Le avventure della lira

Carlo M. Cipolla

Editore: Il Mulino
Collana: Intersezioni
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 22 ottobre 2012
Pagine: 162 p., Brossura
  • EAN: 9788815240897
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
La storia della lira inizia dalla libbra romana, una misura di peso equivalente a circa 325 grammi. Fu la riforma di Carlo Magno a trasformarla in unità del sistema monetale. La moneta di quel sistema era il denaro; le zecche ricevevano una libbra d'argento e dovevano cavarne 240 denari. La lira inizia la sua vita come unità virtuale, cui non corrisponde una moneta, e tale resterà per la maggior parte della sua storia, moneta fantasma, multiplo delle piccole monete che circolavano negli stati italiani, in rapporti variabili a seconda dei periodi di crisi o di prosperità. Seguendo di città in città, di moneta in moneta, "le avventure della lira", Cipolla compone così una piccola storia monetaria d'Italia, dal Medioevo all'inizio dell'Italia unitaria.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Il professore

    04/11/2012 17:27:32

    Una breve storia della lira dal Medioevo al Risorgimento.Un libro che gli inglesi definirebbero "a very short introduction" ci conduce attraverso un excursus storico di diversi secoli raccontando le varie problematiche dela circolazione monetaria in Italia (quando ancora non si chiamava così).Una tematica complessa resa facile ed accessibile.Apprezzabile lo sforzo di divulgare un argomento che non entusiasma certo le folle.La prima edizione è del 1975 e quindi manca il periodo fino all'introduzione dell'euro ,una lacuna colmata dalla pregevole prefazione di Toniolo.Consigliabile agli studenti di Economia come introduzione all'Economia e politica monetaria che studieranno su libri accademici, spesso oscuri e pallosi, scritti solo a beneficio del titolare del corso. Buona la bibliografia, ottime le note.

Scrivi una recensione