Billie and Lester. Studio Recordings vol.1 - Vinile LP di Billie Holiday,Lester Young

Billie and Lester. Studio Recordings vol.1

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Naked Lunch
Data di pubblicazione: 14 febbraio 2020
  • EAN: 8056099003899

€ 14,50

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
He Ain't Got Rhythm
2
This Year's Kisses
3
Why Was I Born?
4
Sun Showers
5
Yours And Mine
6
Foolin' Myself
7
Easy Living
8
I'll Never Be The Same
9
My First Impression Of You
10
I Can't Believe That You're In Love With Me
11
If Dreams Come True
12
Now They Call It Swing
13
Back In Your Own Backyard
14
When A Woman Loves A Man
15
The Very Thought Of You
16
I've Got A Date With A Dream
17
You Can't Be Mine
  • Billie Holiday Cover

    Propr. Eleonora, detta «Lady Day». Cantante statunitense di jazz. La sua è considerata la più alta espressione vocale della musica nero-americana, per il timbro intenso e struggente, fattosi più scarno e drammatico negli ultimi anni. Impregnato di blues, il suo canto è a volte simile al «sound» di un sassofono, in particolare affine a quello di Lester Young (con cui collaborò spesso). Le prime incisioni sono nel 1935 con l'orchestra di Benny Goodman; poi, fino al '39, cantò con il gruppo del pianista Teddy Wilson e in seguito con importanti jazzisti radunati per lei dall'impresario Norman Granz. Approfondisci
  • Lester Young Cover

    Soprannominato «Prez». Tenorsassofonista statunitense di jazz. Già nella prima orchestra di Count Basie rivoluzionò la tecnica e lo stile dello strumento, contrapponendosi a Coleman Hawkins con una sonorità quasi priva di vibrato e un fraseggio disteso. Tra le maggiori personalità del jazz, influì in modo decisivo non solo sulle più giovani generazioni di sassofonisti, ma anche sullo sviluppo generale del futuro bop, per certi aspetti sullo stesso Charlie Parker e soprattutto sui sassofonisti del cool jazz. Lasciato Basie nel 1940, fu poi alla testa di propri complessi; prese parte a numerosi concerti del «Jazz at the Philhar­monic». Ha utilizzato anche il clarinetto. Approfondisci
Note legali