Categorie

Amore, lavoro e altri miti da sfatare

Artisti: Lo Stato Sociale
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Universal
Data di pubblicazione: 10 marzo 2017
  • EAN: 0602557442748
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

Lo Stato Sociale si definiscono “la band di cinque ragazzi bolognesi che fanno canzonette”. Albi, Bebo, Lodo, Carota e Checco, a due anni dal loro successo “L’Italia peggiore”, sono pronti a tornare con l’album “Amore, lavoro e altri miti da sfatare”.


“Le canzoni sono cose piccole e non servono a niente se non a scegliere da che parte stare”. Lo Stato Sociale è sociale anche per cose come questa: uno slogan velleitario, certamente di sinistra (di questi tempi mica è scontato) su un cartello alla fine del video di Vorrei essere una canzone – dove nel frattempo si sono baciati sulla bocca il chitarrista e il pianista. La canzone comincia come l’avrebbe cominciata Vasco Rossi, e ti invita a metterti in fila dietro un ingorgo di metafore automobilistiche (“vorrei essere una canzone / per cui non vedi l’ora di uscire da una galleria”), ultraquotidiane, un poco claustrofobiche.

Contano molto Bologna, i suoi portici e i suoi fantasmi. I contorni. I dintorni. Se c’è un punto dove si intrecciano le linee immaginarie che uniscono i Cccp Fedeli alla linea e Luca Carboni, Francesco Guccini e i Lunapop, più o meno da quelle parti ci trovate Lo Stato Sociale, ex conduttori radiofonici che hanno mantenuto il vizietto di non esporsi troppo in persona e mandare avanti per prime le canzoni, poi le parole. Il mezzo è il messaggio. Elettropop. Giro di Do. Pet Shop Boys. La differenza tra Lo Stato Sociale e tutti gli altri è precisamente questa: le loro canzoni sanno già da che parte stare. Si tratti di malinconie di coppia navigata (“non fosse che io ho paura di crescere / e tu hai paura di nuotare”), sit-com cantautoriali (“in questa giungla di tofu e seitan (…) abbiamo finito la felicità”), incazzature social (“nasci rockstar e muori giudice di un talent show”), tentativi di costruire almeno un Rovazzi di sinistra ora che si è dimostrato impossibile fabbricare neppure un Renzi (“qui non c’è il ritornello / mi diverto lo stesso”).

Non una parola sul malgoverno, il futuro della sinistra, la mancanza di futuro, le fake news, la voglia di uomo forte (tutto racchiuso nella categoria dell’“inferno a fuoco lento”, secondo un loro stesso verso). Questo no. Che bisogno ce n’è quando, sotto sotto, già pendi verso la migliore delle ipotesi, o almeno verso il minimo danno: “Questo paese ha bisogno di silenzio / e io non lo sto aiutando”. Non è scontato. Un mondo migliore verrà.

Recensione di Alberto Piccinini.