Bach Reworks - Vinile LP di Johann Sebastian Bach,Vikingur Olafsson

Bach Reworks

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johann Sebastian Bach
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
Data di pubblicazione: 26 aprile 2019
  • EAN: 0028948358311
Salvato in 3 liste dei desideri
Prosegue il progetto del pianista islandese dedicato al compositore tedesco iniziato nel settembre 2018 con l’apprezzatissimo album Johann Sebastian Bach (Nomination BBC MUSIC MAGAZINE AWARD 2019) che si è evoluto con il rilascio di successivi arrangiamenti e rivisitazioni inizialmente pubblicati lo scorso febbraio solo in formato digitale.Questi interessanti contributi sono ora disponibili anche su supporto fisico ma solo in vinile.
“Bach Reworks” è la conferma dello straordinario lavoro tecnico e interpretativo realizzato da questo giovane pianista.
Disco 1
1
For Jóhann (Víkingur Ólafsson, piano)
2
Prelude BWV 855a - Valgeir Sigurðsson Rework (Valgeir Sigurðsson electronics & Víkingur Ólafsson piano)
3
Prelude in G Major (Víkingur Ólafsson, piano)
4
Above and Below, B Minor (Peter Gregson cello, electronics & Víkingur Ólafsson piano)
5
Prelude BWV 855a - Ben Frost Ladder Mix (Ben Frost synthesizer programming & Víkingur Ólafsson, piano)
6
Widerstehe doch der Sünde, from BWV 54 (Arr. Ólafsson) (Víkingur Ólafsson, piano)
7
BWV 974 – II Adagio – rework (Ryuichi Sakamoto, electronics & Víkingur Ólafsson, piano)
8
Minor C Variation (Hildur Guðnadóttir, cello)
9
And At The Hour Of Death (Víkingur Ólafsson, piano)
10
Bach mit Zumutungen (Hans-Joachim Roedeliusm electronics & Thomas Rabitsch, sound design & Víkingur Ólafsson piano)
11
Kyriena (Skúli Sverrisson electronics & Víkingur Ólafsson, piano)
12
Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit BWV 106 (Arr. Kurtág) (duet Víkingur Ólafsson & Halla Oddný Magnúsdóttir)
  • Johann Sebastian Bach Cover

    Compositore tedesco.La vita: da Weimar, a Cöthen, a Lipsia. Figlio di un violinista, ricevette la prima istruzione musicale dal padre e, dopo la sua morte (1695), dal fratello maggiore. Nel 1700 entrò a far parte, come soprano, del coro di S. Michele a Lüneburg, rimanendo al servizio di quella chiesa anche dopo la muta della voce, avvenuta l'anno seguente. Nel 1703 ebbe un breve incarico a Weimar come violinista nell'orchestra ducale; pochi mesi dopo divenne organista di chiesa ad Arnstadt. Nel 1707, colpito da dure critiche perché si era assentato senza permesso e perché sottoponeva a eccessive elaborazioni l'accompagnamento dei corali, si trasferì a Mühlhausen, presso la chiesa di S. Biagio. Nello stesso anno sposò sua cugina. Nel 1708 tornò a Weimar come organista di corte. Deluso nella... Approfondisci
Note legali