Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 202 p., Brossura
  • EAN: 9788850234615
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gabriella

    24/09/2017 22:08:47

    Dopo aver letto Radiomorte devo dire che anche questa volta Morozzi mi ha coinvolta Stupefacente creare la tensione per tutto il libro in un unico ambiente ovvero l ascensore. Morozzi ci riesce benissimo non ti lascia tregua con una narrazione incalzante e scarna La trama e veramente imprevedibile come in Radiomorte non capisci nulla fino all ultima pagina. Grande scrittore di cui non si sente parlare tanto ...peccato perche unico nel suo genere e veramente bravo

  • User Icon

    Gabriella Maramieri

    16/04/2017 17:05:00

    Gianluca Morozzi, continua a non deluderci, dando prova ancora una volta della sua straordinaria verve, del suo occhio originale per svelare le regole sempre più complicato della vita. Una storia avvincente e provocatoria. Una scrittura incisiva e immediata.

  • User Icon

    Giuly

    11/01/2017 17:44:45

    Cocente delusione, dopo aver letto "Radiomorte". Una scrittura che vuole sembrare moderna ed invece risulta ridicola, un cattivo nevrotico e patetico, descrizioni splatter ripugnanti ed un finale inverosimile. Per me bocciato.

  • User Icon

    tride

    27/10/2006 14:24:31

    caro moroz... non ci siamo proprio, il libro è lento e del tutto prevedibile, mi aspettavo un po di splatter oppure un po più di sangue. ti preferisco quando scrivi romanzi divertenti, hai sbagliato come ha sbagliato Licalzi che dopo "il privilegio di essere un guru" non si è ripetuto. banale.

  • User Icon

    Pier

    03/10/2006 09:11:44

    "Banale"? "Deludente"? "Prevedibile"??? Ma lo avete letto? Sicuramente il miglior romanzo di Morozzi, un capolavoro assoluto, un thriller grandioso e scritto magnificamente. Leggetelo!

  • User Icon

    MAURO S.

    28/09/2006 23:38:18

    Dopo l'era del porco e lo zio savoldi divorati in due giorni e gradevolissimi, l'unico blackout è proprio questo libro..non decolla proprio e la scelta dei protagonisti è infelice almeno quanto quella fatta da nick hornby in "non buttiamoci giù"...alla prossima morozzi!

  • User Icon

    elena

    22/09/2006 18:29:32

    Blackout deludente e assolutamente prevedibile quanto spassoso "l'era del porco". Troppo lungo, troppo ripetitivo. I personaggi non lasciano nulla all'immaginazione, forse si può fantasticare un pò sul finale almeno fino a quando non si legge il capitolo su wilmo. Penso non sarebbe piaciuto nemmeno all' Orrido...

  • User Icon

    pippi

    16/09/2006 18:57:16

    Tarantiniano da paura!! Grande suspance ed originalità! Con un finale veramente geniale! E bravo ancora a questo Moroz!!

  • User Icon

    tatessa

    19/07/2006 23:16:13

    E' che dopo "l'Era del porco" ero troppo carica. Però il colpo finale si svela in fretta a spese del risultato finale. E rimango in attesa del prossimo...

  • User Icon

    paola

    14/07/2006 00:45:15

    troppo bello e ritmato. da leggere in un colpo e consigliare assolutamente

  • User Icon

    Vale

    13/02/2006 19:44:56

    Non ci siamo. Storia abbastanza banale (quello che alcuni qui definiscono il "colpo di scena" finale era prevedibilissimo non solo dal capitolo su Wilmo, di una chiarezza lampante, ma anche dal momento stesso in cui i tre entrano nell'ascensore, e non ci vuole neppure un'estrema "cultura del thriller"...), personaggi molto semplici e definiti in schemi che più o meno sono sempre li stessi (psicopatico serial killer che è quanto di più cattivo si possa immaginare, ragazzo dal cuore d'oro e ragazza forte e socialmente sfortunatissima, solito clichet usato praticamente sempre). Da uno scrittore, insomma, ci si aspetta che i personaggi abbiano un minimo di spessore in più e che la storia non sia poi così banale dall'inzio alla fine. Dei tre provate ad immaginare chi ci lascerà le penne anche senza aver letto una riga del libro. Insomma, se si vuole un buon trhiller con annessa suspense meglio andare su altro, magari sul pianeta Deaver, che ruota molto lontano da certi tentativi mal riusciti di stupire. Infine: ma in Italia si deve per forza sempre mettere di mezzo la solita tematica televisiva? Spero che non sia l'unico modo che uno scrittore riesce ad immaginare per terminare un libro, lo spero.

  • User Icon

    gionni-s

    10/02/2006 18:15:25

    Coinvolgente,riflessivo e molto attuale secondo me bello da leggere.

  • User Icon

    ego

    28/01/2006 16:24:41

    Da psicopatici, semplicemente. E troppo ripetitivo.

  • User Icon

    Simone

    21/01/2006 16:14:49

    Dopo aver letto L'era del porco ero pronto a farmi altre grasse risate con questo libro e poi... sopresa: nessuna risata, tensione quanto basta e finalmente un colpo di scena finale degno di questo nome. Bravissimo Morozzi. Alla prossima. Simone

  • User Icon

    Stefania

    02/01/2006 20:54:30

    E' eccezionale, meno male che esistono scrittori good anche in Italia... vengo ora da una delusione letteraria di uno scrittore americano (senza fare nomi Chuck P.). Ho letto Morozzi sulla neve insieme a Diario di un cane malato (un altro titolo good, per fortuna) diciamo che ho passato ore liete. Morozzi si legge in fretta ed è interessante. Ho visto che ha pubblicato anche con altre case, bé provvederò a procurarmi anche qualche altro titolo.

  • User Icon

    Andrea72

    26/12/2005 11:31:23

    Un thriller diverso dai soliti, uno stile efficace, diretto, senza troppi fronzoli ma che ha saputo tenermi incollato alla lettura dandomi pochissimi momenti di tregua.Ho apprezzato molto i capitoli iniziali con cui l'autore ci ha presentato singolarmente i tre personaggi principali, si è dato il tempo di caratterizzarli in maniera ottimale, di descrivere la loro vita, i loro pensieri, le loro pulsioni, i desideri e gli obiettivi che li aspettano alla fine della loro giornata.Aver dedicato loro un singolo capitolo per ognuno prima dell'incontro in ascensore credo sia stato un tocco di abilità e furbizia insieme. Doverli caratterizzare nella loro interezza solo nella situazione che hanno vissuto sarebbe stato difficile visto la condizione estrema che hanno dovuto vivere.In questo modo, invece, l'attenzione si è potuta soffermare solo sull'aspetto di costrizione psicologica, di deriva mentale che ha attanagliato i tre protagonisti nella loro agonia, sfruttando, anzi, le informazioni precedenti per motivare e giustificare tutto quello che hanno vissuto e pensato in quelle ore di prigionia.Questo ha permesso di creare capitoli pieni di asfissia e tensione, capitoli che ho trovato la parte migliore dell'intero libro, dove la diffidenza e la forzata conoscenza iniziale ha lasciato il posto all'esasperazione emotiva, all'annichilimento razionale, all'azzeramento personale dei tre.Sulla parte finale invece mantengo qualche perplessità.Io credo che chi, come e più di me, ha letto decine di thriller, già leggendo il capitolo INTERLUDIO : WILMO riesce a immaginare cosa sta dietro all'idea della storia stessa, io almeno l'ho intuito e non ne sono rimasto sorpreso.Morozzi è bravo, ha talento,è giovane, e ha scritto un libro che per tre quarti mi è piaciuto parecchio, per cui io consiglio senza riserve la sua lettura, anche perchè trovo importante che ci siano nuovi scrittori a dare linfa a un settore già di per sé così bistrattato e che avrebbe davvero bisogno di continue iniezioni di talento e qualità.

  • User Icon

    Fabio Vigna

    09/11/2005 13:44:58

    Un libro che ruota attorno ad un luogo dove trascorriamo pochi secondi della nostra giornata, dove a occhi ingenui come i miei sembrerebbe impossibile incentrare un intero racconto che, anche grazie ad un finale assolutamente inaspettato, riesce ad essere brillantemente originale e drammaticamente moderno: Morozzi, con la sua notoria semplicità, riproduce le paure e le ossessioni di un'era moderna. Grande, grande libro.

  • User Icon

    giorgio

    28/10/2005 19:29:36

    Davvero ben congegnato. Trama intelligente, stile sobrio e asciutto. Un'ottima prova.

  • User Icon

    alice

    27/10/2005 11:51:22

    molto bello! da leggere!

  • User Icon

    Pierluigi

    30/09/2005 18:23:25

    Un capolavoro. Semplicemente perfetto.

Vedi tutte le 70 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione