La battaglia di Maratona

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Bruno Vailati
Paese: Italia
Anno: 1959
Supporto: DVD
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 7,00

€ 8,75
(-20%)

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Titanus Distribuzione Video, 2010
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 84 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: Full screen
  • Area2
  • Steve Reeves Cover

    Attore statunitense. Professionista del body-building, con diversi titoli nella disciplina, da Mr. America a Mr. Universo, ottiene a Hollywood i primi, modestissimi ruoli. Notato nel musical di R. Thorpe Athena e le sette sorelle (1954) conquista fama nel cinema italiano epico-storico. Il modesto talento e la notevole prestanza fisica ne fanno il naturale protagonista di Le fatiche di Ercole (1957) di P. Francisci e dell'immediato seguito (Ercole e la regina di Lidia, 1958). Centurione di fantasia (Gli ultimi giorni di Pompei, 1959, di M. Bonnard) o storico oplita (La battaglia di Maratona, 1960, di B. Vailati) cavalca la popolarità del genere nei panni di Romolo (Romolo e Remo, 1961, di S. Corbucci) ed Enea (La guerra di Troia, 1961, di G. Ferroni), tra avventure tolstojane (Agi Murad, il... Approfondisci
  • Daniela Rocca Cover

    "Attrice italiana. Esordisce sul grande schermo alla metà degli anni '50; bruna, prosperosa, tipica bellezza mediterranea, caratterista di un certo talento, si impone con l'interpretazione di ruoli secondari in svariate pellicole in costume come la biblica Giuditta e Oloferne (1959) di F. Cerchio. Nel 1961 viene scelta per interpretare la baronessa Rosalia Cefalù nel grottesco e divertente Divorzio all'italiana di P. Germi accanto a uno strepitoso M. Mastroianni: notevolmente imbruttita, dà vita a un personaggio ingenuo e bisognoso d'affetto che le rassomiglia nella sua fragilità (durante la lavorazione del film tenta il suicidio perché innamorata del regista, gravemente colpito da paresi facciale). Seguiranno pochi altri ruoli importanti e abbandonerà le scene alla metà degli anni '60. La... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali