Asso

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1981
Supporto: DVD

15° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Commedia - Comico

Salvato in 17 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 4,99 €)

Negli anni Trenta, un baro trascura la moglie per giocare a poker, ma una partita gli costa la vita: torna a casa sotto forma di fantasma ed aiuta la donna a trovarsi un nuovo e degno marito.
3
di 5
Totale 4
5
1
4
0
3
1
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Nicola

    15/05/2020 20:08:42

    Asso è un formidabile giocatore di poker. Dopo essere stato assassinato da un sicario, diventa un fantasma ed avrà modo così di vigilare sulla splendida fidanzata Silvia. Dopo tante vicende divertenti, lei si innamora di un giocatore di poker, detto il Varesino, bravo quanto Asso e con la sua stessa faccia. Molto divertente è la scena finale in Paradiso dove Asso gioca a carte con Dio, l'unico capace di batterlo.

  • User Icon

    fabrizio

    21/03/2019 07:57:21

    l' interesse in questa pellicola viene dato solo dalla bravura di Pippo Santonastaso , vero comico poliedrico e simpatico, dalla bellezza raffinata di E. Fenech e S. Koshina. Celentano sempre noiosamente uguale , suo tipico balletto , mossette e silenzi , cose oramai scontate. MAH!!!!

  • User Icon

    HULK

    26/10/2007 16:08:35

    Il cinema italiano inizio anni 80, aveva raggiunto il grado zero assoluto. Celentano torna al cinema come attore, al cinema è legato fin dagli esordi con i musicarelli, poi voleva fare il regista, il santone, il tuttologo, ma nonostante il grande successo di es, yuppi du, avevamo tutti la maglietta, i pasticci ideologici, religiosi etc, le sue regie sono state dimenticate...secondo me giustamente. La situazione 'Stigmatizzata da Paolo Bertetto nel suo libro il più brutto del mondo' era appunto talmente catastrofica, da rendere Celentano credibile come attore, rispetto a chi allora era professionista. La Fenech arriva quindi alla commedia da prima visione, è una donna splendida, elegante, raffinata, recita con naturalezza, una vera signora. Ora non abbiamo la splendida signora, ma nemmeno Celentano.

  • User Icon

    Antimo

    26/09/2004 13:15:52

    Divertente, anche se la scelta di far morire Celentano può risultare discutibile.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2004
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 90 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,66:1
  • Area0
  • Contenuti: interviste; biografie: biografia dei registi e degli interpreti principali
  • Adriano Celentano Cover

    "Cantante, attore e regista italiano. Star fra le più luminose del firmamento musicale-leggero, cinematografico-comico e televisivo-popolare italiano per quasi mezzo secolo, si afferma come cantante rock della prima ora nella seconda metà degli anni ’50. Divenuto presto famoso come «il molleggiato» per il suo dinoccolato modo di muovere le gambe mentre canta (a metà fra E. Presley e J. Lewis, che imita esplicitamente), appare come sé stesso in molti film di canzoni, ma soprattutto nella celebre scena del night club alle Terme di Caracalla in La dolce vita (1960) di F. Fellini. Già all’apice del successo, all’inizio degli anni ’60, crea una propria «scuderia-casa discografica» – il Clan – e, puntando sulla simpatia che ispira il suo personaggio, debutta anche come attore in Uno strano tipo... Approfondisci
  • Edwige Fenech Cover

    "Nome d'arte di E. Sfenek, attrice e produttrice italiana di origine francese. Nata nell'Algeria francese, esordisce in produzioni porno-soft a basso costo per poi girare pellicole più dignitose e caratterizzate da una maggiore cura formale. Un corpo dalle forme procaci e accattivanti e un'indubbia carica seduttiva le assicurano il ruolo di primadonna del cinema erotico italiano degli anni '70 e di parte degli '80. Alcuni titoli assai evocativi sono ormai considerati «di culto» dagli appassionati del genere: tra gli altri, Quel gran pezzo dell'Ubalda tutta nuda e tutta calda (1972) di M. Laurenti e Giovannona Coscialunga disonorata con onore (1973) di S. Martino. Tenta anche qualche incursione nella commedia più tradizionale (Sono fotogenico, 1980, di D. Risi; Io e Caterina, 1981, di A. Sordi),... Approfondisci
  • Renato Salvatori Cover

    Renato "Renatone" Salvatori, proprietario del ristorante Puntarossa, è uno dei cuochi più famosi dello show televisivo di Antonella Clerici La prova del cuoco, da anni in onda su Rai 1. Con Sperling & Kupfer e con l'aiuto dell'autore televisivo e radiofonico Paolo Taggi nel 2016 ha pubblicato Semplice semplice, un libro di ricette facili e veloci. Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali