L' assassinio come arte

Thomas De Quincey

Collana: Pagine disparse
Anno edizione: 2010
Pagine: 102 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788849305234
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Il volume è impreziosito da una serie di riproduzioni a colori di dipinti di Johann Heinrich Füssli - in un autoritratto sopra. Johann Heinrich Füssli (1741-1825), svizzero di nascita, da giovane fu seguace dell'estremismo romantico dello Sturm und Drang tedesco. Soggiornò per qualche anno in Italia, studiando in particolare i lavori di Michelangelo, ma trascorse gran parte della sua vita in Inghilterra, dalla cui cultura contemporanea, ma anche passata, venne notevolmente influenzato. In Inghilterra, fu pittore di storie antiche, medievali, shakespeariane, miltoniane, ma anche dantesche, rappresentate con forti accenti preromantici e romantici. Füssli vedeva nell'arte un'attività spirituale, anti-naturalistica; per lui, il "sublime" era nel sogno e nell'incubo - momenti in cui affiorano le più profonde regioni dell'animo - che, infatti, spesso raffigurò nei suoi dipinti e disegni.

€ 6,50

€ 13,00

Risparmi € 6,50 (50%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità: