Categorie

Antonio Natalicchio

Editore: Dedalo
Anno edizione: 1996
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788822061782

scheda di Bianco, E., L'Indice 1996, n. 8

"Questo libro non ha come suo specifico obiettivo quello di raccontare gli avvenimenti ateniesi del 404-3. Cerca, invece, di definire la storia e il significato della tradizione che ce li ha tramandati". Così l'autore presenta la sua ricostruzione dell'esperienza oligarchica dei Trenta Tiranni, mettendo in rilievo la deformazione che subì, fino ad assumere il ruolo di topos negativo. Natalicchio analizza dettagliatamente tutte le fonti antiche (le orazioni di Lisia, le "Elleniche" di Senofonte, l'"Athenaion Politeia" aristotelica, le storie di Diodoro e di Pompeo Trogo, epitomato da Giustino), ricostruendo anche la polemica polarizzata negli anni di rinascita della democrazia ateniese intorno alle figure di Teramene e Cleofonte. I due personaggi politici vengono infatti contrapposti nelle fonti, l'uno come il difensore della democrazia e l'altro come il responsabile del disastro alla fine della guerra del Peloponneso; questo predominio della versione proterameniana è poi principalmente attribuito all'influenza esercitata dalla scuola isocratea. Il libro, scorrevole e rivolto a un ampio pubblico, è per gli specialisti impreziosito da un'accurata bibliografia, organizzata per argomenti, che completa questa sintetica revisione di alcuni distorti dati della storia.