, nel 1702 entrò all'università di Halle per studiarvi diritto. Lo stesso anno divenne organista del duomo; l'anno seguente lasciò Halle per Amburgo, dove suonò in orchestra sotto la direzione di R. Keiser e conobbe J. Mattheson. Il suo primo melodramma, Almira, parte in italiano e parte in tedesco, fu rappresentato ad Amburgo nel 1705; ad esso ne seguirono altri tre, ora perduti. Nel 1706 raggiunse l'Italia, dove divenne in breve famoso come compositore di melodrammi e dove rappresentò il suo primo oratorio, La Resurrezione,... Approfondisci
Note legali