Un anno sull'altipiano

Emilio Lussu

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 216 p.
  • EAN: 9788806219178

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Avventura - Narrativa di guerra e combattimento - Narrativa ambientata durante la Prima Guerra Mondiale

Disponibile anche in altri formati:

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luca Aquadro

    01/11/2017 09:41:14

    Fra pochi giorni sarà il 4 novembre e in queste settimane ricorrono i 100 anni dalla battaglia di Caporetto. Non è dunque raro sentir parlare della Prima Guerra Mondiale, ma, come sempre in questi casi, il rischio-retorica è altissimo. Forse la cosa più semplice da fare per evitare di cadere nella trappola è quella di lasciare la parola a chi, come Emilio Lussu, ha sia l'autorevolezza del testimone diretto degli eventi sia il talento dello scrittore. Capitano della Brigata Sassari, a distanza di circa vent'anni dagli eventi scrisse, anche a seguito delle pressanti esortazioni di Gaetano Salvemini, "Un anno sull'altipiano", nel quale, in poco più di 200 godibilissime pagine, rievoca la propria esperienza di ufficiale dell'Esercito Regio tra il giugno 1916 e il luglio 1917, a partire dalla "Battaglia degli Altipiani" nei pressi di Asiago, durante la celebre "Strafexpedition", sino alla vigilia dei fatti che porteranno alla disfatta di Caporetto. A metà strada tra ricostruzione storica e romanzo autobiografico il libro "arruola" il lettore nell'avanguardia dell'esercito italiano, impegnato ormai da anni in una guerra inutile, disumana e logorante che sembra destinata a non finire mai, tra atti di eroismo e momenti di frustrazione, tra patriottismo e alienazione, tra buon senso dei semplici e incapacità degli alti comandi. "Finito il ritiro dei feriti e dei morti, che gli austriaci ci lasciarono raccogliere senza sparare un colpo, io mi ero sdraiato, cercando di dormire. La testa mi era leggera, e mi sembrava di respirare con il cervello. Ero sfinito, ma non riuscivo a prendere sonno. Il professore di greco venne a trovarmi. Egli era depresso. Anche il suo battaglione aveva attaccato, più a sinistra, ed era stato distrutto, come il nostro. Egli mi parlava con gli occhi chiusi. "Io ho paura di diventare pazzo" mi disse "Io divento pazzo. Un giorno o l'altro, io mi uccido. Bisogna uccidersi". Io non seppi dirgli niente." (p. 110) Da affiancare alla lettura di Ungaretti.

  • User Icon

    Ali.9

    30/06/2017 12:16:13

    Molto bello

  • User Icon

    Pier Morandi

    04/10/2016 15:06:50

    beh...senza tanti giri di parole, un libro magnifico . Una scrittura volutamente controllata, lontana dal voler 'colpire al cuore' (e non sarebbe certo stato difficile) e attraversata da una forte vena ironica. Emilio Lussu scrive in sottraendo, ma è proprio questo sottraendo a rendere il suo libro così grande.

  • User Icon

    angelo

    25/02/2016 23:04:09

    Capolavoro. Racconta i fatti di guerra come se fosse un diario di guerra . Sintetico, profondo a tratti divertente . Grande Emilio .

  • User Icon

    Luigi Murtas

    03/02/2015 12:50:59

    Testo fondamentale per conoscere la Grande Guerra

  • User Icon

    giamme

    05/12/2014 16:12:03

    "Un anno sull'altipiano" è un capolavoro letterario del Novecento, notevole anche per il fatto che si sostanzia di un eroismo bellico antimilitarista e pacifista, tanto più sorprendente se si pensa che il racconto è stato scritto da Lussu (interventista prima della guerra) negli anni più bui del nazifascismo trionfante. E se si pensa a quanto sono rari in Italia i racconti non militaristi e non nazionalistici sulla prima guerra mondiale. Da consigliare vivamente. Magari nelle scuole.

  • User Icon

    Marco

    31/10/2010 23:50:25

    Bello, anzi stupendo. Non è necessario essere appassionati del genere per apprezzarlo. Una persona semplice sopravvive agli orrori della guerra continuando a guardare il mondo e gli uomini con ottimismo e ironia. L'eccezionale umanità dell'autore traspare in ogni pagina, mai una parola di odio per il suo nemico: da entrambe le parti ci sono ragazzi trascinati dentro un ingranaggio insulso. Con tutto il rispetto per l'ottimo Rigoni Stern, "un anno sull'altipiano" è assolutamente insuperabile.

  • User Icon

    marina

    01/06/2010 17:41:30

    Bellissimo libro, coinvolgente e con una prosa perfetta. Scritto con molta pacatezza nonostante gli orrori vissuti durante la guerra: dimostrazione di un grande carattere e di una forza straordinaria. Gli avvenimenti più crudi insieme ai momenti più dolci o alle piccole cose che il furore delle battaglie, come ovvio, facilmente cancella. Lussu racconta ogni cosa con una delicatezza unica. Davvero consigliato per tutti.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione