Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Azzurro tenebra - Giovanni Arpino - ebook

Azzurro tenebra

Giovanni Arpino

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Pagine della versione a stampa: 253 p.
  • EAN: 9788858630167
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 6,99

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

spinner

Scaricabile subito

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Stoccarda, giugno I974, Mondiali di calcio: nonostante campioni come Riva, Mazzola, Rivera, Facchetti e Zoff, la nostra nazionale viene eliminata al primo turno, in mondovisione e sotto gli occhi attoniti di migliaia di emigrati italiani. Protagonista autobiografico di "Azzurro tenebra" è un inviato speciale che si firma "Arp" e assiste alla disfatta insieme al giovane cronista-scudiero "Bibì", come un Don Chisciotte del giornalismo affiancato dall'immancabile Sancho. Testimoni di un evento sportivo che presto assume i toni del grottesco, i due uomini sanno leggere in filigrana dentro quello che solo uno sguardo superficiale potrebbe archiviare come "niente altro che calcio", e vi scorgono il destino desolante di un Paese già votato allo scacco e a un malinconico tramonto. Scritto a muscoli tesi, con estro espressionista, il libro, si trasforma pagina dopo pagina nel glaciale referto di un doppio fallimento: la sconfitta sul campo e l'insufficienza estetica del gioco degli azzurri rispecchiano la generale carenza di etica e la miseria della condizione politica nel Paese.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3
di 5
Totale 4
5
1
4
0
3
1
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    tiz

    21/06/2019 15:31:10

    Avevo grandi aspettative che purtroppo sono state deluse, con dispiacere devo ammettere di averla trovata una lettura pesante e poco scorrevole.

  • User Icon

    New Gold Dreamer

    30/12/2018 16:53:56

    Sto finendo di leggere questo libro, ma... CHE FATICA! L'idea di base è veramente originale, dal momento che si tratta di un romanzo ambientato in un contesto sportivo nazional-popolare, cioè il Mondiale di calcio del 1974 (forse un unicum nella nostra letteratura) ma, dal mio modesto punto di vista, Arpino utilizza degli azzardi linguistici che si poteva tranquillamente evitare, per non parlare della quasi assenza di sequenze narrative e del dominio pressoché assoluto di quelle dialogiche. Unico punto a favore del romanzo: la descrizione delle tre partite che l'Italia gioca ai Mondiali. Per il resto, è un romanzo che sto durando assai fatica a leggere.

  • User Icon

    paolo

    12/10/2011 20:23:49

    L'Arpino de "La suora giovane" de "L'ombra delle colline" o di "Una nuvola d'ira" è uno scrittore straordinario, ed è naturalmente caduto in quel dimenticatoio cui è destinata tutta la grande letteratura italiana degli anni 50 e 60, quando non interviene il caso a salvarla dall'oblio (come per Bianciardi ad esempio). L'Arpino di questo curioso romanzo calcistico di fine 70 sembra più un abilissimo mestierante inzuppato di amarezza e delusione, quasi rabbioso nell'ironia che caratterizza ogni riga del libro, con quei dialoghi tipo "botta Willer e il fido pard Kit Carson. Bearzot, Facchetti, i colleghi giornalisti più o meno famosi, più o meno anziani o esperti, fungono da altrettante spalle per le freddure agrodolci del "magister" Arpino.

  • User Icon

    claudio

    01/09/2010 08:19:01

    Non conoscevo l'Arpino giornalista sportivo. Ed è stata una bella sorpresa. Molto, ma molto bello

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
  • Giovanni Arpino Cover

    Giovanni Arpino, nato a Pola nel 1927 da genitori piemontesi e morto a Torino nel 1987, è stato per molti anni giornalista sportivo.Tra i suoi libri: Sei stato felice, Giovanni (1952); Gli anni del giudizio (1958); La suora giovane (1959); Un delitto d'onore (1961); Una nuvola d'ira (1962); L'ombra delle colline (1964, premio Strega); Il buio e il miele (1969); Randagio è l'eroe (1972); Domingo il favoloso (1975); Il primo quarto di luna (1976); Azzurro tenebra (1977); Il fratello italiano (1980, premio Campiello); La sposa segreta (1983). Passo d'addio, uscito per la prima volta nel 1986, è stato il suo ultimo romanzo. Dal sito ufficiale dell'Editore Einaudi Approfondisci
Note legali
Chiudi