Curatore: M. C. Sala
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 15 ottobre 2008
Pagine: XXXVI-350 p., Brossura
  • EAN: 9788845923111
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

"Simone Weil ha convertito molti non cattolici, ha deconvertito molti cattolici".

È sufficiente questa affermazione di un noto teologo per testimoniare quale rivoluzionario valore abbia assunto, nel Novecento, un pensiero che si dipana in una piccola costellazione di "libri duri e puri come diamanti, dal lento ritmo incantatorio, dal francese sublime" (secondo le parole di Costina Campo). Una costellazione al centro della quale si colloca "Attesa di Dio", raccolta di scritti - composti fra l'autunno del 1941 e la primavera del 1942 - apparsa postuma nel 1949 per le cure di Joseph-Marie Perrin, l'affabile padre domenicano che fu amico, confidente e destinatario delle sei lettere che, dettate da un ineludibile "bisogno di verità", costituiscono parte essenziale dell'opera.

€ 21,25

€ 25,00

Risparmi € 3,75 (15%)

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesca

    18/09/2018 11:17:13

    Scrittrice molto complessa, certamente una delle più grandi menti del Novecento.

  • User Icon

    Davidebianco

    17/09/2018 21:06:31

    Un personaggio con una sensibilità strabiliante... riesce a parlare di fede e ateismo contemporaneamente.. Un autrice da approfondire grazie ai numerosi libri e quaderni che ha scritto

  • User Icon

    Agata

    28/02/2018 19:03:44

    Uno splendido testo. Da meditazione. Non è adeguato accostarsi a tanta sapienza semplicemente leggendo.Il libro va còlto nelle sue molteplici dimensioni:filosofica,sociologica,religiosa,spirituale,psicologica,umana! Sono rimasta profondamente segnata dalla probità intellettuale della Weil e travolta dal suo pensiero cristallino e geniale, ma non semplice, ne ho fatto la mia eroina! Pur dissentendo da alcune sue posizioni, trovo il suo essere libera e incapace di lasciarsi soggiogare dal letale "rispetto umano", un esempio di vita e coerenza che dovrebbe indurre tutti noi - abituati a un gregarismo massificante - a profonda riflessione! Consigliatissimo!

  • User Icon

    Un lettore

    20/05/2009 13:37:54

    Un libro immenso, come lo defini' Cristina Campo, il culmine dell'esperienza religiosa moderna, e quindi un'ennesima smentita del luogo comune secondo cui modernità sarebbe sinonimo di secolarizzazione. Come riassumere un'opera cosi'? vi sono formulate alcune delle piu' complesse e ardite speculazioni sull' io, il tempo, la morte, il desiderio...Tutto a partire dai fondamenti del Cristianesimo, o meglio a partire da un'esperienza religiosa che si pone "all'incrocio tra Cristianesimo e tutto cio' che Cristianesimo non è" : la filosofia, la saggezza di chi non crede, e poi le "altre religioni" (a questo proposito le considerazioni sull'io e sul desiderio espresse nel commento al Padre Nostro troverebbero d'accordo qualunque buddhista). Fondamentali le considerazioni sulla Chiesa, la "cosa sociale": farne parte? Simone risponde che preferisce starne fuori in nome di tutto cio' che dalla Chiesa è escluso; la Chiesa sposa oggi la causa delle libertà individuali? Simone risponde che lo fa perchè non ha altra scelta, e con la speranza di riprendersi cosi' il potere e il prestigio che aveva in passato. Questa nuova edizione Adelphi è accompagnata da due saggi introduttivi di una certa utilità per inquadrare l'esperienza religiosa di Simone e da un inutile apparato critico-filologico.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione