Uno bianca e trame nere. Cronaca di un periodo di terrore - Antonella Beccaria - copertina

Uno bianca e trame nere. Cronaca di un periodo di terrore

Antonella Beccaria

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Collana: Eretica
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 3 settembre 2007
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788862220064
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,40

€ 10,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

€ 5,40

€ 10,00
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Tra il 1987 e il 1994 l'Emilia Romagna e le Marche sono attraversate da un impressionante crescendo di violenza che ha come epicentro Bologna. Sono gli anni della banda della Uno bianca, cinque poliziotti e un carrozziere che iniziano con piccole rapine ai caselli autostradali, fino ad arrivare a terrorizzare due regioni e a uccidere ventiquattro persone, ferendone oltre cento. Sono anche gli anni in cui l'Italia subisce mutazioni profonde. Dopo gli "anni di piombo", si scopre l'esistenza di Gladio e gli attentati da "semplici" stragi, diventano stragi di Stato. Bologna e l'Emilia Romagna, territori laboratorio guidati dai partiti di sinistra, scoprono di covare in seno poliziotti assassini, carabinieri alle prese con grossi guai, faide investigative che depistano indagini e processi. La ricostruzione di un periodo di terrore sul quale ancora oggi non è stata fatta chiarezza.
3,5
di 5
Totale 2
5
0
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cinzia - Madame Selle 28

    30/09/2013 17:52:28

    Ero molto piccola, ma negli anni ho sempre sentito parlare della famosa Uno Bianca. Una fama da malavitosi, tra l'altro ho anche conosciuto una guardia penitenziaria che lavorava nel carcere dove era detenuto uno dei famigerati protagonisti. Un libro abbastanza noioso, ma utile perché raccoglie tutti gli accaduti in modo preciso e dettagliato, dove si evincono una serie di superficialità commesse dalle forze dell'ordine. Chiamiamole trascuratezze anche se si tratta di vere e proprie omissioni. Il mio 3 è solo per via del contenuto, non per il modo in cui è scritto il libro. La Beccaria non avrebbe potuto fare di meglio.

  • User Icon

    Gian Paolo Grattarola

    19/05/2008 23:00:37

    Antonella Beccaria ha indagato, interrogato, raccolto testimonianze e confessioni tra i colleghi degli arrestati, funzionari delle forze dell’ordine, inquirenti, giornalisti, testimoni e magistrati. E ha ricavato dati che gettano una luce inquietante sull’intero scenario, al di là dell’impatto di sangue. La possibilità di percorrere espedienti meno rischiosi per arrotondare il magro stipendio, il bilancio complessivo dei proventi ricavati dalle rapine stilato in coda al libro, l’accertata presenza di depistaggi, le incomprensibili lacune e faide giudiziarie, nonché l’immotivata efferatezza con cui sono stati compiuti alcuni agguati portano molte frecce al suo arco, consentendole di avanzare ipotesi sulla base di riscontri oggettivi. Non è certo la prima volta che un libro del genere tenta l’operazione di mettere l’informazione al centro della scena, ma questa volta l’operazione mi pare riesca del tutto. Si parte dall’esame dell’incredibile ed efferata scia di sangue, dalle diverse storie in cui caddero vittima numerose persone innocenti (semplici passanti o servitori dello Stato troppo zelanti), per proseguire con l’attenta decifrazione delle carte processuali e concludere, paradossalmente, riaprendo un ventaglio di ipotesi e di domande che non trovano ancora, a distanza di anni, alcuna risposta definitiva. E’ soprattutto questo che mantiene vive le sue testimonianze oltre la cronaca : alla nostra memoria non pacificata giova assai ricordare quei giorni, quella lunga ed inutile striscia di sangue, quell’incubo interminabile, quei fatti italiani.

Note legali