La bella addormentata. Una fiaba d'autore per parlare di razzismo ai nostri figli - Tahar Ben Jelloun - copertina

La bella addormentata. Una fiaba d'autore per parlare di razzismo ai nostri figli

Tahar Ben Jelloun

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: A. M. Lorusso
Illustratore: G. Manna
Editore: Fabbri
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 15 ottobre 2003
Pagine: 106 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788845183508
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 8,10

€ 15,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dopo una lunghissima attesa, il re e la regina hanno finalmente una figlia, Jawhara, bella come una perla rara. Ma alla festa del nome ci si dimentica di invitare Kandisha, la fata cattiva. Le sette fate buone riescono solo ad attutire la violenza della maledizione che la fata getta sulla principessina. A sedici anni Jawhara si punge con un fuso e si addormenta. Quando è risvegliata dal bacio del principe, si ritrova con la pelle nera: è il prezzo che ha pagato per mantenere intatta la propria giovinezza lungo cent'anni di sonno. La regina madre non apprezza l'idea di avere una nuora nera e cerca l'alleanza di una fata cattiva per eliminarla... La celebre fiaba di Perrault riscritta da Tahar Ben Jelloun per parlare di razzismo ai bambini.
  • Tahar Ben Jelloun Cover

    Tahar Ben Jelloun è uno scrittore marocchino di religione islamica. In Italia ha pubblicato molti volumi tra saggi, opere di narrativa e poemi. Ha trascorso la sua adolescenza a Tangeri e ha compiuto gli studi di filosofia a Rabat. Ha insegnato in un liceo a Tétouan e a Casablanca ed è stato collaboratore del magazine «Souffles». Dal 1971 vive a Parigi. Suoi articoli in Italia appaiono di frequente su «La Repubblica»; ha collaborato anche con «Il Corriere della sera», «Panorama», «L'Espresso». Scrive inoltre per «Le Monde». Per il profondo messaggio del libro Il razzismo spiegato a mia figlia (Bompiani 1998) gli è stato conferito dal segretario delle Nazioni Unite, Kofi Annan, il Global Tolerance... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali