L' assassinio del Commendatore. Vol. Secondo - Haruki Murakami,Antonietta Pastore - ebook

L' assassinio del Commendatore. Vol. Secondo

Haruki Murakami

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Antonietta Pastore
Editore: Einaudi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 454,89 KB
Pagine della versione a stampa: 440 p.
  • EAN: 9788858430255
Salvato in 30 liste dei desideri

€ 10,99

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella casa in mezzo al bosco che fu l'abitazione e l'atelier di Amada Masahiko, il grande artista autore del misterioso quadro L'assassinio del Commendatore, vive ormai da qualche mese il giovane pittore protagonista di questa storia. La dimora è sperduta, ma non del tutto isolata: nel primo volume, "Idee che affiorano", avevamo conosciuto Menshiki, un vicino ricchissimo e sfuggente mosso da motivazioni solo a lui note. O la piccola Akikawa Marie, studentessa del corso di disegno tenuto dal protagonista, che per una volta sembra abbassare le difese e stringere un legame profondo col suo professore. Per non parlare del Commendatore stesso... Con "Metafore che si trasformano" si conclude l'Assassinio del Commendatore. Come un mago al culmine del suo potere incantatorio, Murakami Haruki dà vita a un intero universo (a più di uno, a dire il vero...) popolato di personaggi, storie e enigmi che hanno la potenza indimenticabile dei sogni più vividi. Ma non è solo il gusto per il racconto a muoverlo: una volta giunto al termine di questo viaggio visionario, il lettore si scopre trasformato come i personaggi di cui ha letto le avventure, esposto, quasi senza averne avuto consapevolezza, al cuore pulsante della grande letteratura. L'assassinio del Commendatore, a quel punto, inizia a svelare i suoi mille volti: una riflessione, molto realistica (e attuale), sulle ferite della storia, sulla colpa e la responsabilità. Una terapia per sopravvivere ai traumi. Una guida pratica per orientarsi nel mondo delle metafore. Ma anche un racconto fantastico sui mostri che ci divorano dall'interno, sulle paure che ci sbranano nella notte dell'anima; e su come, quei mostri, possiamo vincerli: prendendoci cura di chi arriverà dopo di noi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,38
di 5
Totale 41
5
25
4
10
3
3
2
3
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    paola

    06/04/2020 12:14:26

    eccezionale continuazione delle vicende del povero pittore che, tra la tredicenne Marie, l'ambigua sua amante, Menshiki, molto camaleontico, il commendatore e il quadro, si districa tra vari enigmi spesso dalle tinte fosche. Alla fine troverà forse un lume che non si sa dove porterà ma avra' una certezza.

  • User Icon

    Alex

    22/02/2020 12:30:54

    Onirico e magico come sempre, Murakami ci fa sognare e volare dentro il suo mondo ricco di fantasie e verità che in questo romanzo si trasformano in vecchie paure da affrontare e superare. Come sempre narratore formidabile.

  • User Icon

    Marcolrs

    18/02/2020 10:42:08

    Inutile leggerlo se ovviamente non leggete anche il primo volume. Murakami si dimostra ancora una volta scrittore di grande livello con metafore profonde che fotografano l'attuale società in maniera assolutamente nuova. Il libro si legge scorrevole e piacevolmente. Raccomandato.

  • User Icon

    lucia

    18/11/2019 10:46:15

    La scrittura di Marakami è unica.I suoi libri sono fuori da ogni schema Sono realistici ed onirici nello stesso tempo.Murakami racconta le cose in modo che ciò che sfugge alla norma sembri meravigliosamente normale.In questo modo nella sua scrittura non ci sono mai certezze e il lettore sta sempre sospeso.Il tutto raccontato con assoluta semplicità lessicale , sfiorando il linguaggio quotidiano..Assolutamente originale : i suoi testi rischiano il deragliamento semantico ma è solo un falso allarme perché dopo l'allarme tutto rientra al suo posto.Affascinante!

  • User Icon

    Stelions

    15/10/2019 22:33:55

    Il solito capolavoro di Murakami intrigante

  • User Icon

    Cati

    07/10/2019 08:47:17

    Non desidero assolutamente recensire riassumendo questo splendido romanzo. E', come tutte le opere di Murakami, un CAPOLAVORO. Non va spiegato. Va vissuto. Per me Murakami è il più grande scrittore contemporaneo.

  • User Icon

    Marius95

    20/09/2019 16:27:28

    Murakami è uno scrittore molto particolare, con una notevolissima capacità di narrazione. Usa un linguaggio molto semplice, accessibile, privo di fronzoli, ma estremamente efficace per lo snodarsi delle sue storie. In ogni libro di Murakami si evidenzia sempre un solido substrato , una concretezza che si rivela allorché l' autore sapientemente riesce a realizzare la fusion tra elementi del mondo occidentale con la cultura dell' estremo Oriente . Nei suoi romanzi si parla di arte, di musica, di eventi della grande Storia. Ma anche di futilità del mondo consumistico in cui viviamo : modelli di automobili, personaggi della tv, pop star. La modernità incontra la tradizione. La razionalità si interseca col pensiero magico, dando all' intreccio una forte connotazione spirituale. Credo che, proprio per questo, sia davvero contemporaneo, in quanto si fa portavoce di una esigenza dell' uomo di oggi, sempre più urgente: recuperare il rapporto con la Natura e con la parte più profonda di sé.

  • User Icon

    Scad

    19/09/2019 16:45:56

    Finito oggi. Murakami è uno scrittore molto particolare, con una notevolissima capacità di narrazione. Usa un linguaggio molto semplice, accessibile, privo di fronzoli, ma estremamente efficace per lo snodarsi delle sue storie. La sua forza è nell' inventare. Ma la sua creatività trova diversi agganci alla realtà, non se ne distacca mai completamente. In ogni libro di Murakami si evidenzia sempre un solido substrato , una concretezza che si rivela allorché l' autore sapientemente riesce a realizzare la fusion tra elementi del mondo occidentale con la cultura dell' estremo Oriente . Nei suoi romanzi si parla di arte, di musica, di eventi della grande Storia. Ma anche di futilità del mondo consumistico in cui viviamo : modelli di automobili, personaggi della tv, pop star. La modernità incontra la tradizione. La razionalità si interseca col pensiero magico, dando all' intreccio una forte connotazione spirituale. Il messaggio di Murakami potrebbe dunque essere questo: vivi il tuo tempo, la quotidianità, godi dei piaceri terreni ( il sesso è una parte molto importante delle sue narrazioni). Ma non perdere di vista il vero senso della vita, la connessione che la tua esistenza ha con tutte le altre vite, la continuità ( e contiguità) con la morte. Credo che, proprio per questo, sia davvero contemporaneo, in quanto si fa portavoce di una esigenza dell' uomo di oggi, sempre più urgente: recuperare il rapporto con la Natura e con la parte più profonda di sé. L'ASSASSINIO DEL COMMENDATORE è puro stile Murakami...una garanzia!Bello.

  • User Icon

    Your Arsenal

    19/09/2019 13:33:07

    Come al solito con Murakami la prima parte è intrigantissima, con tanti elementi misteriosi a cui dare risposta. Non vedevo l'ora di capire dove si sarebbe andati a parare. Poi però non si approda a nulla: personaggi che pareva fossero importanti non lo sono, nulla viene spiegato o approfondito in modo comprensibile e il finale è appiccicato lì senza senso. Mi piace stare nelle atmosfere che crea questo autore, ma poi mi delude costantemente.

  • User Icon

    Aledifra

    23/07/2019 21:03:30

    Ancora una volta Murakami non delude. Dopo 1Q84 è il romanzo che mi è piaciuto di più. Consigliato.

  • User Icon

    Annalisa

    23/06/2019 15:32:47

    Meno bello del primo con inaspettata conclusione, ma sempre coinvolgente come tutti i libri di Murakami!

  • User Icon

    Claudio Romei

    07/06/2019 22:22:23

    Nel Libro primo Idee che affiorano Murakami ci aveva presentato i protagonisti: Menshiki, Akikawa Marie, la moglie Yuzu, la zia di Marie Shoko e le aveva fatte muovere in un’atmosfera tra il sognante e l’irreale dando vita a Idee e desideri dei protagonisti. Il tutto vissuto in un ambiente circoscritto tra l’abitazione di un famoso pittore (Amada Masahiko) padre di un amico ed un viaggio nel Nord del Giappone raccontato come se fosse un road-movie. In questo Libro Secondo Metafore che si trasformano Murakami delinea meglio i personaggi e va a chiudere una storia dove attraverso uno o più quadri si creano passaggi dal reale all’onirico tipico delle trame di Murakami ma dove in realtà si sviscerano tematiche esistenziali. Infatti ogni romanzo di questo autore potrebbe essere considerato come una via di mezzo tra una seduta di psicoanalisi e un massaggio riabilitativo. Attraverso le paure e le difficoltà dei personaggi si arriva ad analizzare traumi e incubi per giungere a una soluzione finale che anche quando è compiuta come in questo caso lascia comunque la possibilità di una seconda via d’uscita. I personaggi dei quadri L’assassinio del commendatore e L’uomo della Subaru Forrest bianca sono a tutti gli effetti protagonisti alla pari dei personaggi reali. Una piccola particolarità di questi due volumi è che sono raccontati in prima persona e che non viene mai detto il nome del protagonista, mentre in 1Q84 i protagonisti erano due, Tengo Kawana e Aomame, e ne L’uccello che girava le viti del mondo era Toru Okada qua il protagonista rimane senza nome, non so se in altri romanzi di Murakami succede questo ma è una particolarità che mi ha colpito. Comunque il libro è bellissimo, per me grande letteratura, da leggere e quindi buona lettura!

  • User Icon

    Pulce59

    06/06/2019 22:35:01

    È necessario leggere entrambi i volumi. Il secondo riprende esattamente dove il primo si interrompe. Fa pensare e discutere

  • User Icon

    Gianlu

    27/05/2019 12:50:49

    Amo Murakami quindi riconosco la mia poca obbiettività, potrebbe scrivere anche la lista della spesa per me sarebbe un capolavoro

  • User Icon

    Giovanna

    23/05/2019 19:34:17

    La degna conclusione di un capolavoro

  • User Icon

    AlessandroMcLeaves

    22/05/2019 08:28:10

    La giusta conclusione. Molto piacevole, anche se a volte ho avuto la sensazione di leggere qualcosa di insensato. Comunque lo consiglierei.

  • User Icon

    Cristiano

    21/05/2019 10:40:15

    Solito immenso Murakami. C'è poco da dire, leggetevelo tutto di un fiato senza cercare logica e spiegazioni a tutti i costi

  • User Icon

    Jacopo

    21/05/2019 09:15:39

    Le prime 200 pagine sono state di una noia mortale. Ho cominciato solo in seguito ad affezionarmi leggermente ai protagonisti, ma non mi sentirei assolutamente di consigliarne la lettura. La trama rimane poco coinvolgente, con enormi buchi logici che non mi sento più di poter giustificare. Descrizioni troppo accurate che non fanno che aumentare il numero di pagine senza dare alcun vantaggio per quanto riguarda l'intrattenimento, rendendo la lettura meno scorrevole e più noiosa. I protagonisti sono stereotipati, non ho trovato alcuno tra loro che fosse minimamente originale o interessante. Mi dispiace, ho tanto atteso quest'opera ma mi sono reso conto che si tratta di un lavoro vuoto che comunque mi ha tenuto impegnato per più di 800 pagine (la recensione si riferisce a entrambi i volumi).

  • User Icon

    Walter

    08/04/2019 15:20:33

    Bello bello bello !!!! Con questo secondo volume si conclude questa storia affascinante. Murakami tornato ai massimi livelli. Faccio un appunto all'editore italiano che ha voluto dividere questo romanzo in due volumi solo per far cassa.

  • User Icon

    Gianlu

    25/03/2019 12:26:50

    Murakami non tradisce le aspettative. Un altro bel libro dopo 1Q84

Vedi tutte le 41 recensioni cliente
  • Haruki Murakami Cover

    Murakami Haruki è nato a Kyoto ed è cresciuto a Kobe. È autore di molti romanzi, racconti e saggi e ha tradotto in giapponese autori americani come Fitzgerald, Carver, Capote e Salinger. Con La fine del mondo e Il paese delle meraviglie Murakami ha vinto in Giappone il Premio Tanizaki. Tra i libri pubblicati da Einaudi troviamo Dance Dance Dance, La ragazza dello Sputnik, Underground, Tutti i figli di Dio danzano, Norwegian Wood, L'uccello che girava le Viti del Mondo, Kafka sulla spiaggia, After Dark, L'elefante scomparso e altri racconti, L'arte di correre, Nel segno della pecora, I salici ciechi e la donna addormentata, 1Q84, A sud del confine, a ovest del sole, Sonno, L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio, Uomini senza donne, Prigioniero... Approfondisci
Note legali