Categorie

Nikolaj Gogol'

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806189396

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nino Amico

    25/10/2014 12.27.52

    Gogol riesce con la mano del pittore a ritrarre un mondo ricco di personaggi esilaranti, al limite del surreale, con l'ironia che gli è propria e che rende profonda e pungente ogni rappresentazione. Un mondo dove sfilano i personaggi più diversi, dai ricchi e viziosi proprietari terrieri ai funzionari statali biechi e corrotti. E anche laddove vengono ritratti personaggi apparentemente positivi, apparentemente buoni di carattere o lavoratori onesti e dediti al benessere della propria famiglia e dei servi delle loro terre, si scorge in realtà, rivelandone il vero volto attraverso la satira, la loro misera vita, la loro pochezza, la mancanza di valori autentici. Personaggi che sono essi stessi le vere anime morte e non i servi oggetto delle contrattazioni di Cicikov. Questi, il personaggio principale dell'opera e vorremmo dire il catalizzatore dei vizi e delle storture, della mancanza di scrupoli e della corruzione morale, è colui che meglio di chiunque altro è capace ad un tempo di mettere alla berlina i notabili cittadini e i piccoli proprietari terrieri dediti ai divertimenti e alle ricche libagioni, e apparire poi ridicolo, misero, e senza spessore morale, con la sua ricercatezza nel vestire e la cura della sua toletta. Egli arriva persino a farsi cucire da un sarto un abito assai ricco e sfarzoso anche quando sono stati scoperti i suoi disonesti traffici ed egli è costretto a fuggire. Il tratto caratteristico dell'intera opera è dunque l'ironia e la satira piccante, provocatoria, capace di illuminare in modo vivido e beffardo un mondo dove regnano depravazione e immoralità. Ma in questa prima opera che voleva essere, secondo le intenzioni dell'autore, un grande poema sulla Russia, si ritrova anche la poesia di una natura magica e incantata che viene raffigurata in maniera appassionata e commovente dall'autore. Una natura che si beffa delle miserie umane e regna sovrana, incontrastata, immutabile e meravigliosa sopra ogni cosa.

  • User Icon

    sandro landonio

    30/08/2013 01.42.03

    Amore infinito per la propria patria e per il suo popolo commisto ad una capacità estremamente efficace di ironizzare sui difetti dello stesso. Sorriso e poesia congiunte alla grande dote di incantare narrando, ne fanno uno dei massimi capolavori di sempre. E' un libro che vale e purtroppo bisogna andarselo a cercare in libreria negli angoli bui, essendo vetrine ed espositori in primo piano già occupati da decine di straordinari talenti contemporanei. Ai posteri.....

  • User Icon

    serafino di cesare

    23/11/2007 19.03.08

    Sensazionale! Incredibile! Due secoli ci separano da Gogol: chi, allora (e anche oggi), poteva avere solo l'embrione dell'idea di scrivere un romanzo (diventato un capolavoro) che non avrebbe avuto una trama? Gogol ammalia, disegna, convince parlando quasi del nulla. Non ci credete? Leggete questa meraviglia... Nella cornice della travagliata vita del grande "precursore" russo, risplende questa gemma della letteratura di sempre.

Scrivi una recensione