DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Atlante delle isole remote. Cinquanta isole dove non sono mai stata e mai andrò. Ediz. illustrata

Judith Schalansky

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Francesca Gabelli
Editore: Bompiani
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 21,72 MB
Pagine della versione a stampa: 143 p.
  • EAN: 9788858763575
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Con questo atlante, Judith Schalanslcy ci conduce in cinquanta isole remote, lontane da tutto e da tutti che non troverete mai con Google Earth: da Tristan da Cunha fino all'atollo di Clipperton, dall'Isola di Natale a quella di Pasqua, e ci racconta storie misteriose e bizzarre. Storie di animali rari e di uomini strani, di schiavi naufraghi e solitari studiosi di scienze naturali, esploratori smarriti e folli guardiani del faro, naufraghi dimenticati e marinai ammutinati. Sono le storie di "Robinson" volontari e involontari che dimostrano che i viaggi più avventurosi si svolgono sempre nell'immaginazione, con il dito sulla carta.
4,14
di 5
Totale 4
5
1
4
3
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cecio

    01/01/2018 10:26:41

    Semplicemente geniale, chi si lamenta del fatto che l'autrice lasci molti punti in sospeso non comprende che proprio nell'alone di mistero che avvolge ognuna delle 50 storie sta la forza di questa piccola meraviglia. Io l'ho letto la prima volta in inglese, con googleearth aperto a fianco ed ognuna delle storie narrate non solo è assolutamente vera, ma apre a ore e ore di gustosissimo approfondimento. Da non perdere

  • User Icon

    Leonardo S.

    14/12/2017 10:54:16

    Come dicevano anche le altre recensioni, il libro di per sé è molto suggestivo, e personalmente mi sono trovato a fantasticare mentalmente su molte delle storie e dei posti che sono qui narrati, e il libro di per sé è anche utile per venire a conoscenza di alcuni degli angoli più remoti del nostro pianeta. Il problema è che le descrizioni delle singole isole sono "flash", brevi incursioni su una certa notizia o fatto insolito, che lasciano con molta curiosità non soddisfatta e che va approfondita altrove in modo autonomo. Qualche pagina in più di descrizione (è un libro di 143 pagine) sarebbe stata utile, ma nel complesso è un libro che vale sicuramente la pena acquistare!

  • User Icon

    andrea m.

    29/03/2015 17:43:27

    Ho ricevuto il libro come regalo. Idea molto originale, un'introduzione simpatica e invitante. Stimola molto la curiosità ma spesso le spiegazioni sono molto brevi. Spero che escano presto pubblicazioni molto simili. Ho apprezzato anche l'aspetto elegante sia interno che esterno.

  • User Icon

    Carol

    05/08/2014 09:12:22

    Libro molto affascinante e interessante, così come le isole di cui parla e le storie che le vedono protagoniste. Per alcune di queste però, mancano dettagli o ulteriori informazioni sulle vicende, che lasciano insoddisfatta la curiosità, come se l'autrice abbia voluto mantenere un alone di mistero. Pregiata anche l'edizione e la grafica, anche se la scelta di alcuni caratteri con le grazie e di dimensioni troppo piccole rende necessario l'uso di una lente di ingrandimento per la lettura.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Judith Schalansky Cover

    Judith Schalansky, nata a Greisfwald nel 1980, dopo una Laurea in Storia dell’Arte e una in Design, lavora a Berlino come scrittrice e designer, oltre a tenere corsi di tipografia. Il suo Atlante delle isole remote è uscito in Italia per Bompiani nel 2013. Lo splendore casuale delle meduse ha vinto nel 2012 il Premio Stiftung per il libro tedesco più bello dell’anno. Approfondisci
Note legali