Categorie

Jeffery Deaver

Traduttore: A. C. Cappi, C. Astori
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 503 p. , Brossura
  • EAN: 9788817030892

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    cri1405

    28/12/2015 15.57.31

    Primo thriller che vede protagonista l'esperta di cinesica Kathryn Dance, impegnata in un confronto-scontro con un pericoloso criminale dalla personalità ipnotica. Romanzo a mio avviso molto ben strutturato,dalla trama incalzante e avvincente, ricca di colpi di scena: Deaver si riconferma ancora una volta un autore capace di ammaliare e coinvolgere il lettore dalla prima all'ultima pagina. Un punto a favore di questo romanzo è,senza dubbio, l'approfondita analisi psicologia dei personaggi,abilmente descritta dall'autore per mezzo della nostra esperta protagonista. La Dance non è però solo una professionista, ma è anche una madre alle prese con i figli e con una vita sentimentale turbata dalla morte del marito: caratteristiche che la rendono un personaggio a tutto tondo,per il quale non si può non provare simpatia. Caso ha voluto che legessi prima "La strada delle croci", sempre con la stessa protagonista: facendo un confronto non posso non affermare che "The sleeping doll" risulta molto più coinvolgente,malgrado il secondo volume sia comunque godibile. Thriller,dunque, ad alta tensione che non finisce mai di sorprendere e stupire il lettore.Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    SP360

    13/01/2015 21.25.03

    Il libro è piuttosto interessante. Ho apprezzato le dettagliate descrizioni dei personaggi e delle tecniche di interrogatorio. L'autore ha introdotto con questo libro un nuovo tipo di detective, più empatico e che usa la cinesica come arma per mascherare gli impostori, i bugiardi ed ovviamente l'assassino. Le sue deduzioni investigative sono meno imperniate sui risultati delle analisi di laboratorio, le relative connessioni ed implicazioni (tipo Lincoln Rhyme)ma più rivolte alla comprensione del linguaggio corporeo, quindi all'essere umano. Lo consiglio.

  • User Icon

    claudio

    16/05/2014 09.28.04

    Sicuramente un romanzo poliziesco di alto livello. La trama è ben articolata, anche se complessa, e il ritmo narrativo è sostenuto, anche se a volte rallentato da alcune digressioni. Anche il finale raggiunge l'effetto sorpresa in maniera convincente. Qualche limite, secondo me, appare, oltre che in un certo sovraccarico di "vicende parallele", soprattutto nella costruzione dei personaggi-chiave. Mi sembrano troppo tecnici e professionali, e talvolta persino freddi, per essere pienamente verosimili. Ma complessivamente il lavoro rimane su un piano di eccellenza.

  • User Icon

    Vittoria

    27/01/2013 21.37.24

    Mi aspettavo qualcosa di tremendo ma invece ne sono rimasta conquistata. Il colpo di scena finale mi ha lasciato a bocca aperta, anche se ci sono parecchie cose che non fanno maritare un 5 a questo libro. Un piccolo parere: lei insopportabile.

  • User Icon

    Angelo

    08/10/2012 20.40.45

    E' il primo libro di Deaver che ho letto. Un ottimo thriller/poliziesco consigliato per chi ama il genere. Scritto molto bene, scorrevole anche se i primi capitoli posso risultare un po' troppo 'pesanti' ma superati quest'ultimi la storia prende e ti risucchia fino alla fine. I personaggi si incastrano bene nel contesto della narrazione. Personalmente ha colpito molto la figura di Kathryn Dance, protagonista esperta di cinesia, che riesce a portare avanti, egregiamente, lavoro e famiglia. L'antagonista Daniel Pell è un altro personaggio formidabile che darà filo da torcere all'agente speciale Dance. Consigliato!

  • User Icon

    Saras

    06/06/2012 03.50.24

    Superati i primi capitoli diventa scorrevole e decisamente più avvincente. Daniel Pell, come tutti gli altri, hanno una bella psicologia e un analisi interiore del personaggio meravigliosa. mi piacciono gli spazi lasciati alla spiegazione più tecnica delle analisi e del linguaggio del corpo. le 500 pagine spaventano un pò chi non è abituato ma ne valgono la pena.

  • User Icon

    Rita

    23/01/2012 15.05.34

    Primo libro che leggo di Deaver e mi ha molto appassionata il personaggio di Katherine...mi piace quando la storia si tinge un pò di rosa, pur mantenendo lo stile thriller/poliziesco.

  • User Icon

    matteo

    29/08/2011 11.46.19

    Lo considero un'ottimo libro, ben strutturato, emozionante e avvincente. Particolare attenzione anche alla vicenda umana dei protagonisti, cioè non solo un poliziesco, non solo tecnica letteraria.Poi...chi non è andato sul web a leggere di cinesica? Leggetelo!

  • User Icon

    nadia

    04/03/2011 14.16.17

    E' il primo libro che leggo di quest autore e l ho trovato piacevole anche se la storia, a tratti, mi ha annoiato. Ben elaborato il linguaggio, forse non all' altezza della storia stessa.

  • User Icon

    Mariyn

    13/12/2010 13.10.36

    Se si riescono a superare i primi capitoli, dopo si viene risucchiati nella storia e si fa fatica a smettere di leggere. L'ho comprato esclusivamente perchè il protagonista viene associato alla figura di Charles Manson, ed ero curiosa di capire e scoprire come Deaver avrebbe descritto uno psicopatico del genere, e non sono rimasta delusa: colpi di scena senza fine, ottima analisi dei personaggi e ottimo svolgimento della trama. Consigliato.

  • User Icon

    rossella

    19/01/2010 18.37.11

    pienamente d'accordo con Sara...anch'io l'ho mollato...quasi subito

  • User Icon

    Gi

    29/11/2009 21.35.32

    Come storia non è malaccio, dopo la metà del libro prende pure, però... Però a mio parere è troppo appesantito da un "eccesso di cinesica"; voglio dire, l'argomento è molto interessante e, mi pare, anche innovativo nel romanzo poliziesco/investigativo, ma non si può tirarla all'eccesso. Ci mancava soltanto che i due finissero in camera da letto e la nostra eroina si cimentasse con la cinesica anche nell'alcova. Per il resto, mi ripeto, non mi è sembrato poi così male. Mi ci sarebbe stato bene un 3,5; se non fosse stato un romanziere affermato avrei arrotondato al 4.

  • User Icon

    Claudio

    14/10/2009 12.39.20

    Direi un buon romanzo...qui si è cercato di esplorare nuovi territori ossia affrontare l'agomento della cinesica,lo studio della persona attraverso le sua gesta i suoi comportamenti.L'ultima parte del libro è molto avvincente,forse la parte centrale un po noiosa,ma nel complesso il libro è discreto.

  • User Icon

    Umberto75

    27/09/2009 13.26.41

    Meno entusiasmante dei precedenti ma sempre un bel libro, curato nei dettagli e nei personaggi. I colpi di scena ci sono anche se la sedia vuota o l'uomo scomparso sono tutta un'altra cosa.

  • User Icon

    Sara1983

    28/08/2009 17.48.58

    Una noia mortale............Ho provato ad andare avanti nella storia, ma quando sono arrivata a metà circa del libro mi sono arresa e ho abbandonato la lettura..... E non è da me, io i libri li finisco sempre! Pessimo libro.

  • User Icon

    Thomas

    13/06/2009 13.20.25

    Molto bello! Ho letto questo subito dopo Il collezionista di ossa. Da un'analisi estrema di qualsiasi tipo di prova fisica e chimica, a un'analisi su comportamenti, emozioni e sensazioni. Una guerra psicologica col serial killer di turno, che è molto sveglio e bastardo. Una bella storia e un bel manualino di cinesica, con tante informazioni. Grande Deaver!

Vedi tutte le 16 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione