Anatomia di un omicidio

Anatomy of a Murder

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Anatomy of a Murder
Paese: Stati Uniti
Anno: 1959
Supporto: DVD
Salvato in 31 liste dei desideri

€ 14,25

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un avvocato di provincia del Michigan decide di difendere un ufficiale che ha ucciso l'uomo sospettato di avergli violentato la moglie.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,43
di 5
Totale 7
5
3
4
4
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marcello

    15/05/2020 11:11:26

    Uno dei migliori film di quegli anni e Otto Preminger era una super-regista. Narra la vicenda di un processo nei confronti di un Tenente dell’esercito che andò a vendicare la violenza subita dalla moglie. L’attore hitchockiano Patrick Stewart è l’avvocato pronto a difenderlo. Dopo averlo visto, ho “scoperto” che il libro, dal quale è stato tratto il film, parla di un episodio realmente accaduto allo scrittore che all’epoca era avvocato. Certo tre ore sono un po’ troppe per una faccenda giuridica, ma ne vale la pena.

  • User Icon

    Danny Bailey

    11/05/2020 13:08:06

    Film che cresce ad ogni visione, interpretazione granitica a parte il troppo spesso gigioneggiante Ben Gazzara, menzione speciale la gatta morta (in apparenza....) Lee Remick dai perforanti occhi chiari anche in bianco e nero, e se non bastasse c'è la colonna sonora di Duke Ellington.

  • User Icon

    Sissi

    04/07/2019 08:45:19

    un classico, buon cast, film gradevole

  • User Icon

    Sissi

    04/07/2019 08:45:19

    un classico, buon cast, film gradevole

  • User Icon

    Vincenzo

    14/12/2008 14:02:57

    Un grande capolavoro del cinema noir, diretto magistralmente da Otto Preminger. Personalmente, ne ero incuriosito, all'inizio, perchè sono un grande ammiratore di Duke Ellington (favolosa la colonna sonora), poi ne sono rimasto stregato. Un cast eccezionale (bravissimo James Stewart) per un film che, non presentando alcun "punto morto", si rivela avvincente e mai scontato. Da vedere e rivedere più volte.

  • User Icon

    Luca Ballati

    10/07/2007 18:21:26

    L'ennesimo capolavoro del grande Preminger e del grande Stewart, oltre a questo và visto per vedere Stewart che suona il pianoforte con Duke Ellington

  • User Icon

    silvia

    13/09/2005 08:26:51

    Uno vede la data e si aspetta il solito film a tinte pastello, all'insegna delle pruderie e del conformismo, invece i contenuti sono attuali, i personaggi complessi, la storia avvincente. Se piace il genere "processuale", è imperdibile.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente

1959 - Mostra d'arte cinematografica di Venezia - Miglior attore (Coppa Volpi) - Stewart James

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Columbia TriStar Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 154 min
  • Lingua audio: Italiano (Mono);Inglese (Mono);Francese (Mono);Tedesco (Mono);Spagnolo (Mono)
  • Lingua sottotitoli: Inglese; Francese; Italiano; Tedesco; Spagnolo; Olandese; Arabo; Portoghese; Ceco; Danese; Greco; Norvegese; Finlandese; Ebraico; Hindi; Ungherese; Islandese; Polacco; Svedese; Turco; Bulgaro
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; scene inedite in lingua originale; filmografie
  • James Stewart Cover

    Attore statunitense. Laureatosi in architettura a Princeton, dopo avere recitato a Broadway debutta a Hollywood in Ultime notizie (1935) di T. Whelan. Il primo ruolo da protagonista arriva nel 1936 in Nata per danzare di R. Del Ruth, e la sua stella si afferma con grande rapidità grazie a una recitazione garbata, un'affabilità istintiva e un misurato talento interpretativo che ne fanno l'attore in cui il pubblico americano si identifica con maggiore trasporto. Recita con grande assiduità in numerosi film di successo, tra cui L'eterna illusione (1938) e Mister Smith va a Washington (1939) di F. Capra, Questo mondo è meraviglioso (1939) di W.S. Van Dyke ii, e, nel 1940, Scrivimi fermo posta di E. Lubitsch, Bufera mortale di F. Borzage e Scandalo a Filadelfia di G. Cukor. Dopo aver combattuto... Approfondisci
  • Lee Remick Cover

    "Attrice statunitense. Giovane e bella esordiente col Kazan più sferzante (Un volto nella folla, 1957), perla nel torrido Sud di La lunga estate calda (1958) di M. Ritt, si dimostra subito attrice duttile nella suspense estenuante di Anatomia di un omicidio (1959) di O. Preminger, così come nella provocazione erotica di Fango sulle stelle (1960) di E. Kazan. Intensa protagonista incline all'alcol in Il grande peccato (1960) di T. Richardson e, soprattutto, in I giorni del vino e delle rose (1962) di B. Edwards (interpretazione che le vale una nomination), è invece spumeggiante nella commedia farsesca Letti separati (1963) di A. Hiller. La densa e mai interrotta attività in tv – da Los Angeles 5o distretto polizia (1973) di R. Butler a La spiaggia dei giorni felici (1980) di M. Tuchner – lascia... Approfondisci
  • Ben Gazzara Cover

    Propr. Biagio Anthony G., attore e regista statunitense. Duro e intelligente, figlio di immigrati italiani, arriva al cinema direttamente dalle strade del Lower East Side di Manhattan, quando il suo aspetto scuro e sinistro gli permette di ottenere una parte di sadico studente attivista in Un uomo sbagliato (1957) di J. Garfein. Diviene noto al grande pubblico americano per la sua performance nella serie televisiva I giorni di Bryan (1965-68) di L.H. Martison e altri. Carattere deciso, riesce a calarsi perfettamente anche in personaggi di stampo comico nelle commedie e nei film grotteschi diretti da J. Cassavetes, come Mariti (1970), Assassinio di un allibratore cinese (1976) e La sera della prima (1977). Negli anni '80 sembra preferire l'Italia, dove si stabilisce prendendo parte a film come... Approfondisci
Note legali