Artigiani del digitale. Come creare valore con le nuove tecnologie

Andrea Granelli

Collana: Numerus
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 30 ottobre 2017
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: 178 p., Brossura
  • EAN: 9788889829844
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
L'obiettivo è rimettere al centro del pensiero economico la figura dell'artigiano e la sua naturale evoluzione nei secoli e dargli il posto che merita nell'immaginario giovanile. Grazie alla dinamicità e modernità dell'artigiano e alla sua capacità di adattarsi alle nuove tendenze, egli usa e trasforma le nuove tecnologie per essere coerente con lo spirito del tempo. Tra i nuovi artigiani del XXI secolo troviamo i designer del lusso, gli chef, i restauratori di beni culturali, ma anche i programmatori software, i content designer e addirittura i fisici sperimentali che progettano e costruiscono, pezzo per pezzo, le grandi e uniche macchine per fare ricerca. Sono nati mestieri artigiani specializzati nel plasmare la materia digitale, oggi queste abilità devono entrare in tutte le forme con cui l'artigianato si manifesta: nei prodotti, nei servizi, negli spazi delle botteghe, sui siti web. Per dare evidenza alla modernità del mestiere artigiano i giovani di Confartigianato hanno elaborato un manifesto che declina le molteplici dimensioni e coglie i numerosi nessi fra tradizione e innovazione e racconta un mestiere con salde radici nel passato ma rivolto al futuro.

€ 14,25

€ 15,00

Risparmi € 0,75 (5%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nicus

    10/03/2011 09:16:23

    Sottotitolo e copertina molto promettenti. Una volta entrati la delusione è grande. Considerazioni general generiche sul mondo digitale come processo artigianale più che industriale. Affermazioni scontate: "Le interfacce [utente] sono elemento fondativo e non accessorio", "Il servizio è parte integrante del software". Esaltazione della personalizzazione vs. standardizzazione; ma nessuna parola sui costi che comporta, spesso inaccettabili per le PMI. Altre affermazioni palesemente sballate: "l'uso delle applicazioni open source nelle applicazioni mission critical è raro" - qualcuno ricordi all'autore nomi come Apache, Linux... L'analisi del mercato ITC italiano si riduce nel rilevare di come sia rovinato dal body-rental. Condivisibile, ma non una parola su cause e alternative. Poi giusto l'elenco di alcune storie d'eccellenza. Il tutto condito con una continua e vantata ascendenza olivettiana. Capisco ispirarsi ad Adriano Olivetti, ma il mondo è cambiato e dell'Olivetti di oggi c'è poco da vantarsi. Ciliegina sulla torta: il sito sul quale ...il discorso dovrebbe proseguire aprendo un dibattito tra gli operatori del settore e le PMI..., a un anno e mezzo dalla pubblicazione non esiste. Il tutto poteva essere concentrato in un articolo di poche pagine. Sarebbe stato interessante.

Scrivi una recensione