L' amore che mi resta - Michela Marzano - copertina

L' amore che mi resta

Michela Marzano

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 4 aprile 2017
Pagine: 235 p., Brossura
  • EAN: 9788806234386
Salvato in 133 liste dei desideri

€ 16,62

€ 17,50
(-5%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

L' amore che mi resta

Michela Marzano

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' amore che mi resta

Michela Marzano

€ 17,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' amore che mi resta

Michela Marzano

€ 17,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Daria pensava che l’amore potesse riparare ogni cosa. Poi Giada, sua figlia, si è uccisa. E il mondo è andato in pezzi.

Michela Marzano scrive un commovente romanzo sulla maternità. Affondando il bisturi nel dolore assoluto, trova le parole esatte per nominarlo. Ci racconta che siamo nudi, vulnerabili. Eppure, quando smettiamo di chiedergli salvezza, l’amore ci salva.


«La scrittura di Michela Marzano, icastica, frammentaria, composta di rapidi flash, solleva in alto la materia stessa del narrare, la sua intima felicità» - Marco Belpoliti, TTL - La Stampa

La sera in cui Giada si ammazza, Daria precipita in una sofferenza che nutre con devozione religiosa, perché è tutto ciò che le resta della figlia. Una sofferenza che la letteratura non deve aver paura di affrontare. Per questo siamo disposti a seguire Daria nel suo buio, dove neanche il marito e l’altro figlio riescono ad aiutarla; davanti allo scandalo di una simile perdita, ricominciare a vivere sembra un sacrilegio. Daria si barrica dietro i ricordi: quando non riusciva ad avere bambini e ne voleva uno a ogni costo, quando finalmente ha adottato Giada e il mondo «si è aggiustato», quando credeva di essere una mamma perfetta e che l’amore curasse ogni ferita. Con il calore avvolgente di una melodia, Michela Marzano dà voce a una madre e al suo struggente de profundis. Scavando nella verità delle relazioni umane, parla di tutti noi. Del nostro desiderio di essere accolti e capiti, della paura di essere abbandonati, del nostro ostinato bisogno di amore, perché «senza amore si è morti, prima ancora di morire».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,15
di 5
Totale 20
5
10
4
5
3
3
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    filippone

    02/08/2020 10:21:50

    come altri volumi dell'autrice, non sono assolutamente romanzi filosofici, restano romanzi non infrequentemente languidi, questo è migliore di altri anche per la scrittura, ma resta di livello medio

  • User Icon

    agata

    01/08/2020 05:05:17

    la trama del libro suscita un qualche interesse, ma il finale è smanceroso e stucchevole

  • User Icon

    silvio b.

    31/07/2020 20:10:44

    notevole lo sforzo dell'autrice, molto meno l'opera soprattutto per il finale ovvio e languido

  • User Icon

    giuly

    15/05/2020 14:44:53

    Libro molto scorrevole, la scrittura della Marzano è molto dolce, elegante e mai pesante, nonostante l'argomento non facile. Lo consiglio col cuore, a me ha aperto gli occhi, è stato una lettura illuminante anche se dolorosa. Sicuramente uno di quei libri che un giorno vorrò rileggere.

  • User Icon

    luca

    13/05/2020 18:04:50

    Un romanzo che affronta in maniera profonda due temi importanti: l'amore e la morte, soprattutto l'amore che sopravvive alla morte. La Marzano è un'autrice eccellente, grazie al suo stile riesce a farti immergere nel libro.

  • User Icon

    Paola85

    11/05/2020 16:17:46

    Perché una donna, perché una madre si perde? Perchè il dolore è troppo, perché le domande si ripetono, perchè le risposte rimproverano, perché non si è mai pronti ad accettare la morte di chi si è amato più di se stessi. Questa è la storia di un amore grandissimo.

  • User Icon

    Rita_S.

    08/05/2020 18:34:27

    La Marzano, in questo libro, affronta alcune tematiche legate al mondo femminile e le sviscera fino alle estreme conseguenze. L’adozione come conseguenza della sterilità. L’inadeguatezza nel rivelare al proprio figlio di non essere il genitore biologico. Ma l’amore incondizionato non riuscirà a salvarlo dal suicidio come possibile conseguenza delle problematiche tipiche dei figli adottati. La donna, dopo essere scesa all’inferno, un poco alla volta, riacquisterà fiducia in se stessa sia come mamma sia come donna. La conseguenza sarà sorprendente, ancora una volta donerà “L’amore che le resta”.

