Attacco al potere. Olympus Has Fallen

(Olympus Has Fallen)

Titolo originale: Olympus Has Fallen
Regia: Antoine Fuqua
Paese: Stati Uniti
Anno: 2013
Supporto: DVD
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Katy

    07/03/2018 15:36:58

    Bellissimo!come il secondo..adrenalinico!lui proprio bravo!

  • User Icon

    ALBERTO

    10/02/2016 17:18:34

    Blockbusterone in cui tutto è di grana grossa, peggio dei film muscolari degli anni '80, che perlomeno avevano un montaggio decente, qui il montaggio è schizzato da crisi epilettica, sceneggiatura di una sciatteria irritante, fotografia patinata, talmente reazionario e becero che vederlo ha l' effetto delle unghie sulla lavagna per 2 ore

  • User Icon

    Mauro Lanari

    11/10/2013 13:18:28

    I meriti di Fuqua non son da poco. Coll'esordio nel '98 ha sdoganato l'occidentalizzazione di Chow Yun-fat; col dittico "Training Day" (2001) - "Brooklin's Finest" (2010) ha demolito le icone positive prima di Denzel e poi d'Ethan; con "L'ultima alba" (2003) ha seppellito Willis sotto le prominenze bellucciane, forse meno inespressive della sua proprietaria. E con ciò muore definitivamente il personaggio modello-McClane, al punto che nel 2006 Willis decide di girare il suo primo film, "Solo due ore", in cui è sì ancora il solito "poliziotto di N.Y.", ma ormai vecchio, zoppo, cereo, deperito, sfatto e sfiancato dall'esistenza, ch'approfitta d'ogni scena per urlare "Io non sono un eroe". "Die Hard 4" è già dell'anno successivo, come il 5° è appena di quest'anno, ma ormai Bruce è buono solo per un action movie col protagonista più statico concepibile (se la gioca con l'imbolsito Seagal). Quest'uccisione dell'icona McClane determina una svolta cinematografica decisiva nel genere "uno-contro-tutti", eccelsa metafora del male di vivere nella panbelligeranza cosmica. Willis smussava qualsiasi spigolo con l'(auto)ironia, ma la vita vera non si lascia disinnescare da risatine e battute salaci. Tale aspetto umoristico rendeva le pellicole con McClane (o con Riggs/Mel Gibson) dei divertenti blockbuster d'intrattenimento, non una pertinente simbolizzazione della mattanza che ci riserva la Storia. Allora Fuqua rimpiazza Willis prima con Wahlberg in "Shooter" (2007) e poi con Butler in questa pellicola, dove si permette anche di relegare in ruoli da comprimari Eckhart, Freeman, Judd e Bassett: il tracollo dell'Olimpo hollywoodiano, dei suoi divi e del suo starsystem. Fuqua è un ottimo mestierante che sta colmando una grave lacuna nella narrativa audiovisiva. Avrà i suoi difetti, ma in giro non vedo razzolare sul tema ancora nessuno più abile.

  • User Icon

    Mauro Lanari

    10/10/2013 05:23:30

    I meriti di Fuqua non son da poco. Coll'esordio nel '98 ha sdoganato l'occidentalizzazione di Chow Yun-fat; col dittico "Training Day" (2001) - "Brooklin's Finest" (2010) ha demolito le icone positive prima di Denzel e poi d'Ethan; con "L'ultima alba" (2003) ha seppellito Willis sotto le poppe bellucciane, forse meno inespressive della sua proprietaria. E con ciò muore definitivamente il personaggio modello-McClane, al punto che nel 2006 Willis decide di girare il suo primo film, "Solo due ore", in cui è sì ancora il solito "poliziotto di N.Y.", ma ormai vecchio, zoppo, cereo, deperito, sfatto e sfiancato dall'esistenza, ch'approfitta d'ogni scena per urlare "Io non sono un eroe". "Die Hard 4" è già dell'anno successivo, come il 5° è appena di quest'anno, ma ormai Bruce è buono solo per un action movie col protagonista più statico concepibile (se la gioca con l'imbolsito Seagal). Quest'uccisione dell'icona McClane determina una svolta cinematografica decisiva nel genere "uno-contro-tutti", eccelsa metafora del male di vivere nella panbelligeranza cosmica. Willis smussava qualsiasi spigolo con l'(auto)ironia, ma la vita vera non si lascia disinnescare da risatine e battute salaci. Tale aspetto umoristico rendeva le pellicole con McClane (o con Riggs/Mel Gibson) dei divertenti blockbuster d'intrattenimento, non una pertinente simbolizzazione della mattanza che ci riserva la Storia. Allora Fuqua rimpiazza Willis prima con Wahlberg in "Shooter" (2007) e poi con Butler in questa pellicola, dove si permette anche di relegare in ruoli da comprimari Eckhart, Freeman, Judd e Bassett: il tracollo dell'Olimpo hollywoodiano, dei suoi divi e del suo starsystem. Fuqua è un ottimo mestierante che sta colmando una grave lacuna nella narrativa audiovisiva. Avrà i suoi difetti, ma in giro non vedo razzolare sul tema ancora nessuno più abile.

  • User Icon

    tommaso

    02/09/2013 11:35:59

    la sequenza dell'attacco alla casabianca è magistrale e vale il prezzo del biglietto poi il film cala un pò,curiosa la scelta di butler,attore scozzese, nei panni di eroe americano avevo paura che prima o poi si mettesse a suonare la cornamusa..come curioso il fatto che tra qualche tempo esca un film dal soggetto analogo con altri protagonisti...

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
  • Produzione: Notorius Pictures, 2013
  • Distribuzione: Rai Cinema - 01 Distribution
  • Durata: 120 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 2,40:1
  • Area2