Archivio di etnografia (2014) vol. 1-2

AA.VV.

Formato: PDF
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 24,13 MB
  • EAN: 9788874704941
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
"Archivio di Etnografia", al nono anno di pubblicazione nella nuova serie, è una rivista del Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali (DiCEM) dell'Università della Basilicata diretta da Ferdinando Mirizzi. Il numero doppio monografico dell'annata 2014 dell'"Archivio di Etnografia", interamente in lingua inglese, si apre con un'introduzione del curatore Lorenzo Ferrarini, seguita da una sua conversazione con Steven Feld, il quale ripercorre la sua carriera come filmmaker etnografico. La sezione "Essays" si apre con il contributo di Richard Werbner, focalizzato sul concetto di riflessività che emerge soprattutto in cinque dei suoi film girati in Botswana. Il fascicolo prosegue con una riflessione di Lorenzo Ferrarini e Nicola Scaldaferri riguardante la produzione di un documentario sulle tradizioni musicali dei Sambla del Burkina Faso; ancora, Stefano Allovio contribuisce con un testo che analizza la complessità dei significati espressi dalle danze dei Mangbetu congolesi durante il periodo coloniale belga. Cecilia Pennacini propone, invece, un saggio sulle collezioni di immagini fotografiche e cinematografiche e sui cambiamenti teorici e metodologici connessi con l'uso delle risorse visuali di storiografi e antropologi africanisti. Infine, Ivan Bargna osserva, a partire da un film coprodotto con l'artista Paola Anziché nel 2015, le pratiche alimentari del Cameroon. Chiude il fascicolo la sezione "Review article", a cura di Massimiliano Minelli, dove l'autore riconsidera alcune recenti interpretazioni circa la possessione spiritica nelle religioni afroatlantiche.