  • Daria è una madre che ha perso una figlia. Giada, a soli venticinque anni, ha deciso di togliersi la vita. Da questo dolore insanabile, Daria comincia a vagare nei ricordi: quando non riusciva ad avere bambini; quando ha adottato Giada; quando credeva che l’amore fosse abbastanza, fosse tutto. Nessuna madre è perfetta. Nessuna madre è capace. Nessuna madre va bene. L’importante è accogliere. È questo l’amore. Che non ripara niente, ma accetta. Non basta mai, ma soccorre. Quella di Daria è la storia di una madre che si è vista il mondo crollare addosso. È la storia di una madre che dalla morte della figlia ha cominciato a mettere in discussione il suo essere madre, perché se un figlio si uccide, significa che quel figlio stava male, maledettamente male, e come si fa a non accorgersene? Non voglio nemmeno pensare ai sensi di colpa che un genitore sviluppa quando avviene un dramma di questo tipo. Immagino che si finirà sempre per incolparsi, immagino che l’unica cosa che invaderà imperterrita i nostri pensieri sarà proprio la colpa per non avere visto, per non avere capito, per aver sottovalutato. E non ci vuole un genio per capire che pensieri di questo tipo sono terribili, e che si aggiungono a un dolore già di per sé insostenibile. È sempre la stessa litania, ogni giorno, ogni persona: hai figli? Quanti figli hai? Si dovrebbero vietare certe domande. Oscene. Irricevibili. Indipendentemente dai figli che hai o non hai, che hai perso o hai ancora, che hai amato o hai subito. Li hai, ma non li volevi. Non li hai, ma faresti qualunque cosa pur di averli. Li avevi e ne hai perso uno. Allora, quanti ne hai? Uno? Due? Erano due e ora è uno? Sei madre? Non lo sei più? Chi sei? Fai la spesa per uno, cucini per uno, lavi e stiri per uno, pensi a uno. Cioè. No. Pensi sempre a due. Sebbene per una dei due non cucini e non stiri più. Non puoi più preoccuparti per lei. Lei non c’è. Lei si è ammazzata. Anche se c’è sempre. Il sempre [continua sul blog]

  • User Icon

    A.

    30/04/2020 10:25:53

    Libro toccante ed emozionante, racconta l'esperienza del lutto con una delicatezza disarmante. Consiglio a tutti di leggerlo!

  • User Icon

    GIAMBA

    25/10/2019 16:58:17

    Tentativo di raccontare il difficile tema dell’adozione attraverso il linguaggio del romanzo. Nel complesso un buon libro, piacevole. Finale un po’ troppo semplicistico e mieloso.

  • User Icon

    Laura

    03/09/2019 10:42:25

    Un romanzo potente che parla di dolore, di morte, di elaborazione del lutto, di rinascita, ma anche di maternità, di adozione, di ricerca delle origini, necessaria per poter avere un senso. E ci ricorda quanto l’abbandono sia un trauma perché “Si abbandona ciò che non serve, ciò che è inutile, ciò che non si ama”. Con una scrittura asciutta, frasi brevi, periodi secchi, alternando flashback e presente, Michela Marzano, ci porta per mano in una sorta di viaggio negli abissi di sofferenza di questa madre, devastata dal dolore, che cerca di capire il perché della scelta della figlia e allo stesso tempo di sopravviverne. Non si può rimanere indifferente al dolore di Daria, alla sua rabbia e ai suoi infiniti sensi di colpa, per non aver capito, per non aver saputo dare alla sua pulcina quello di cui aveva bisogno, per non averla amata abbastanza o forse per averla amata troppo. Un romanzo doloroso e bellissimo, da leggere

  • User Icon

    Stefano

    04/06/2019 01:55:05

    Brava professoressa!! Grazie davvero

  • User Icon

    Silvia

    20/09/2018 14:19:45

    Non conoscevo Michela Marzano. Ma la copertina di questo libro ha catturato immediatamente la mia attenzione. Sarà che da poco avevo perso un caro amico e quell’immagina riassumeva in modo efficace ciò che a parole non riuscivo ad esprimere e non riesco ad esprimere nemmeno oggi. Ci ho messo poi un anno per affrontarne la lettura, perché la paura di ritrovare il senso di vuoto che ho vissuto in quel periodo e spargere sale sulle ferite ancora aperte era tanta. Può il tempo lenire il dolore per la perdita? No, non può. Può solo aiutare ad elaborare il lutto e a selezionare cosa ricordare e cosa no. Ed io ho deciso di ricordare solo gli episodi felici. Certo, il dolore per la perdita di una figlia sicuramente è ad un livello di strazio superiore. E lo descrive molto bene l’autrice nelle pagine del romanzo. Con continui flashback ci aiuta ad entrare nella storia di questa famiglia, all’apparenza perfetta. Con frase brevi, concise, efficaci ci fa vivere il dolore di questa madre che crede di avere tutte le colpe per il gesto estremo della figlia. Mantenendo centrale la figura di Daria, tuttavia, la Marzano riesce anche a descrivere molto bene il diverso modo di confrontarsi con il dolore ed elaborare il lutto degli altri due membri della famiglia, Andrea e Giacomo. E nella parte finale del libro scrive una interessante analisi sullo stato d’animo delle persone adottate, che molto spesso sono disorientate dalla loro mancanza di radici e lottano per capire il perché non sono state amate e cresciute da chi le ha messe al mondo. Non un libro da ombrellone, insomma. Ma sicuramente molto bello

  • User Icon

    Luca

    20/09/2018 13:27:19

    Non mi ha convinto la fine del libro, un po' troppo facile. Il tema delle adozioni è importante però l'istanza politica che attraversa il libro (peraltro sensata) copre la storia che invece dovrebbe vivere per se stessa. Insomma più che letteratura sembra un saggio filosofico in edizione divulgativa.

  • User Icon

    Ombretta

    24/10/2017 14:25:06

    Non mi ha appassionato particolarmente. Forse voler capire perchè qualcuno decide di uccidersi è al di sopra delle capacità della scrittrice come di tutti noi.

  • User Icon

    slvn95

    12/09/2017 14:08:35

    Mi accingo a scrivere la recensione dopo tre mesi dalla lettura, eppure lo ricordo ancora molto vivamente, perché è un libro che lascia il segno. E' un romanzo scritto davvero molto bene, scrittura scorrevole, piena di vivissimi flashback che ti fanno capire la psicologia dei personaggi, che sono ben caratterizzati. Ho amato e compreso Daria, e tutta la sua famiglia, il dolore che si prova in questi casi è davvero indescrivibile, posso solo immaginare. L'autrice Michela Marzano penetra in profondità nel dolore con le parole in questo romanzo, e ti lascia quel senso di nostalgia e di angoscia che si prova quando si perde una persona amata, portandoci sul finale a "superare" senza mai dimenticare. L'unico punto a sfavore è la rarissima descrizione di luoghi, ambienti e personaggi (fisicamente), ci da molta libera immaginazione; suppongo però che ciò sia fatto proprio per dare più spazio al dolore, alle emozioni, ai sentimenti ed ai ricordi. Consigliato a lettori a cui piace molto il genere drammatico, perché questo romanzo è struggente ma bellissimo, ci lascia senza fiato per l'amore che ci fa ricordare.

  • User Icon

    Leonardo de Chanaz

    15/07/2017 09:44:28

    Leggi la prima parte con un gran magone, poi elabori, assieme a Daria, il dolore. Durante la lettura vai a esplorare la vita di Michela Marzano, per cercare se c'è qualcosa di autobiografico. Un libro molto bello, avvincente. L'autore è straordinaria nel sentire la lenta e faticosa elaborazione di Daria, ma anche l nostra, che la seguiamo, sopratutto noi che abbiamo figli. La morte di un figlio è prima di tutto contro natura, e poi è un dolore inguaribile. Molto interessante la parte ultima che riguarda l'impatto dell'adozione, sia per il genitore che per il figlio, che trova delle radici vuote. Consiglio!

  • User Icon

    angelo

    05/05/2017 13:15:30

    Ingredienti: un desiderio di maternità soddisfatto attraverso l’adozione, una voragine incolmabile lasciata da un suicidio, un vuoto doloroso causato dalle proprie radici "amputate", un eccesso di amore per coprire buchi, perdite e crepe. Consigliato: a chi ha subito l’incantesimo della maternità, a chi si immerge negli abissi dei sentimenti.

  • User Icon

    Mirko

    28/04/2017 16:56:29

    "L'amore non ha confini, per questo è perfetto", queste le parole che chiudono questo romanzo della sapiente autrice. La storia, strutturata su un rapporto tra madre e figlia ricostruito attraverso il vero protagonista ossia il vuoto, quello lasciato dalla improvvisa morte violenta della figlia Giada. Il dolore straziante è sordo provato da Daria, protagonista del libro, madre adottiva di Giada che, non riuscendo a ricucire la sua esistenza oltre i ricordi primari, decide di togliersi la vita. Straordinario il modo in cui l'autrice fa venir fuori la vera anima di Giada attraverso i documenti consegnati da Paolo, suo fidanzato, alla famiglia della ragazza. Mi ha colpito l'intreccio sottile tra il rapporto che Daria ha avuto con sua madre è quello che lei, in veste di madre, ha avuto con la figlia adottata. Dalle pagine di questo libro emerge trionfante l'urlo della verità che ci ricorda che amare non vuol dire salvare e proteggere ciò che amiamo. Da leggere.

  • User Icon

    Enza

    11/04/2017 15:47:42

    Brava la Marzano lo è senza dubbio. Intelligente, altrettanto. Una donna in gamba, ma che non conosce forse fino in fondo il rapporto tra madre e figlia visto dal punto di vista della madre. In alcuni passaggi questo libro, pur sempre ottimo, non mi ha convinta fino in fondo. Consigliato con riserva.

Vedi tutte le 20 recensioni cliente
  • Michela Marzano Cover

    Michela Marzano vive a Parigi dal 1999, dove è arrivata dopo un dottorato di ricerca in Filosofia alla Normale di Pisa con Remo Bodei. A 36 anni ha ottenuto l'abilitazione come professoressa universitaria, e attualmente è direttrice del Dipartimento di Scienze Sociali (SHS - Sorbona) e professore ordinario di filosofia morale presso l'università Paris Descartes.Fra gli ambiti di ricerca di cui Marzano si occupa o si è occupata, ricordiamo quelli del corpo e del suo statuto etico, l'etica sessuale e l'etica della scienza medica, la filosofia morale specialmente in relazione alle sue implicazioni teoriche nelle norme di comportamento.Dirige una collana di saggi filosofici per le Edizioni PUF.Fra le sue pubblicazioni in italiano ricordiamo Straniero nel corpo. La passione... Approfondisci
Note legali