Categorie

Tess Gerritsen

Traduttore: A. Biavasco, V. Guani
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2016
Pagine: 277 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830444775


Una storia di amore e di follia, un thriller incalzante che conduce il lettore alla scoperta di un segreto nascosto tra le note di un antico spartito.

A certe cose non puoi resistere. Se sei una musicista e ti ritrovi fra le mani il manoscritto di una composizione sconosciuta ma bellissima non puoi far altro che metterti a suonare. Prendi il tuo strumento e lasci scivolare fuori le note, una dopo l’altra, per ricostruire una musica dimenticata.

Quando Julia Ansdell si imbatte nello spartito di Incendio è disposta a tutto pur di averlo. Julia è una musicista, secondo violino in un quartetto di archi di Boston. Giunta a Roma per suonare in un festival, la donna entra in un negozio di antiquariato. E qui si imbatte nello spartito. È un foglio di carta da musica con fitte note tracciate a matita, e con il titolo – Incendio – scritto in una calligrafia inclinata ed elegante. Un valzer che inizia con una melodia semplice in mi minore, per farsi poi sempre più veloce e intenso, fino a diventare così penetrante e disarmonico da far rabbrividire. Solo guardando quelle note Julia capisce che deve avere assolutamente quella composizione. E la ottiene.
Ma è solo quando torna a casa dal marito Rob e dalla figlia Lily, di tre anni, che iniziano i problemi. Perché ogni volta che Julia prende il mano il suo violino e inizia a suonare Incendio, ogni volta che le note la catturano e la conducono lontano da quello che la circonda, sua figlia Lily commette un atto violento e malvagio. E se all’inizio Julia teme che la causa di tutto sia da legare a un fattore ereditario di cui si sente in parte responsabile, piano piano si convince che la chiave è nel manoscritto: in quella melodia pacata che si trasforma in una rincorsa di note sempre più complessa, in quel ballo che si fa sempre più frenetico, in quella musica che si arricchisce di accordi del diavolo, i cosiddetti diabolus in musica, accordi tanto dissonanti e fastidiosi da essere proibiti nella musica sacra medievale.
Con una figlia che la spaventa sempre di più, con i medici che vorrebbero sottoporre lei stessa a un controllo psichiatrico, con un marito che non riesce più a fidarsi di lei, Julia sente di aver perso il controllo di sé stessa, ed è costretta a scappare. Fugge in Italia, alla ricerca delle origini del manoscritto, intenzionata a svelare il mistero che si cela dietro la composizione.
Quello a cui va incontro è un segreto nascosto nella storia, nella Venezia dell’epoca della Seconda guerra mondiale. Perché è qui che ha vissuto Lorenzo Todesco, giovane violinista ebreo e compositore di quella musica maledetta. È qui che Lorenzo si è innamorato di Laura, una violoncellista con cui è stato invitato a fare coppia per partecipare a un concorso musicale. Ma nell’epoca delle leggi razziali e del governo fascista portare avanti la loro storia d’amore non sarà facile, e i due ragazzi si troveranno davanti sfide che non avrebbero mai immaginato.

Alternando passato e presente, storia e superstizione, amore e crudeltà, Tess Gerritsen riesce a costruire un thriller incalzante, che conduce il lettore lungo scale musicali e accordi disarmonici, alla scoperta di un segreto che, se portato alla luce, si propagherà come un incendio.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    andrea

    17/10/2016 13.12.02

    una brava autrice che scrive sempre degli ottimi libri.mi è piaciuta molto l'idea delle due storie distinte ma collegate tra loro ed è un libro scritto bene che si legge tutto d'un fiato. unico neo,forse, il finale troppo sbrigativo anche se comunque mi è piaciuto perché non scontato.

  • User Icon

    ISABELLA

    13/09/2016 10.03.15

    Una storia nella storia. Forse la seconda, quella del violinista Lorenzo molto più bella anche per il tema trattato rispetto a quella della protagonista Julia. Comunque leggero, di facile lettura. Finale forse un po' troppo accelerato avrei approfondito la vita dei protagonisti del passato: sicuramente più appassionante. Voto 5 lo stesso perché Tess ogni tanto esce con qualche idea nuova.

  • User Icon

    Bruno

    03/09/2016 16.13.23

    Mi dispiace ma, ben conoscendo l'autrice, questo libro è davvero deludente e solo per la scorrevolezza della scrittura si giunge al termine. Vanno salvate le prime decine di pagine e la appassionata descrizione dei luoghi. Lo spunto è originale, ma il seguito ricalca un drammatico e tragico filone già ampiamente e logicamente apparso nella letteratura, anche del settore thriller. Lo sviluppo inutilmente dilungato, se non ripetitivo anche nei termini, risulta pertanto scarsamente originale. Sono lontani le originali intuizioni del Chirurgo ed Il sangue dell'altra, o, più recentemente, la felice ed incalzante trama de Il silenzio del ghiaccio. Consiglio di attendere l'edizione economica o il remainder che non tarderà.

  • User Icon

    Isa

    21/08/2016 10.00.44

    "Immagina campi e pascoli al di là del vetro, paeselli con case illuminate e famiglie sedute al desco. Chissà se sentivano lo sferragliare di quel treno in lontananza. Chissà se si fermavano con la forchetta a mezz'aria per chiedersi chi fosse a bordo. Forse invece continuavano a mangiare senza pensare, perchè ciò che avveniva al di fuori della loro casa non li rigurdava e comunque non potevano farci nulla. Quel treno, come gli altri che erano passati prima, avrebbe proseguito la sua corsa. Tanto valeva continuare a spezzare il pane e a bere vino, tirare avanti. Mentre noi sfioriamo la loro vita come fantasmi nelle tenebre."

  • User Icon

    Simona

    14/08/2016 14.25.42

    bel thriller, ritmo incalzante. L'autrice come al solitonon mi ha delusa. Un libro che non riesci a chiudere, l'ho letto tutto di un fiato...

  • User Icon

    Pupottina

    24/07/2016 12.09.24

    È un ottimo thriller, un capolavoro che eleva il livello, già superlativo, di una scrittrice notoriamente affermata. Ho apprezzato questo thriller, incalzante, come al solito, e che intreccia l'orrore della mente, che scivola nel demoniaco, all'orrore della storia in tutta la sua malvagità. Inaspettato il finale che arriva dopo una lunga serie di colpi di scena e di depistaggi narrativi per non permettere al lettore di arrivare troppo facilmente alla soluzione del complesso enigma psicologico. Consigliato

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione