Arie d'opera - Duetti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Gioachino Rossini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Plg
Data di pubblicazione: 3 marzo 2017
  • EAN: 0190295953263
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 20,90

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

“Rossini è stato per me una rivelazione,” afferma il contralto canadese Marie-Nicole Lemieux. Il primo frutto del suo contratto in esclusiva per Erato è una registrazione live a Montpellier di arie e duetti da Tancredi, Semiramide, L’italiana in Algeri e altre opere serie e buffe del compositore pesarese. Si uniscono a lei il soprano Patrizia Ciofi e il direttore Enrique Mazzola, oltre al Coro e all’Orchestra dell’Opéra national Montpellier Languedoc-Roussillon.Marie-Nicole Lemieux, con questo recital live dedicato a Rossini, dimostra come la voce di contralto possa avere la stessa agilità di un soprano leggero.
Disco 1
1
L’italiana in Algeri Cruda sorte!
2
Tancredi Oh patria!... Di tanti palpiti
3
Tancredi Fiero incontro!... Lasciami: non t’ascolto
4
La pietra del paragone Quel dirmi, oh Dio!
5
Semiramide In sì barbara sciagura
6
L’italiana in Algeri Amici, in ogni evento... Pensa alla patria
7
Matilde di Shabran Sazia tu fossi alfine...Ah! Perché, perché la morte
8
La gazza ladra Deh, pensa che domani... E ben, per mia memoria
9
Il barbiere di Siviglia Una voce poco fa
10
Duetto buffo di due gatti
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Gioachino Rossini Cover

    Compositore.Gli esordi. Suo padre, Giuseppe Antonio, «pubblico trombetta» (banditore) del comune di Pesaro, integrava i guadagni suonando il corno nelle manifestazioni teatrali e nelle pubbliche accademie; sua madre, Anna Guidarini, era una cantante che svolse una breve carriera nei teatri marchigiani e a Bologna. Nel 1802 a Lugo, dove la famiglia si era trasferita, R. poté studiare in casa dei fratelli Luigi e Giuseppe Malerbi. Fu quest'ultimo che gli fece conoscere, con ogni probabilità, lavori di Mozart e Haydn, conoscenza testimoniata dalle sei Sonate a quattro per violini, violoncello e contrabbasso, scritte all'età di dodici anni, nel 1804, quando R. non aveva preso, secondo le sue stesse parole, alcuna «lezione di accompagnamento». Non sembra dunque che quando, nel 1806 (anno in cui... Approfondisci
Note legali