L' autismo. Spiegazione di un enigma

Uta Frith

Editore: Laterza
Edizione: 4
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 7 maggio 2009
Pagine: XIV-316 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788842071471
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Li hanno chiamati bambini pesce, bambini della luna, tanto appaiono misteriosi: i bambini autistici hanno eretto un muro impenetrabile tra se stessi e il mondo che li circonda. Uta Frith riprende le fila del suo indiscusso e fondamentale studio sull'autismo infantile e delinea i più recenti sviluppi della ricerca neuropsicologica e neurologica sul disturbo. "Questa storia del viaggio della scienza verso la comprensione dell'autismo comprende idee romantiche e rivela reazione emotive incredibilmente forti che io ho da tempo accettato come una componente del fascino che provo studiando l'autismo. Comprende anche alcuni fatti nudi e crudi provenienti dalla neuroscienza cognitiva. Credo che combinare i due opposti, la scienza rigorosa e le idee romatiche, l'obiettività e la passione, non sia impossibile, e l'enigma dell'autismo me ne ha dato la prova".

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mauro Lanari

    09/11/2008 21:09:06

    La CDU (Cognitive Development Unit) londinese, da cui proviene pure la Frith, ha formulato due diverse ipotesi sull’autismo: quella d’un deficit nel comprendere lo psichismo altrui, esaminata ora con metodiche di neuroimaging che chiamano in causa i neuroni specchio (o mirror), e quella d’un persistente DDC (Deficit di Coerenza Centrale, "weak central coherence"), che attesterebbe la cronica incapacità innata d’integrare eventi, emozioni, concetti, esperienze: un deficit originario d’integrazione ideoaffettiva, vale a dire sia sul versante cognitivo, conoscitivo, epistemico, sia sul versante motivazionale, volizionale, valutativo. Quest’ipotesi alternativa è stata formulata proprio dalla Frith, e anche lei si sta dedicando ai test con tecniche d'imaging per cercare conferme di tipo neurobiologico. Le due ipotesi si differenziano in un aspetto essenziale: gli stessi autori della suddetta scuola si premurano di precisare che sarebbe più opportuno parlare d'un "continuum" etichettabile come Disturbi dello Spettro Autistico, poiché "L'autismo insomma si manifesta con la presenza di tratti [...] che possono essere riscontrati, seppur in forma lieve, anche in molte persone normali" (L. Surian, 2005, p. 19). Detto altrimenti, l'autismo andrebbe ridefinito come uno spettro continuo di maggiore o minore gravità nei sintomi, dai casi di disturbo invalidante fino a un'epidemiologia che termina in un'antropologia universale, alla maniera della nevrosi e della psicosi come psicopatologie quotidiane rispettivamente della prima e della seconda metà del '900. Al primo polo dello spettro sarebbe valida l’ipotesi neurobiologica d’una compromissione SPECIFICA dei neuroni mirror, al secondo polo andrebbe invece applicata l’ipotesi neurobiologica proposta dalla Frith, ASPECIFICA e generalizzabile all’intera condizione umana. Nelle parole della prefazione di Mecacci: “l’architettura cognitiva non è data in forma compiuta alla nascita” (p. VIII), e non è detto che qualcuno sia ancora mai giunto a tale “architettura compiuta”.

Scrivi una recensione