Attìa e la guerra dei gobbi. Imprese et mirabilie di un eroe siciliano in difesa della sua terra invasa dai barbari - Isidoro Meli - copertina

Attìa e la guerra dei gobbi. Imprese et mirabilie di un eroe siciliano in difesa della sua terra invasa dai barbari

Isidoro Meli

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Frassinelli
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 13 marzo 2018
Pagine: 301 p., Rilegato
  • EAN: 9788893420372
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 16,62

€ 17,50
(-5%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Attìa e la guerra dei gobbi. Imprese et mirabilie di un eroe...

Isidoro Meli

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Attìa e la guerra dei gobbi. Imprese et mirabilie di un eroe siciliano in difesa della sua terra invasa dai barbari

Isidoro Meli

€ 17,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Attìa e la guerra dei gobbi. Imprese et mirabilie di un eroe siciliano in difesa della sua terra invasa dai barbari

Isidoro Meli

€ 17,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 17,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un romanzo che dà spazio ai quattro uomini dimenticati dalla storia che tentarono di rapire la donna di Garibaldi.

"I poveracci dovrebbero unirsi e protestare, in nome del progresso. Qualche volta è accaduto. Dopo avere eliminato i capi, però, non hanno concluso niente. Non hanno mai saputo organizzarsi. Sorpresi dalla nuova condizione, dalla liberazione delle terga da certi gravami, e terrorizzati dall'idea di tornare schiavi, loro e le terga, si sono lasciati andare a diffidenza e a vittimismo, e si sono disuniti. Allora il potere ha ripreso le redini e i poveracci hanno ripreso a prenderlo nel culo, scoprendo così quanto può essere efficace e dolorosa la forza dell'abitudine."

«La notte del primo marzo 1860 quattro uomini salparono da Palermo alla volta di Caprera per rapire la donna di Giuseppe Garibaldi. Nessuno di loro aveva progettato il viaggio, né scelto liberamente di prendervi parte: il loro coinvolgimento fu una conseguenza del bizzarro dipanarsi degli eventi. L'ideatore del viaggio si chiamava Francesco Landi, aveva l'appellativo di "Generale", ed era uno dei massimi rappresentanti del potere borbonico in Sicilia. In cambio della liberazione della donna, sosteneva, avrebbero costretto Garibaldi a rinunciare all'impresa dei mille. Questo in teoria. Le cose andarono diversamente. Garibaldi sbarcò a Marsala con mille uomini e conquistò tutta la Sicilia, poi attraversò lo stretto e conquistò il restante regno di Francesco I di Borbone, passando alla storia. I quattro uomini salpati alla volta di Caprera invece non passarono alla storia. Della loro esistenza non v'è traccia da nessuna parte e non esiste un solo libro che accenni in qualche modo alla loro missione, a parte poche pagine del diario di viaggio di uno di loro, il soldato semplice Salvatore Paradiso. Eppure, ai loro tempi erano famosissimi. Le loro gesta ispirarono una canzone che fu un grande successo in tutta la nascente nazione per quindici anni e più, prima di cadere nel dimenticatoio. Evento ancora più bizzarro: la canzone fu scritta prima ancora che i fatti raccontati fossero effettivamente avvenuti. Come se si trattasse del canto di un antico veggente. Quella canzone l'ho scritta io. Facevo il cantastorie, poi sono morto.»
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il godimento del lettore? Chiedete a Meli

Signori, qui si parla di letteratura. Non di gialli sciapi e improbabili, di lagne generazionali, di storielle con o sui social network, di idee già sentite, di mondi fin troppo frequentati, di luoghi comuni. Qui siamo in presenza di uno scrittore vero, giudizio non ancora conclamato non si sa bene perché; probabilmente non presenzia a salotti televisivi, letterari o del bel mondo che conta, se ne starà rintanato alla periferia dell’impero a scrivere, fa poche pubbliche relazioni all’interno dei giri giusti, nemmeno spende due spiccioli per farsi fare un buon numero di foto dignitose e in posa, basta dare un’occhiata a Google Immagini. Gli scrittori veri creano mondi, non rimestano nel già scritto o, se lo fanno, sono così abili che non ce ne accorgiamo: anche qualcosa di vecchio o di già visto ce lo fanno vedere con occhi nuovi, con sguardo non convenzionale, magari da punti di vista che non ci sogneremmo nemmeno. A questo novero appartiene Isidoro Meli, che col suo secondo romanzo, ancor più del felice debutto, dimostra di avere qualcosa da dire, fuori dal coro dei più.

Meli ha scritto un romanzo che trabocca di letteratura e di altre istanze e ritmi (storia, cinema, musica) carico di personaggi, in cui autore e lettori non perdono il filo. Ci porta indietro nel tempo di quasi 160 anni, raccontandoci un contesto che nella peggiore delle ipotesi conosciamo dai libri di scuola, ma ce lo fa scoprire gradualmente con gli occhi dei vinti, non dei vincitori. La spedizione dei Mille, con Giuseppe Garibaldi in testa, per dire, andò di traverso a parecchia gente. E nel suo romanzo Attìa e la guerra dei gobbi. Imprese et mirabilie di un eroe siciliano in difesa della sua terra invasa dai barbari (301 pagine, 17,50 euro), pubblicato da Frassinelli come il precedente La mafia mi rende nervoso, Meli immagina che i borbonici palermitani provino a impedire all’eroe dei due mondi di mettere in pratica quello che – la conquista del meridione – tornerà utile ai gobbi (i Savoia sono ribattezzati col dispregiativo rifilato agli juventini da mezza Italia). Per fermare Garibaldi, si pensa, è necessario neutralizzarlo, colpendolo nel punto debole, Anita. Ecco perché si organizza una controimpresa, «missione segretissima», il rapimento a Caprera di Anita, per mettere alle strette il generale e farlo tornare sui suoi passi. La missione è affidata a un gruppo sgangherato, i rivoli delle storie picaresche che si affastellano è il naturale effetto delle conseguenze.

Questo pirotecnico romanzo sprizza energia e dalle sue pagine affiora ironia pura. Guardandosi intorno, non c’è molto del genere in giro, specialmente entro i nostri confini. Leggendolo si ride. Ed è un bene, perché si abbattano i cliché. In Italia soprattutto, per essere presi in considerazione, come scrittori, per essere apprezzati e considerati intelligenti bisogna essere seri, seriosi o depressi. Sufficienza, al massimo trattenuta indulgenza, è destinata a chi batte altre strade. Con un felice registro multilinguistico (fra racconto orale, licenze grammaticali e contaminazioni linguistiche), e con un dosaggio abbondante di grottesco, Meli e il suo principale “socio”, Nello, il narratore morto (cantastorie capace di leggere nei pensieri, in vita), mettono a bordo di un’imbarcazione malridotta un gruppetto di quattro uomini; nel diario di uno di loro, il soldato semplice Salvatore Paradiso, vengono presentati gli altri tre, «tre individui poco raccomandabili: un omone soprannominato U’ Panc, che a parte la stazza pare essere il più bonario; un giovine criaturo estremamente ciarliero e dalla pelle di un orribile colore viola, che ho inteso chiamarsi Attìa; et il famigerato terribile Andrea Foti u’ Muzziaturi. Forse non è la compagnia più appropriata per svolgere con solerzia un incarico sì delicato, ma in fondo chi può dirlo? Lo sa solo Dio. E Dio tiene le sue opinioni per sé, il più delle volte. Io posso dirlo. Senza essere Dio e ignorando la sua opinione». Panc è un quasi innocuo gigante, originario di Bronte, ghiotto di pistacchi, Attìa è un ladruncolo smemorato, Andrea Foti u’ Muzziaturi, peggio, un assassino; e Salvatore, infaticabile sciupafemmine di origini napoletane, arruolatosi come esaudimento di una promessa fatta al padre. Il generale Francesco Landi, apparentemente scrupoloso e osservante borbonico, è l’ideatore della traversata da Palermo a Caprera…

In mare o sulla terraferma, tra paradossi e fantasia sfrenata, tra concessioni al pulp e allo splatter, Meli scrive un romanzo magari meno siciliano del precedente e di quanto ci si potrebbe aspettare (le peripezie dei suoi antieroi li porteranno in ben altri luoghi,a  gozzovigliare piuttosto che a deviare il corso della storia…), ma in una cornice che gli concede ampia libertà. Ne gode principalmente il lettore, alle prese con ripetuti elementi di sorpresa, con risate di cuore, con una lotta senza quartiere all’ipocrisia che domina la storiografia di ogni colore. Passate parola.

Recensione di Micol Treves

  • Isidoro Meli Cover

    Isidoro Meli è nato e cresciuto a Palermo, città che gli ha lasciato una profonda comprensione dei concetti di decomposizione e decadenza. Dopo una breve ma non meno decadente parentesi lombarda, è tornato in Sicilia, dove ha vissuto un po’ ovunque – soprattutto a Catania –, approfondendo ulteriormente la conoscenza dei concetti di cui sopra. Adesso vive a Trapani. Il suo sogno è vivere a New Orleans, dove su decadenza e decomposizione ci ballano sopra. La mafia mi rende nervoso è il suo primo romanzo pubblicato per Frassinelli nel 2016, a cui è seguito nel 2018 Attìa e la guerra dei gobbi. Imprese et mirabilie di un eroe siciliano in difesa della sua terra invasa dai barbari. Approfondisci
Note legali