Asturias. Arrangiamento per quattro chitarre - Isaac Albéniz - copertina

Asturias. Arrangiamento per quattro chitarre

Isaac Albéniz

0 recensioni
Scrivi una recensione
Curatore: E. Notarpasquale
Editore: Youcanprint
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 29 gennaio 2019
Pagine: 28 p.
  • EAN: 9788827869475
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 9,26

€ 10,90
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Asturias" (titolo originale "Preludio", noto anche come "Leyenda") è un brano per pianoforte di Isaac Albéniz, diventato celebre grazie alla trascrizione per chitarra di Andrès Segovia. Pubblicato nel 1902 come brano di apertura di una suite a tre movimenti chiamata "Chants d'Espagne", ampliata in cinque movimenti nel 1907. Una versione leggermente modificata è stata pubblicata nel 1911 col titolo di "Asturias. Leyenda", secondo brano dei nove che componevano la nuova suite. "Asturias" evoca con forza il caratteristico flamenco, la musica gitana, dell'Andalusia, l'Alhambra. La composizione ha due melodie principali. Per primo nasce un tema principale fortemente energico. Segue una sezione centrale più malinconica. Dopo la sezione mediana contemplativa, la melodia di apertura ritorna e porta il pezzo alla sua conclusione. Ritroviamo la stessa struttura nell'arrangiamento che vi viene proposto.
  • Isaac Albéniz Cover

    Compositore e pianista spagnolo. Iniziò giovanissimo una brillante carriera concertistica, che lo portò anche in America Latina e negli Stati Uniti, e completò poi la sua formazione nei conservatori di Lipsia e di Bruxelles; nel 1882, a Barcellona, prese lezioni da Pedrell; frequentò Liszt a Weimar e a Roma. Componeva, nel frattempo, innumerevoli pezzi pianistici di carattere estemporaneo e brillante, di cui è esempio la famosa Seguidilla dalla prima Suite española. Nel 1893 abbandonò l'attività concertistica e, deciso a dedicarsi esclusivamente alla composizione, si stabilì a Parigi, dove prese a frequentare l'ambiente di d'Indy, Fauré, Chausson, Debussy, Dukas ecc. Poté così affinare i propri mezzi tecnici e maturare uno stile in cui l'originaria ispirazione folcloristica viene poeticamente... Approfondisci
Note legali