Assolvete l'Andrea Doria

Fabio Pozzo

Editore: TEA
Collana: TEA storica
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 10 luglio 2008
Pagine: 356 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788850216192
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,80

€ 6,68

€ 8,90

Risparmi € 2,22 (25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mdm

    21/01/2009 12:41:40

    Bel libro, col taglio da vero giornalismo d'inchiesta. Pozzo, competente in materia ed innamorato del mare, ha realizzato un'opera che finalmente inquadra questa tragedia con la luce giusta e restituisce l'onore e la dignità all'equipaggio del bellissimo quanto sfortunato transatlantico italiano. Colpisce come purtroppo questi uomini valorosi e tenaci, furono lasciati soli dal governo del nostro paese, mentre l'equipaggio dello Stockolm fu sempre protetto anche ad altissimi livelli.

  • User Icon

    Gianmarco

    11/09/2008 12:16:59

    Un libro molto interessante su una vicenda che pare ormai caduta nel dimenticatoio ma sulla quale ci sarebbe ancora molto da dire. Troppi interessi economici italiani hanno impedito all'equipaggio dell'Andrea Doria di avere la giusta riconoscenza per i numerosi atti di eroismo di cui si rese protagonista la sera del 25 luglio 1956, al fine di salvare le vite dei tanti passeggeri presenti sull'ammiraglia dell'Italia di Navigazione. Ancora una volta, i potenti hanno preferito tacere e fare la solita figura da... Italiani. Complimenti a Fabio Pozzo per l'ottimo lavoro e per essere riuscito a rendere finalmente noti i documenti dell'indagine della commissione d'inchiesta italiana sull'incidente del Doria. Documenti che qualcuno ha preferito tenere secretati per troppi anni in un qualche cassetto di un qualche ufficio statale.

Scrivi una recensione