L' arcano incantatore

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Pupi Avati
Paese: Italia
Anno: 1995
Supporto: DVD
Salvato in 37 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 8,78 €)

Nell'Italia del Secolo dei Lumi, un seminarista, dopo aver messo incinta una ragazza, deve nascondersi in un castello sull'Appennino dove si trova a fronteggiare il demonio e le sue mille astuzie.
4,67
di 5
Totale 6
5
4
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • Ho visto per la prima volta il film in TV, ho comprato il DVD per rivederlo. È un film che tiene incollato lo spettatore dall'inizio alla fine. Mistero, esoterismo, cadaveri e libri sono le parole chiavi del racconto. Tutto non è mai come sembra e molte anime in quel castello non hanno trovato riposo eterno.

  • User Icon

    Roberto

    20/08/2019 14:27:36

    Un horror tutto italiano e la differenza si vede. Tensione dall'inizio alla fine di questa storia misteriosa sapientemente misurata in ogni dettaglio dal suo grande regista

  • User Icon

    fra

    31/08/2016 14:07:40

    Innanzitutto va detto che non si tratta di un horror. Non tutto è catalogabile e spesso opere che sfuggono a una catalogazione precisa sono le più interessanti. Il regista la definisce una "fola". Una favola, un'invenzione, un'immaginazione fantastica. I boschi dell'appennino, la casa cadente, i personaggi, persino la fotografia e il suono creano un senso di inquietudine sottile di cui è pervaso tutto il film. L'Arcano Incantatore del titolo è un Carlo Cecchi oscuro, affascinante, cupo e seducente come solo lui sa essere.

  • User Icon

    Fulvio Ciapessoni

    14/05/2010 16:22:17

    Da brivido! Questa é la dimostrazione che il vero film horror deve offrire suspance e non macabre immagini stile splatter!

  • User Icon

    Filippo G.

    28/11/2008 23:18:52

    Un successo che Pupi Avati non è più riuscito a ripetere - con "Il nascondiglio" - nè a eguagliare ne "La casa dalle finestre che ridono". Nell'Arcano incantatore la trama storica, più credibile, accresce la suspance anche grazie a paesaggi stupendi [girato tutto attorno al Lago di Corbara (Terni)] e all'interpretazione agghiacciante di Carlo Cecchi,ottimo attore teatrale. Era ora che lo ristampassero in dvd! E le musiche di Riz Ortolani? Quando si decideranno a stampare pure la colonna sonora? COMPRATELO !!!

  • User Icon

    Nicola

    04/11/2008 13:47:50

    Vidi a suo tempo il film in VHS e lo ritengo uno dei migliori film d'orrore che abbia ami visto. Giocando tutto sull'atmosfera (come "La casa dalle finestre che ridono"), senza ricorrere al sangue e allo splatter, "L'arcano incantatore" costruisce la tensione lentamente e senza smagliature fino al sia pure abbastanza prevedibile finale. Uno dei pochi film del genere in grado di sostenere il test del tempo.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  • Produzione: Filmauro, 2009
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 96 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Surround 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; dietro le quinte (making of)
  • Pupi Avati Cover

    Inizia la sua carriera artistica nel jazz come clarinettista, fa parte infatti della Reno Jazz Gang con cui incide anche qualche disco, gruppo che abbandona dopo l'ingresso nella band di Lucio Dalla con cui rimane grandissimo amico e che collaborerà a vari film di Avati. Lavora poi per quattro anni alla Findus surgelati, anni che considera i peggiori della sua vita.Intraprende poi la via del cinema e riesce a collaborare alla sceneggiatura di Salò e le 120 giornate di Sodoma di Pasolini. Come regista gira alcuni horror tra cui nel 1976 La casa delle finestre che ridono. L'anno successivo esce Bordella, una commedia che ha tra gli interpreti un giovanissimo Christian De Sica. Da ricordare anche la regia televisiva di uno speciale dedicato ai Pooh.Inizia poi a girare una serie... Approfondisci
  • Carlo Cecchi Cover

    "Attore italiano. Esordisce nel 1966 con A mosca cieca di R. Scavolini, per poi intraprendere una fortunata carriera teatrale come regista e attore, con numerose messinscene di W. Shakespeare e H. Pinter. Torna al cinema nel 1992 con Morte di un matematico napoletano di M. Martone, in cui tratteggia in modo memorabile l’angoscia intellettuale degli ultimi giorni di vita del matematico R. Caccioppoli. Da allora le sue apparizioni cinematografiche diventano più frequenti (La scorta, 1993, di R. Tognazzi; L’arcano incantatore, 1996, di P. Avati; Arrivederci amore, ciao, 2006, di M. Soavi) anche se il centro della sua vita professionale rimane sempre il teatro." Approfondisci
  • Stefano Dionisi Cover

    Stefano Dionisi è un attore italiano, riferimento del cinema più impegnato e noto anche al largo pubblico per seguitissime fiction televisive. Ha lavorato in Italia e all'estero con alcuni dei più importanti registi, come Francesca Archibugi, Dario Argento, Pupi Avati, Roberto Faenza, Francesco Maselli, Francesco Rosi, Juan José Bigas Luna, Gérard Corbiau, Mike Figgis e Diane Kurys. Nel 1994 ha ricevuto il premio David di Donatello per il suo contributo al giovane cinema italiano ed è stato attore protagonista del film Farinelli, di Gérard Corbiau, vincitore di un Golden Globe e nominato all'Oscar come miglior film straniero. Nel 2015 pubblica per Mondadori La barca dei folli. Approfondisci
Note legali