Categorie

Marcel Proust

Traduttore: O. Del Buono
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 17
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: XVII-210 p. , Brossura
  • EAN: 9788811360087

Questo romanzo riesce ad evocare l'amore in ricordi remoti della memoria, legato ad un fatto più che ad una persona, e a tutto quello che in un determinato periodo ci ha fatti sentire innamorati. E' una piccola melodia, una frase musicale, a scatenare l'amore in Swann, un amore non ricambiato, ma che da lui viene giustificato come "amore per il bello e per l'arte", trovando attorno alla persona amata, e non nella persona amata, le ragioni per l'esistenza di tale sentimento.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    emanueleg

    14/03/2011 12.32.44

    Lettura non facilmente afferrabile al primo acchito. Con attenzione e tempo penso sia un ottimo inizio per intraprendere la lettura della Recherche e assaporarne la grandiosità.

  • User Icon

    Andrea

    09/09/2007 22.00.59

    Sembra guardare un quadro di Renoir, Monet o di Helleu, quando si legge questo strordinario affresco delle francia di fine '800 di Proust, quella borghesia che vole essere così intellettuale, sopra ogni altra famiglia o discendenza, che si rifugia tra pittori, musicisti e medici. Il romanzo ha dentro di se un qualcosa che può permetttere a chi lo legge di usare l'aggettivo mostruoso. E' in realtà solamente una storia, un "romanzo nel romanzo" compiuto all'interno de "alla ricerca dl tempo perduto" che introduce la figura di Swann, giovane e brillante borghese, conosciutore profondo della pittura, delle arti e della musica, che va a frequentare un piccolo salotto quello dei Verdurin che sono certamente ben al di sotto del suo livello. Qui incontra Odette De Crecy, con cui instaura un profondo rapporto. Ma quello che strabilia in Proust, non è tanto la storia, il racconto di un'epoca, ma la profonda analisi che lui fa dell'amore, della gelosia , dell'uomo. Non vuole essere un romanzo psicologico alla Freud, statico e freddo quindi, ma è una strittura fondamentalmente anarchica, ipotattica e che cattura tanto che vorresti che non finisse mai. Sicuramente il miglior libro che abbia letto sino ad ora. Il suo capolavoro resta "alla ricerca del tempo perduto", di cui spero presto di entrar in possesso anche se è una spesa, ne vale la pena.

Scrivi una recensione