L' appartamento

The Apartment

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Apartment
Regia: Billy Wilder
Paese: Stati Uniti
Anno: 1960
Supporto: DVD
Salvato in 70 liste dei desideri

€ 10,99

Venduto e spedito da KONKE

Solo 3 prodotti disponibili

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,99 €)

Per fare carriera, un impiegato presta il proprio appartamento ai superiori come pied-à-terre, si innamora dell'amante del capo del personale e si trova costretto a scegliere tra amore e lavoro.
5
13
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Francesco

    11/05/2020 13:06:40

    Che dire più di quanto non abbia già commentato chi mi ha preceduto nelle recensioni? Quando per fare uno splendido film, bastava un appartamento e degli attori..quali attori, però!!!

  • User Icon

    Bibliofila

    31/03/2020 20:26:38

    Come tutti i film di Billy Wilder, anche questo è un capolavoro. Da vedere assolutamente.

  • User Icon

    walkur@alice.it

    10/12/2019 18:58:22

    Ottimo film di Billy Wilder, bravissimo nel mescolare dramma a commedia. I protagonisti, Lemmon grandissimo come sempre e una esordiente Shirley McLaine, sono circondati da un cast di comprimari che contribuiscono a ben rendere un ambiente di lavoro sessista e piuttosto squallido. Wilder racconta la storia pruriginosa di un impiegato che per far carriera presta il suo appartamento ai superiori per le loro avventure amorose e la trasforma in una sorprendente difesa della dignità umana.

  • User Icon

    Nicola

    23/09/2019 16:24:12

    Benché vi siano apparentemente tutti gli ingredienti classici della commedia hollywoodiana, L'appartamento se ne distingue nettamente, per più ragioni. Lo stacco: non è un allegro sullo stile di A qualcuno piace caldo, ma un andante. Le singole sequenze sono lunghe, e non pretestuosamente: all'inizio, quando il protagonista rassetta la casa, assistiamo alla ripresa in tempo reale di qualcosa che sul momento potrebbe apparire insignificante, ma in effetti cominciamo a fare la conoscenza del personaggio per quello che è, mentre per capire che ruolo riveste nella vicenda ci sarà tempo. C'è una filosofia di fondo, sviluppata fin dall'inizio, e dichiarata da uno dei personaggi, Mrs Kubelik, verso la fine: la gente si divide in adoperanti e adoperati, e per quanto i secondi conoscano la loro condizione, non possono farci nulla. La svolta finale scatta proprio quando Mrs Kubelik viene a sapere da un tipico adoperante che un adoperato è riuscito a saltare lo steccato. L'umorismo sottile che pervade tutto il film si deve al prezioso lavoro di cesello lungo l'intero percorso: i dialoghi son fatti di una serie inestinguibile di delizie, e i momenti apertamente comici non sono molti, ma colpiscono meglio perché sono centellinati (a me fa ridere tantissimo Baxter quando minaccia col dito il cognato della Kubelik e poi gli offre un Martini). Non mancano le stoccatine ad alcuni vizi della società americana, in seguito largamente esportati, come l'irrespirabilità del clima negli ambienti di lavoro delle grandi aziende (cui sono contrapposti la solidarietà fra vicini di casa, e il senso del dovere), o l'invadenza della pubblicità televisiva (si era nel 1960). L'epilogo è geniale. Lemmon e la MacLaine eccezionali.

  • User Icon

    borsari.chiara

    22/09/2019 14:49:09

    Uno dei miei film preferiti in assoluto, insieme a “Irma la dolce”. Racconta la storia di questo impiegatucolo innamorato di un’ascensorista che, per la tranquillità della vita d’ufficio, affitta il proprio appartamento ai suoi colleghi, un po’ bulli, per le loro scappatelle amorose. Tutto questo darà vita a siparietti spettacolari con i vicini che lo credono un Dongiovanni e non pochi guai e parapiglia sul posto di lavoro, il tutto incoronato dalla sua dolce e pura storia d’amore, anch’essa non poco travagliata. Niente da aggiungere, un Jack Lemon difficile da non amare in questa pellicola. Un capolavoro assoluto d’altri tempi. Da vedere e tenersi stretto!

  • User Icon

    Elena se

    19/09/2019 13:10:17

    Bellissima commedia americana, divertente ma anche dolce e amara. Grandi attori. Un classico che rivedo sempre con piacere.

  • User Icon

    Daniela Nisticò

    11/03/2019 16:17:43

    Un film bello, spassoso, leggero. Si è di fronte alla commedia brillante di cui non ci si stanca mai.

  • User Icon

    wurzel

    19/04/2011 11:56:12

    Poche storie : questo film e' un capolavoro assoluto . Da vedere e rivedere , questo e' cinema con la C maiuscola . Il sorriso misto a stupore di Shirley Mac Laine nella scena del ristorante vale da solo il prezzo del DVD . STU-PEN-DO !!!

  • User Icon

    wurzel

    16/07/2010 23:31:47

    E' il film che ho visto il maggior numero di volte in vita mia ... credo non meno di 30 . Ed ogni volta mi sorprende ... perche' questo e' cinema con la C maiuscola ! Funziona tutto : regia impeccabile , attori straordinari , ritmo serrato , fotografia ... Credo che se fossi un pittore e dovessi dipingere un volto di donna , sceglierei l'immagine di Shirley Mac Laine mentre corre sorridente nella bellissima scena pre-finale . (E confesso che , complice questo film ed "Irma la dolce" , il mio livello di innamoramento verso questa straordinaria e bellissima attrice aveva raggiunto anni fa vette inquietanti ... ma non ditelo a mia moglie ...). Personalmente , ritengo "L'appartamento" di Wilder uno dei 100 film piu' belli di sempre . Da comprare a scatola chiusa .

  • User Icon

    barbara

    09/01/2010 18:10:11

    adoro i vecchi film della commedia americana, ero un po' titubante per questo che è piu' vecchio di quelli che vedo di solito ma devo dire che mi è piaciuto tantissimo - la storia poi è attualissima

  • User Icon

    OskarSchell

    10/03/2009 11:04:09

    Bellissimo e attuale! Consigliato dal cuore!

  • User Icon

    Stefania

    08/05/2008 10:13:46

    Uno dei film americani più belli che abbia mai visto.Romantico senza sdolcinatezze,drammatico e comico nello stesso tempo.Un film che negli anni non è minimamente invecchiato, inoltre si avverte fortissima l' inconfondibile impronta di Wilder.

  • User Icon

    toni

    03/10/2006 19:26:19

    grandissimo film!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! con attori straordinari. un film da avere assolutamente nella propria videoteca!!! Eccezionale!

Vedi tutte le 13 recensioni cliente

1960 - Mostra d'arte cinematografica di Venezia - Miglior attrice (Coppa Volpi) - MacLaine Shirley

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2001
  • Distribuzione: The Walt Disney Company Italia
  • Durata: 125 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono);Francese (Dolby Digital 1.0 - mono);Inglese (Dolby Digital 1.0 - mono);Spagnolo (Dolby Digital 1.0 - mono);Tedesco (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Francese; Spagnolo; Danese; Olandese; Svedese; Norvegese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers
  • Jack Lemmon Cover

    "Nome d'arte di John Uhler L., attore statunitense. Dopo aver recitato alla radio, a teatro e in televisione, debutta al cinema nel 1954 in Phffft (e l'amore si sgonfia) di M. Robson. Nel 1955 vince l'Oscar come attore non protagonista per La nave matta di Mr. Roberts di J. Ford e M. LeRoy, mentre nel 1959 avvia una lunga e fortunata collaborazione con il regista B. Wilder: l'esilarante A qualcuno piace caldo, dove dà una prova irresistibile del suo talento comico travestendosi da donna assieme a T. Curtis e finendo a esibirsi in Florida in un'orchestra tutta femminile, è seguito da L'appartamento (1960), Irma la dolce (1963), Non per soldi... ma per denaro (1966, primo film recitato in coppia con W. Matthau), Che cosa è successo tra mio padre e tua madre? (1972), Prima pagina (1974) e Buddy... Approfondisci
  • Shirley MacLaine Cover

    "Nome d'arte di S. MacLean Beaty, attrice statunitense. Sorella maggiore di W. Beatty, vanta una carriera di successo come ballerina a New York fin dal 1950, prima di approdare al grande schermo tra i protagonisti del macabro e ironico balletto di La congiura degli innocenti (1955) di A. Hitchcock. Con il viso sbarazzino, il caschetto di capelli rossi, il fisico dinoccolato e i modi da monella, si ritaglia un personaggio anticonformista che si adatta alla commedia demenziale (Artisti e modelle, 1955, di F. Tashlin, con la coppia Martin-Lewis) e sofisticata (Tutte le ragazze lo sanno, 1959, C. Walters), ma anche al dramma sentimentale (la piccola ragazza ingenua, innamorata di F. Sinatra fino al sacrificio, in Qualcuno verrà, 1959, di V. Minnelli) ed esistenziale (l'insegnante omosessuale calunniata... Approfondisci
  • Fred MacMurray Cover

    Propr. Frederick M., attore statunitense. Figlio di un violinista, impara a suonare il sassofono e parte in tournée con un'orchestra. Nel cast di alcuni musical a Broadway, viene notato da un produttore della Paramount e messo sotto contratto. Con il suo primo ruolo di rilievo, in The Gilded Lily (Il giglio dorato, 1935) di W. Ruggles, diventa in brevissimo tempo uno dei partner più ambiti dalle star di Hollywood, da C. Colbert a K. Hepburn, da C. Lombard a R. Russell. Dotato di un garbato umorismo, sfida il codice Hays in film come I milioni della manicure (1935) di M. Leisen, e Troppi mariti (1940) di Ruggles, e passa al melodramma con Ricorda quella notte (1940) ancora di Leisen. A suo agio nei panni dell'uomo perbene, affidabile e istintivamente simpatico, tradisce il suo personaggio quando... Approfondisci
Note legali