Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Blade Runner. The Final Cut (2 Blu-ray)

Blade Runner. The Final Cut

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Blade Runner. The Final Cut
Regia: Ridley Scott
Paese: Stati Uniti
Anno: 1982
Supporto: Blu-ray
Numero dischi: 2

nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Fantasy e fantascienza - Fantascienza

Salvato in 74 liste dei desideri

€ 5,99

Venduto e spedito da LIBRIAMO

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
Blu-ray

Altri venditori

Mostra tutti (10 offerte da 5,76 €)

Nel 2019, ai servizi spaziali più rischiosi sono chiamati i replicanti, creature prodotte dall'ingegneria genetica e destinate a vivere pochi anni. Alcuni di loro si ribellano e sbarcano clandestinamente a Los Angeles dove la polizia incarica delle ricerche un ex detective, un tipo capace e poco accomodante che alla fine ha la meglio sui fuggitivi.
4,75
di 5
Totale 12
5
10
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    DDL

    17/01/2021 11:45:18

    Prezzo perfetto per un capolavoro della fantascienza

  • User Icon

    GG

    03/12/2020 15:08:31

    Inutile parlare di questo capolavoro. Penso che chiunque debba acquistarlo e vederlo, a maggior ragione in questa edizione che, oltre ad avere la versione di Scott, ha anche un interessantissimo documentario nel quale si spiega la travagliata genesi di questo film

  • User Icon

    ilMigliore27

    11/05/2020 15:16:59

    Bel formato per un cult della fantascienza e a questo prezzo ve lo consiglio di sicuro

  • User Icon

    S_amara

    14/04/2020 10:46:52

    Film di culto degli anni Ottanta che ha avuto il merito di portare l'opera di Philip K. Dick (autore del libro da cui è liberamente tratta la pellicola) all'attenzione del grande pubblico, è stato rimasterizzato nel 2007 a 25 anni dalla prima uscita. Un film da vedere assolutamente!

  • User Icon

    Matt

    30/12/2019 16:12:10

    Immenso. A distanza di anni resta uno dei migliori film di fantascienza mai girati (non dico concepiti poichè si ispira ad un libro). Harrison Ford calza perfettamente il ruolo assegnatogli trainando con se il pubblico(SPOILER: fino al crollo di ogni certezza col colpo di scena finale). Intimo e profondo, complesso a tratti limpido nei messaggi. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Gabriel

    21/11/2019 12:10:28

    Un grandissimo film. Bellissima edizione ricca di contenuti extra.

  • User Icon

    Agnese

    24/09/2019 18:17:35

    Questo è il più bel film che abbia visto nella mia vita. La final cut è ancora più affascinante. E' un film che fa pensare profondamente a noi stessi, al senso ed ai limiti della nostra vita. I colori e l'ambientazione sono fantastici. Insomma un capolavoro Per me, ripeto, il più bel film di tutti i tempi.

  • User Icon

    Alessandro

    07/06/2019 22:55:43

    CAPOLAVORO. Purtroppo la voce fuori campo si fa mancare in questo final cut, per quanto riguarda il possibile suggerimento che anche Deckard sia un replicante personalmente non gli do molta importanza, è sempre stato uno dei miei film preferiti e chiudo un occhio. Consiglio rivolto sopratutto ai più giovani: compratelo. È ambientato a Los Angeles nel 2019, be' ora siamo nel 2019 ma almeno gli smartphone ce li abbiamo 😁.

  • User Icon

    Antonello Arcuri

    09/02/2019 21:50:14

    Blade Runner è uno dei pochi film di sf che può entrare nel novero dei capolavori del cinema tout court. Una storia travagliata, con le note polemiche tra regista e produzione sulla versione finale del film. Insomma tra versione cinematografica, director's cut e final cut alla fine ci ha rimesso solo il film. Anni fa è uscito un mitico cofanetto in bd e dvd con 5 versioni: la versione cinematografica USA del 1982, quella non USA sempre del 1982, il director's cut, il final cut e la versione di montaggio, oltre a tantissimi contenuti speciali. Ebbene, dopo una maratona casalinga, continuo a restare del parere che la migliore versione rimanga quella cinematografica del 1982, con la voce off che faceva tanto noir e senza troppe masturbazioni mentali a base di unicorni, di carta e sognati, sul fatto che Deckard sia o meno un replicante. Credo che sia evidente che il cacciatore di androidi, come tutti gli umani, sia un po' replicante pure lui, avendo comunque una vita naturale limitata, anche se non a scadenza fissata. il mio rating è comunque alto per questo final cut, anche se le 5 stelle le riservo solo alla versione del 1982

  • User Icon

    Pherenike

    12/01/2019 02:45:35

    Intramontabile

  • User Icon

    Raffaele

    23/09/2018 10:30:57

    Uno dei film più importanti della storia del cinema! Un vero spettacolo per gli occhi! Capolavoro assoluto

  • User Icon

    Fabio Scarnati

    18/02/2014 12:17:51

    BLADE RUNNER FINAL CUT Questo è uno dei pochi casi in cui la versione dei produttori non è peggiore di quella del regista (Director' s cut o Final cut). A parte il fatto che la voce narrante fuori campo non stonava affatto, ma anzi era funzionale a conferire più spessore agli eventi, come si può suggerire che Deckard stesso sia un replicante? Non tanto per le difficoltà logiche (allora perché non ha i loro stessi poteri?) ma perché il nocciolo e la potenza poetica del film sta tutto nel rapporto fra l'uomo e il diverso: uno scontro mortale con il disperato androide, impersonato in modo eccellente da Rutger Hauer, e l'amore con la dolce Rachel di cui Deckard aveva distrutto l'autoillusione di essere umana. Se invece quest'ultimo diviene lui stesso un replicante, come nella versione Director's cut, il film risulta solo più cerebrale e la tematica si sposta per intero, e in maniera ridondante, sulla questione dell'identità personale, già approfondita splendidamente appunto nel caso di Rachel. Insomma: è solo un colpo di scena, una trovata di puro effetto che nuoce all'opera nel suo insieme. Voto 1/5 per questa versione final cut; 5/5 per la versione cinematografica del 1982.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Produzione: Warner Home Video, 2016
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Note: Versione definitiva voluta dal regista presentata nel 2007 alla 64a. Mostra del cinema di Venezia
  • Durata: 118 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1);Spagnolo (Dolby Digital 5.1);Tedesco (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby True HD)
  • Lingua sottotitoli: Danese; Finlandese; Francese; Inglese; Italiano; Norvegese; Olandese; Portoghese; Spagnolo; Svedese; Tedesco
  • Formato Schermo: Widescreen
  • AreaB
  • Contenuti: scene inedite in lingua originale; interviste; commenti tecnici; dietro le quinte (making of)
  • Harrison Ford Cover

    Attore statunitense. Si forma a teatro e nei B-movies della Columbia. Appare in ruoli secondari in film d'impegno come L'impossibilità di essere normale (1970) di R. Rush e Zabriskie Point (1970) di M. Antonioni. Dopo altre parti minori in American Graffiti (1973) di G. Lucas e La conversazione (1974) di F.F. Coppola, lo stesso Lucas gli offre l'occasione di entrare a far parte del novero dei nuovi divi hollywoodiani. Seppure ancora non nel ruolo principale, F. riesce infatti a rubare la scena al protagonista Luke Skywalker interpretando il cinico ma generoso avventuriero Han Solo in Guerre stellari (1977), primo capitolo della saga fantascientifica che riscuoterà uno dei maggiori successi di pubblico della storia del cinema (i cui due seguiti saranno interpretati sempre da F.: L'impero colpisce... Approfondisci
  • Rutger Hauer Cover

    Propr. R. Oelsen H., attore olandese. Figlio d’arte e studente irrequieto, all’ennesima espulsione viene iscritto dai genitori a una scuola di teatro, ma riesce a farsi espellere anche da lì. Si conquista la fama internazionale grazie alla versatilità del talento che lo rende credibile sia nei ruoli romantici – in particolare Ladyhawke (1985) di R. Donner – sia in quelli avventurosi. È il protagonista di alcuni film del connazionale P. Verhoeven, dal cupo e suggestivo Fiore di carne (1973) a Kitty Tippel... quelle notti passate sulla strada (1974) fino a Soldato d’Orange (1979) e a L’amore e il sangue (1985). Il ruolo che lo rende quasi leggendario è però quello del replicante filosofo in Blade Runner (1982) di R. Scott.... Approfondisci
  • Sean Young Cover

    Attrice statunitense. Bruna, attraente, esordisce sul grande schermo nel 1980 facendosi subito notare per la delicata bellezza. Il successo internazionale arriva due anni dopo con il ruolo della replicante Rachel nell'inquietante Blade Runner (1982) di R. Scott. Seguono pellicole eterogenee incentrate più sulla sua avvenenza che sul suo discreto talento interpretativo: è la combattiva Chani nel fantascientifico Dune (1984) di D. Lynch, pericolosa criminale e capo della polizia nel demenziale Ace Ventura: l'acchiappanimali (1994) di T. Shadyac, crudele alter ego del protagonista nella commedia agrodolce Dr Jeckyll e Miss Hyde (1995) di D.F. Price, psicoterapeuta nel giallo Control (2001) di T. Whitus. Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali