Categorie

Arthur Schopenhauer

Curatore: F. Volpi
Editore: Adelphi
Edizione: 14
Anno edizione: 1999
Pagine: 148 p. , Brossura

88 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Filosofia - Storia della filosofia occidentale - Dal 1600 al 1900

  • EAN: 9788845914805

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    gianni

    05/10/2014 13.58.28

    La spudorata schiettezza del grande misantropo qualche volta inanella insulti veri e propri, come nel caso della sua insopportabile misoginia, ma gran parte di questa scelta antologica non deborda affatto nella contumelia e dice la nuda, algida verità. La sincerità, del resto, come il nostro scrive altrove, è la virtù crudele, il contrario dell'ipocrisia, il pegno, come un altro grande indagatore delle cose umane diceva, La Rochefoucaudl, che il vizio paga alla virtù.

  • User Icon

    Maurizio

    09/01/2012 11.36.55

    Pochi uomini di cultura hanno e hanno avuto la capacita' di strutturare i propri testi con spirito aforistico, come Schopenhauer, che si presta percio' ad essere antologizzato - per temi - come sta facendo da un po' di tempo, con un grande successo l'editore Adelphi, e con grande utilita' e piacere del lettore italiano. L'introduzione di Franco Volpi aiuta a capire, anche da un punto di vista psicologico e caratteriale, la propensione dell'Autore all'insulto, adottata in senso generale e in particolare contro specifici "avversari". Nel suo carattere sanguigno e "nero", nemico giurato di Fichte, Schelling e Hegel, si scatena in numerose occasioni contro di loro, contro il loro pensiero e contro la loro fisicita'. Mi piace trascrivere un paio di fulminanti frasi su Hegel: "Sciupatore di carta, di tempo e di cervelli". e "No, quello che vedete non e'un'aquila, guardategli le orecchie". Ovviamente e' bene (piu' che bene) anche leggere le opere piu' importanti che si possono trovare facilmente, in edizioni curate bene e a poco prezzo.

  • User Icon

    Agnese

    18/03/2004 11.01.51

    La validità di questa breve raccolta di scritti del grande anti-filosofo, oltre al piacere che si prova con il tagliente sarcasmo di cui è sempre prodigo Schopenauer, sta nella sua drammatica attualità. Drammatica perchè Schopenhauer riconosce che l'insulto, l'urlo e la volgarità hanno sempre la meglio sull'argomentazione e la dialettica, ed in questo senso ci fornisce preziosi consigli. Basta fare un po' di zapping con il telecomando e tragicamente si realizza a quali fini dialoghi e proficui confronti di idee, compresi ahimè i dibattiti tra i politici, siano sottoposte le menti della massa che si "informa" solo attraverso i media ed il Corriere dello Sport. La prevaricazione prevale sul confronto, prevaricazione a cui fanno ricorso addirittura i moderatori! Senza nessun rimpianto verso l'incomprensibile politichese-sindacalese degli anni settanta, purtroppo l'insulto (inteso in senso ampio) oggi regna sovrano.

  • User Icon

    alessandra

    30/05/2002 20.53.14

    Il libro è molto scorrevole e si presenta piacevole alla lettura, mi è piaciuto molto perchè desta curiosità e i temi presi in esame si sono rivelati molto attuali destando in me notevole curiosità e invitandomi alla lettura. Ho comprato questo libro per approfondire la mia tesina per la maturità e sinceramente mi è dispiaciuto che la parte introduttiva -a mio parere- si è rivelata non molto approfondita. E' un libro divertente!

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione