-15%
Le avventure di Persiles e Sigismonda. Storia settentrionale - Miguel de Cervantes - copertina

Le avventure di Persiles e Sigismonda. Storia settentrionale

Miguel de Cervantes

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: A. Ruffinatto
Editore: Marsilio
Anno edizione: 1996
In commercio dal: 1 novembre 1996
Pagine: 628 p., Rilegato
  • EAN: 9788831764483
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 25,46

€ 29,95
(-15%)

Punti Premium: 25

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA

Le avventure di Persiles e Sigismonda. Storia settentrionale

Miguel de Cervantes

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Le avventure di Persiles e Sigismonda. Storia settentrionale

Miguel de Cervantes

€ 29,95

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Le avventure di Persiles e Sigismonda. Storia settentrionale

Miguel de Cervantes

€ 29,95

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

E' un corposo romanzo d'avventure corredato da tutti gli ingredienti del genere: ambiente esotico, tempeste, corsari, mostri marini, selvaggi, naufragi, rapimenti, streghe e lupi mannari, nobildonne e cortigiane, amanti violenti e amanti gelosi, duelli...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


recensione di Poggi, G., L'Indice 1997, n. 3

Chi non conosce, o non ha perlomeno una volta sentito parlare, dell'allampanato cavaliere della Mancia che accompagnato dal suo fedele scudiero attraversa città e regioni della Spagna barocca alla ricerca di verità sempre più illusorie e di sempre più inevitabili disillusioni e sconfitte? Sto parlando, ovviamente, di Don Chisciotte e Sancio Panza, la strana coppia che ha dato notorietà a Cervantes decretandone il ruolo di iniziatore del romanzo moderno. Non così conosciuta (né così strana) è invece la coppia formata dai due protagonisti dell'ultima fatica del narratore spagnolo, quella Historia Setentrional che egli annuncia a più riprese nei prologhi delle sue opere e il cui filo si dipana così profondamente intrecciato a quello della sua vita da costituirne quasi una sorta di accorato congedo.
Troppo lungo sarebbe spiegare perché i quattro libri che compongono "Los trabajos de Persiles y Sigismunda" ebbero, nonostante l'immediata ripercussione seicentesca, sempre più scarsa risonanza nei secoli futuri e perché la stilizzata coppia che li attraversa non incontrò lo stesso successo di quella anomala, ma ben più realistica, del romanzo precedente. Ciò che invece possiamo fare è proiettare questa postuma testimonianza cervantina sullo schermo di una finzione che il narratore sembra avere per tutta la vita inseguito e che, già sperimentata nella forma italiana delle Novelle e in quella dialogica del Chisciotte, ritrova il suo archetipo più profondo nel rarefatto schema proprio del romanzo bizantino.
Ci aiuta in questa impresa la recente edizione italiana che del "Persiles" ha allestito, per i tipi della Marsilio, Aldo Ruffinatto. Edizione estremamente curata non solo per l'esatta resa nella nostra lingua della complessa, tortuosa (bizantina, appunto) prosa del romanzo, ma anche per l'esaustivo apparato critico che lo correda; anche, soprattutto, per lo splendido studio che lo introduce e che tende a svelarne i meccanismi diegetici e dunque a volgere in incipiente modernità quanto ancora di convenzionale, sbiadito, persino sciatto la critica gli attribuiva.
Già Carlos Romero, in una precedente, altrettanto pregevole edizione del romanzo, aveva posto l'accento sulla sua struttura e i suoi modelli di riferimento; già il compianto Maurice Molho, curandone una recente versione francese, ne aveva messo a fuoco il simbolismo e le interne simmetrie. Ora, a partire da questi e altri importanti interventi e forte della sua esperienza cervantina, Ruffinatto disegna, nel suo invito alla lettura del "Persiles", una lucida mappa di quei meccanismi narrativi con cui il grande scrittore si era più di una volta confrontato e che riemergono, quasi fili scoperti, nella sua estrema prova.
E invero nel "Persiles" l'ansia della narrazione si fa così evidente da innervare l'intera opera, disseminata da una serie di interrogativi e dubbi diegetici (i tempi del racconto, la liceità delle sue digressioni, i limiti della sua verosimiglianza) e condizionata da una distinzione sempre più labile di ruoli narrativi, tanto moltiplicati in seno al romanzo da fare aggio, quasi, sulla coppia che gli dà il titolo.
Perché se è vero che lo statuto del modello bizantino (l'inizio in medias res, la peripezia, il travestimento, l'agnizione finale e il finale raggiungimento della meta agognata) distanzia le coppie itineranti del Persiles da quelle del Chisciotte, è anche vero che nel "Persiles "come nel "Chisciotte" i personaggi narrati si volgono spesso e volentieri in narratori, e le loro peripezie in eventi, pretesti metadiegetici.
Questa sviluppata coscienza diegetica che sorregge il romanzo e che è per Ruffinatto la causa prima del "discreto fascino della metanarratività" che lo percorre, va letta come la controparte della materia meravigliosa che gli appartiene, di quegli spazi lontani e favolosi (l'"ultima Tule" da cui si dipartono i due protagonisti per arrivare fino a Roma) che, mentre danno ragione del suo sottotitolo, giustificano i ripetuti impulsi verso il soprannaturale in esso contenuti.
Categorie tutte che Ruffinatto mette a fuoco come riflesso di quel dibattito manierista sul verosimile che, se nel "Chisciotte" si calibrava fra menzogna e illusione, qui si estende ai confini della finzione e ai bordi di realtà immateriali quali il sogno, il pronostico, la premonizione.
Non con questo si vuol dare ai protagonisti del Persiles uno spessore psicologico estraneo al loro stesso statuto, e neppure accordare un eccessivo rilievo alle sfasature temporali suggerite dal carattere paranormale di certi suoi personaggi. Ciò che preme sottolineare è piuttosto la capacità di tenuta dell'ultima finzione cervantina, comprensiva degli ambiti più sconosciuti e degli eventi più misteriosi, anche se sempre avallati dalla spiegazione dell'autore e dagli orizzonti d'attesa del suo primo destinatario: il lettore. È questo forse il punto più suggestivo su cui fa leva l'introduzione di Ruffinatto. Nella misura in cui il critico delinea per il Persiles un duplice pubblico (quello convenzionale cui è diretta la narrazione segmentale degli avvenimenti e quello colto, capace di coglierne l'andamento ironico e soprasegmentale, e dunque di stabilire con l'autore una "divertentissima complicità") egli riscatta quest'ultimo documento cervantino dalla sua presunta incompiutezza affidandone la comprensione assai più che alle leggi del decoro, a quelle, imprevedibili, della ricezione.
Per cui anche la scelta del traduttore di rendere "trabajos" con "avventure" (là dove i precedenti traduttori avevano risolto con "traversie", "peripezie", "travagli", "sventure") se conferma da un lato la natura metadiegetica del romanzo (già sotto vari aspetti proteso verso quello, propriamente "di avventure", settecentesco) lo iscrive, dall'altro, in una serialità virtualmente infinita. Serialità che, mentre ridimensiona la cattolicità del "Persiles" (essendo la Roma papale verso cui tendono i due pellegrini frutto, più che di una dichiarata fede dell'autore, di un'ambigua adesione del narratore ai canoni tridentini e controriformisti), ne avvicina la struttura a quella di una telenovela dei nostri giorni. Una grande telenovela da leggere, ovviamente, e non da vedere.
  • Miguel de Cervantes Cover

    LA VITAQuarto dei sette figli di un modesto chirurgo, trascorse l’infanzia e l’adolescenza tra Valladolid, Salamanca, Siviglia e Madrid; qui, nel 1569, Juan López incluse in una sua relazione alcune poesie di C., definendone l’autore «il nostro caro e amato discepolo»: è questa l’unica testimonianza sulla sua educazione umanistica. Ma già dal 1568 C. si trovava in Italia, al seguito di Giulio Acquaviva: era fuggito per evitare la condanna al taglio della mano destra e a dieci anni d’esilio, decretata contro di lui perché ritenuto colpevole del ferimento di un tale Antonio de Segura. In Italia fu prima cortigiano e, in seguito, militare; la scelta della carriera delle armi lo fece partecipare alla battaglia di Lepanto (1571):... Approfondisci
Note legali