Categorie

Andrea Vitali

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2004
Pagine: 116 p. , Rilegato
  • EAN: 9788811678168

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gaia

    29/06/2014 20.24.57

    Sicuramente scorrevole, ma un po' privo di consistenza dall'inizio alla fine.. A volte trovo che i libri di Vitali siano più o meno tutti simili.. Non male, ma sicuramente non lo consiglierei.

  • User Icon

    claudio

    26/04/2014 09.32.21

    Ennesima opera di Andrea Vitali, anche se inferiore alla maggior parte degli altri suoi lavori che ho letto. Probabilmente il meglio gli viene quando racconta la Bellano del periodo fra le due guerre e quando inserisce quella caterva di nomi che solo lui conosce. Comunque anche questo libro si fa leggere.

  • User Icon

    migliettaser

    03/05/2013 11.41.28

    Non racconta quasi nulla , ma è scritto bene. Le parole si succedono con garbo come le piccole onde del lago che accarezzano la battigia. Il personaggio principale viene delineato con cura , un dipinto di maniera ben eseguito. Il tono pacato di Vitali affascina.

  • User Icon

    Stellasolitaria

    18/07/2012 10.36.24

    Ieri sera mi sono trovata a casa dei miei genitori senza libro da leggere e ho trovato questo sul comò. L'aveva prestato mia zia a mia mamma. Mamma e zia adorano lo stile di Andrea Vitali. La premessa della zia però era stata: non è un gran che. Stanotte ne ho letto metà al volo. Conosco Vitali solo di fama, ma non avevo mai letto niente. Non mi trovo però d'accordo con i commenti che lo descrivono come un libro piatto. Iole anche se abitudinaria non è piatta. Come sempre è necessario andare oltre le parole scritte e leggere quelle non scritte. Stasera lo finisco. Come inizio carino. Lettura veloce e leggera da una sera e via.

  • User Icon

    simo62

    05/09/2011 14.54.31

    Questo Vitali per paragonarlo a Piero Chiara ce ne vuole... non so, forse ho letto il libro sbagliato, ma francamente l'ho trovato piuttosto insipido, niente a che vedere con l'ironia sanguigna e corposa del maestro Chiara di cui sono un'appassionata. E poi dico.. dov'è il finale? Sembra troncato a metà questo romanzo già miseramente basato su una prostata malata e un messaggio frainteso. Proverò a leggere Una finestra vistalago.. spero non mi deluda anche questo.

  • User Icon

    lettore4

    11/12/2010 20.10.32

    Il maggior pregio dell'autore è sicuramente la caratterizzazione dei personaggi che risultano vivi e quasi reali (deve aver letto molto i maggiori autori russi e si vede) .Si perde, invece, la piacevolezza della lettura quando fa intervenire Dante, giacché la strizzatina d'occhio al lettore diventa più smaccata e la trovata umoristica è molto, troppo forzata. Lo stile, pur scorrevole, è a tratti di una banalità sconcertante con tantissime frasi fatte e luoghi comuni. Sinceramente, dopo gli osanna della comunità letteraria mi aspettavo di più. Ho apprezzato, al contrario di quanto ho letto in altri commenti, la brevità: non essendoci una trama a reggere il racconto, il libro sarebbe stato noioso e ripetitivo. Mi pare più onesto, da parte dell'autore, chiudere la storia quando non ha più niente da dire. Che poi i prezzi siano eccessivi non è imputabile sicuramente a Vitali.

  • User Icon

    Flavia

    11/04/2010 15.11.19

    Bello, come tutti i libri di Vitali mi è piaciuto molto, certo è particolare lo stile deve piacere e se parliamo del prezzo lo stesso discorso lo si può fare con tutti i libri di Bambarèn, 30 minuti di lettura per 15/18€.

  • User Icon

    Vella

    26/10/2009 13.06.18

    Primo liblro di Vitali e, giuro sulla mia cocorita Alessandra, l'ultimo. Trama non pervenuta, lingua da tema terza liceo (non del primo della classe, però eh?), personaggi piatti come il lago di Como appunto, narratore onniscente con le intuizioni di un criceto sulla ruota. E che successo di pubblico! Possibile?

  • User Icon

    anticonemico

    19/06/2009 08.50.29

    Per un amante dei thriller come il sottoscritto questo libro di Vitali e' stato gradito al pari dell'apparizione di un oasi dopo un lungo viaggio in un deserto sterminato. Ci si muove all'interrno di una storia di altri tempi, dove tutto era piu' misurato lontano dagli eccessi di questi stupidi tempi moderni. Educazione, pudore, gentilezza sono le tre fate madrine che vi condurranno nel regno di queste poche indimenticabili pagine.

  • User Icon

    Barbara

    17/07/2008 12.26.00

    Concordo con Pixie che 13 euro per un centinaio di pagine che si leggono in poche ore sono un pò troppo. La storia poi è abbastanza carina solo che secondo me non ha ne capo ne coda. Sembra un pezzo estrapolato a caso da un altro libro. Finche lo leggi va tutto bene ma quando poi arrivi alla fine ti viene da dire "e quindi?".

  • User Icon

    Maria

    07/04/2008 18.20.39

    L'unico bel libro di Vitali.

  • User Icon

    pixie

    02/01/2008 13.38.36

    Molto simpatico!!! Piccole storie di paese, con la zitella Iole colta ma sola, la sua collega Iride, piccola vipera, il segretario comunale con probemi di prostata, la zia Ortensia con le visite a sorpresa... Però certi racconti andrebbero riuniti in un'unica opera in modo da ammortizzare i costi... 116 pagine per più di 13 ero (26.000 lire) mi sembrano un po' tanti.

  • User Icon

    sergio

    31/12/2007 00.00.18

    Ho visto la riduzione teatrale. Mi è piaciuta e successivamente ho acquistato il libro. Un bravo a Vitali che ha descritto i personaggi e la Bellano di quel tempo molto bene e bravi gli attori che li hanno fedelmente portati in scena. La presunta storia d'amore della Iole teatrale è leggermente diversa da quella del romanzo, ma la vita di Iole e dei colleghi d'ufficio non ha perso quell'atmosfera che aleggia nel romanzo. Anzi con la musica, con le sirene dei battelli, le luci e gli altri accorgimenti tipici del teatro rendono la storia ancora più suggestiva. Non so se Vitali ha visto la riduzione teatrale. Mi piacerebbe conoscere il suo parere. Gli attori che hanno portato in scena "Un amore di zitella" sono della Compagnia "Teatro in Mostra" di Como. E' un'occasione da non perdere specialmente per chi ha già letto il libro.

  • User Icon

    m.silvia

    20/12/2007 12.27.53

    forse il più carino di Vitali..fresco e divertente...mi è piacito molto..lo consiglio a chi vuole distrarsi e farsi 4 risate!!!!

  • User Icon

    nini11

    23/06/2007 10.30.54

    Grazioso e simpatico, così minimale e dimesso. Senza una vera trama ma accattivante. Penso che il primo Vitali, quello degli esordi, fosse più simpatico, meno sboccato, meno tronfio. Che poi si sia montato la testa?

  • User Icon

    Silvia

    21/05/2007 16.11.19

    Questa è la prima opera che ho letto di Vitali. Trattandosi di un autore molto osannato ho preferito iniziare con qualcosa di meno impegnativo a livello di prezzo e di mole e sono rimasta molto soddisfatta. Assolutamente vero che il romanzo si legga in massimo un apio d'ore, ma è un tempo spensierato al cui termine si prova un pò di dispiacere per la fine della storia descritta con molta pacatezza e delicatezza. Sono proprio curiosa di affrontare le altre opere dell'autore, magari proprio quelle più decantate come La figlia del podestà. Consigiatissimo comunque a coloro che intendono accostarsi all'autore.

  • User Icon

    Katia (Svizzera)

    16/05/2007 11.17.00

    Si legge in una sera, scorrevole, descrittivo, ironico e al tempo stesso un po' triste. Mi piace lo stile semplice che Vitali ha usato in questo racconto. Lo consiglio a chi desidera rilassarsi leggendo un libro leggero e poco impegnativo. Bravo Vitali!

  • User Icon

    anna

    20/03/2007 10.13.32

    simpatico...fluente...da leggere in una sera!lo consiglio per rilassarsi un pò e fare 2risate!;-)

  • User Icon

    Barbara

    02/02/2007 14.46.37

    Un piccolo libro in cui si racconta la vita in un piccolo ufficio di un piccolo paese. Non mi è piaciuto molto, a parte la fine, che a mio avviso è davvero bella e sottolinea una complicità inaspettata. Nonostante ciò non mi sentirei di consigliarlo a qualcuno, forse semplicemente perchè non è il mio genere di letture.

  • User Icon

    Barbagianni

    21/09/2006 22.03.38

    Come sempre Vitali tratteggia personaggi ed ambiente con mano da acquarellista. Anche dalla quotidianità più banale sa trarre trame che intrigano. Sembra di viverla la Bellano degli anni '60. Peccato il finale un po' tirato via, quasi urgesse chiudere il racconto.

Vedi tutte le 32 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione