La battaglia d'inverno

Jean-Claude Mourlevat

Traduttore: B. Capatti
Editore: Fabbri
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 31 ottobre 2007
Pagine: 451 p., Rilegato
  • EAN: 9788845144219
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Helen e Milena. Bart e Milos. Una fredda sera d'inverno le due amiche si arrampicano sulla collina, dirette al villaggio delle consolatrici; i due ragazzi ne scendono per tornare nel loro collegio. A una svolta della strada si incontrano: un momento che sconvolge le loro vite. Decidono così di fuggire dai collegi in cui sono reclusi; Milena e Bart vogliono ritrovare i genitori scomparsi. Ma la Falange non intende farseli scappare: Pastor e la sua muta di uomini-cane li braccano. L'anelito alla libertà dei quattro diciassettenni incontra il desiderio di rivolta di un popolo oppresso. Nel frattempo si intessono legami, si rinsaldano amicizie. E a volte si perdono, anche. Età di lettura: da 13 anni.

€ 14,02

€ 16,50

Risparmi € 2,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    SteamBoy

    22/07/2014 18:35:34

    Uno di quei libri che raramente capitano per le mani e che ti riconciliano con la lettura. Ha tutto quello che serve: è scritto bene, personaggi con storie da raccontare, con pensieri e riflessioni da condividere, una storia densa e significativa, con tante idee originali (uomini cane? Uomini cavallo?), ambientazioni che stimolano l'immaginazione e una robusta morale. Mi ha convinto molto lo stile narrativo, evocativo e possente pur se in qualche modo rarefatto. Ogni parola trova un suo posto nella storia e serve a farci vedere e sentire quello che sta accadendo, rendendoci spettatori degli atti di coraggio, delle paure, delle gioie e dei dolori dei protagonisti. Leggendo le prime pagine mi ero fatto l'idea di una storia incentrata sulla fuga, ma in breve diventa invece un romanzo di formazione, un remake della lotta ai regimi totalitari del XX° secolo, una sorta di noir in cui la flebile luce della speranza si apre a fatica la strada attraverso l'oppressione, mentre il freddo, la cattiveria, la povertà e lo sporco ci stringono d'assedio. Vale la pena leggerlo.

  • User Icon

    Fra

    22/04/2011 20:34:06

    Libro fantastico! L'ho letto tutto d'un fiato! E' una storia coinvolgente; è l'ideale di vita durante l'adoscelenza, soprattutto se, come i protagonisti, si l'infanzia in un collegio. Fino alla fine non si riesce a intuire come sarà il finale (un po' triste e veramente inaspettato ma molto utile al fine della morale del romanzo). Il voto massimo che si può dare è 5, io però gli darei 10 e lode!!! E' il migliore libro che ho letto!

Scrivi una recensione