Il blu che non è un colore

Tamara Marcelli

Editore: StreetLib
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 1 gennaio 2018
Pagine: Brossura
  • EAN: 9788829550371
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Le poesie: vita di una giovane donna che si fa verso, alle prese con l'inquietudine, col bisogno di respirare, con la voglia di colorare il mondo intorno a sé. Il monologo: pièce teatrale, una sorta di litigio tra l'attrice e l'altra se stessa. Un continuo scambio di insulti, di desideri, di spinte a cambiare qualcosa dentro di sé per sentirsi vera. Poter abbandonare gli schemi mentali e vivere le proprie emozioni perché nella vita ci vuole coraggio. I Pensieri. Riflessioni che prendono spunto da una emozione, da un pensiero scaturito dalla lettura di un testo e scritti al limite tra poesia e prosa. Un modo diverso per affrontare temi come l'attesa, le scelte, la poesia, i comportamenti autolesionistici, i disturbi alimentari, l'arte e il destino.

€ 5,09

€ 5,99

Risparmi € 0,90 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    isola

    22/11/2016 18:36:41

    Folle, decisamente fuori dal comune. A tratti psichedelico. Poesie, Un Monologo Teatrale e Pensieri. Un libro che condensa vari generi, come rispecchia varie anime di uno stesso personaggio. Come fosse frutto di schizofrenia. Consigliato per chi ama farsi cullare dalle emozioni e dai sentimenti spesso contra-stanti. Un piccolo quadro impressionista dove i colori sono il punto di forza.

  • User Icon

    Carla de Falco

    18/05/2015 13:46:33

    Poesie, prose poetiche, monologo, pensieri, ricordi. Note di lettura (a Buzzati, ad Ungaretti e non solo). L'attesa, le scelte, i comportamenti autolesionistici,i disturbi alimentari, l'Arte e il destino. Questo e molto altro è Il blu che non è un colore. Un ibrido letterario che attraversa i generi, li mescola, si sfrangia in un'asistematicità solo apparente. Edito da Montag, che si rivela ancora una volta editore perspicace, questo testo mi ha colpito sin dal titolo ed era molto tempo che volevo leggerlo. Non mi ha delusa, anzi. Mi ha lasciata perplessa, a volte. Ma sempre mi ha messa in contatto con una scrittura autentica, sincera, a volte violenta nel suo passaggio più struggente: senza fili.

  • User Icon

    Antonio

    26/01/2015 11:47:14

    Il blu che non è un colore. Già il titolo incuriosisce. Poi, quando si sfogliano le prime pagine, stupisce. Dentro gli spazi assoluti del mare e del cielo, mosse dalle onde schiumose, emergono frasi psichedeliche ed intimiste. Con i versi delle poesie di cui è composta la prima parte del libro, si plasmano parole e frasi. Si costruisce la vita. Quindi si entra di prepotenza nella seconda parte, e con lo stesso potere della parola, l'autrice si ribella alle convenzioni, distrugge la normalità ed insulta l'ipocrisia. Ci si sofferma con le emozioni che trasmette, spesso le nostre. È un libro da leggere senza fermarsi, la prima volta. Dopo, però, bisogna gustarne le sfumature. Tutte quelle più o meno profonde, del blu. Ed inevitabilmente qualche frase resterà stampata nella mente, e già questo vale la lettura.

  • User Icon

    Elena Genero Santoro

    06/11/2014 20:32:14

    Una raccolta di poesie o un romanzo? Difficile a dirsi, ma sicuramente un'opera che ha una sua unità e coerenza." Il blu che non è un colore", e allora che cos'è? È probabilmente lo stato d'animo di una donna che alterna la lirica più delicata a un monologo, che descrive poeticamente luoghi, colori, rumori e profumi della natura, del mare, alternandoli alla rabbia verso un mondo di ipocrisie, che costringe alla finzione, che porta a essere diversi da ciò che si è, che non concede spazio per la libertà di espressione. Il monologo è forte, di impatto, costringe a riflettere. Un'opera breve ma concentrata, intensa, indubbiamente diversa e potente, condotta con mano sapiente. Da non perdere.

  • User Icon

    patrizia

    04/11/2014 21:42:55

    IL COLORE DELLE EMOZIONI Al di là della tecnica, è ciò che suscita in noi la lettura di un libro. Questa frase appartiene all'autore, ma è ciò che ho trovato maggiormente calzante in questo libro che forse non è solo un libro, ma un concentrato di emozioni. Pensieri, sentimenti, stati d'animo impressi sulle pagine di questa raccolta, inquietudini intimistiche, ribellione alle convenzioni. Splendido il monologo fra i due volti dello stesso personaggio. Quello di Tara timida e docile che grida sussurrando il suo bisogno d'amore e le parole realmente urlate dell' "altra" che grida rabbiosa nei confronti di ciò che il mondo la costretta a diventare, ai sogni che gli si sono infranti. L'epilogo meraviglioso di queste due entità finalmente fuse in una, senza più livore, danzante nel blu che non è un colore. Un consiglio. Questo è un libro che va letto due volte e la seconda lascerà nel lettore un'emozione coinvolgente.

  • User Icon

    Stefania

    28/10/2014 11:29:27

    Un colore che non è un colore. Un libro che non è un libro. È un condensato di emozioni. Rinchiuse nella metrica di una poesia o libere di fluire dall'animo dell'autore, senza filtro, nel monologo teatrale. Nelle dieci poesie le emozioni sono in simbiosi con la natura, da essa prendono l'irruenza, come nervose onde del mare, i suoni, come il dolce e rassicurante fruscio del vento, e i colori. Come il blu. Emozioni che si possono ricondurre a momenti, anche dimenticati, della nostra vita, fatti riaffiorare dalle delicate parole dell'autore. Il monologo teatrale è in realtà un dialogo tra i due volti contrapposti della protagonista, Tara. Una Tara timida e remissiva che, pacatamente, cerca di dare una spiegazione agli eventi e grida, ma sottovoce, il suo bisogno di "farsi amare". L'altra, invece, cinica e arrabbiata, grida davvero. Grida la collera per la sua debolezza e l'omologazione forzata, la superficialità degli uomini, il suo disincanto per i buoni sentimenti, sogni ridotti a brandelli a suon di sberle emozionali, il suo bisogno di "amarsi". I due volti si ricongiungono nell'epilogo, in una nuova Tara finalmente autentica, senza rabbia o rassegnazione. Una Tara che balla sulla "sua" musica..ancora una volta nel mare, nel vento. Nel blu.

  • User Icon

    SILVIA

    16/10/2014 13:11:27

    non solo poesie, emozionante Un libro davvero unico ed originale IL BLU CHE NON è UN COLORE di Tamara Marcelli. Per spiegarlo mi viene in mente solo una parola: emozioni. Un intreccio di infinite emozioni in quel blu che si fonde tra cielo e mare delineando le sfumature della vita. Le emozioni che suscitano le bellissime poesie: è azzurro e libertà, è inseguire i sogni nel blu cangiante del cielo, "sprazzi di luce nel buio della tristezza", è melodie e musicalità con tante note racchiuse e nascoste, ma anche un cuore che piange nel buio, oppure "Amami" una poesia che urla quanto una canzone. Poi segue il monologo teatrale che a mio parere incarna le due facce della medaglia, il giorno e la notte, il buono e il cattivo. Infine i pensieri dell'autrice su opere di artisti famosi, Buzzati, Miller, Stancanelli e sulle poesie di Ungaretti e Cardarelli. Qualcosa di davvero unico, prezioso, decisamente una lettura particolare e "di nicchia" consigliato a chi sa apprezzare le poesie e ha voglia di assaporare intense emozioni.

  • User Icon

    ornella nalon

    13/10/2014 20:42:49

    "Il blu che non è un colore" inizialmente, colpisce per l'originalità della sua struttura, essendo articolato in una raccolta di dieci poesie, un monologo teatrale e in cinque pensieri, elaborati da altrettante opere letterarie. I componimenti lirici si presentano con una metrica libera, esattamente come ci si può aspettare da una giovane scrittrice dei nostri tempi. Alcuni composti di numerosi versi, altri più incisivi; sono quasi tutti una testimonianza dei conflitti interiori e dell'affannosa ricerca di certezze e del proprio io dell'autrice. Non a caso, parole come "mare" e "blu" si riscontrano più volte. Dove la prima rappresenta la metafora della vita, con il suo altalenarsi di quiete e di tempesta, in cui le onde, con il loro continuo movimento, assumono il significato delle emozioni, dei sentimenti umani. E la seconda, è l'allegoria dell'equilibrio interiore, del perfetto connubio tra il vissuto e il percepito. E così che il testo teatrale diventa un urlo di ribellione contro il mondo e la società che, con i loro schemi imposti e le loro regole prefissate, a volte bigotte, non consentono di elaborare il proprio percorso per raggiungere una stabilità, non lasciano spazio all'individualità, alla libera espressione di sé stessi. Una testimonianza dell'inquietudine e dell'insoddisfazione giovanile. Ma viene poi da chiedersi se certi conflitti abbiano davvero una scadenza temporale o siano destinati a perdurare, in forma più o meno latente, per tutta l'esistenza. Consiglio questo breve libro, lirico e intenso, particolarmente a tutte le persone sensibili e intimiste che esigono, dalla lettura, un forte coinvolgimento emotivo. Ma anche tutti gli altri ne potranno essere deliziati.

  • User Icon

    Mariulin

    09/10/2014 15:58:59

    Nell'anima di ognuno di noi esiste un baratro, un punto cieco, una zona d'ombra. Non è un bel posto, no. È il luogo nel quale ci si ritrae allorquando le illusioni sulle quali basiamo la nostra volontà di vivere si infrangono lasciandoci soli di fronte all'insensata realtà. Il deserto spinoso nel quale ogni traccia si perde. La cloaca nella quale vomitiamo le nostre bestemmie. La discarica dei nostri peccati più vergognosi. Non è un bel posto, ma esiste. Esiste in ognuno di noi. Esiste anche in chi mai e poi mai ne ammetterebbe l'esistenza. Esiste perché senza di esso nessuno di noi potrebbe vivere, esattamente come il più splendido dei palazzi crollerebbe miseramente se non poggiasse su fondamenta affondate nel fango e nell'oscura terra. Questo luogo che tutti conosciamo, di cui tutti in fondo necessitiamo, ben di rado viene degnato di considerazione da parte di chi scrive, disegna, scolpisce o compone; nessuno ne parla perché nessuno ne vuol sentir parlare. Eppure, di tanto in tanto, qualcuno sfugge a questa ferrea regola. Ed è qui che scopriamo l'autrice di questo breve e intenso monologo dare il via libera a tutti i demoni racchiusi nel suo pozzo personale. Per portarli alla luce? Per esorcizzarli? Per comprenderli? Difficile dirsi. In questo testo non si trova la risposta a tale domanda. Giungervi è un compito che spetta al lettore.

  • User Icon

    Stefania

    09/10/2014 09:51:02

    "Il blu che non è un colore" è un breve romanzo completamente fuori dagli schemi. Apparentemente senza trama, alterna dolcissime poesie a violentissimi sfoghi dell'autrice. Io l'ho letto come in un mare in tempesta. Consegnata al fondo del mare e poi d'un tratto riportata su, fino ai confini del mondo. Si tratta di un libro? che non è un libro. Del blu... che non è un colore. Questo blu che ricorre nelle poesie e placa le inquietudini dell'autrice. Che sono onde, come quelle del mare, onde vivaci, schiumose che appartengono a ognuno di noi, che ci riguardano tutti, ma che l'autrice è riuscita a domare. Attraverso la potenza della poesia e a un uso sapiente delle parole, nel suo bellissimo monologo teatrale. Il blu che non è un colore è un tuffo dentro le sfaccettature più complicate della propria anima. E io, personalmente, ne sono uscita fortificata.

  • User Icon

    valecafe

    09/10/2014 09:26:32

    Non sono solita leggere poesie, ma quando, per caso, mi sono trovata a leggere questo libro ero molto curiosa di sapere: ma allora il blu se non è un colore cosa è? Ed ho letto, quasi tutto d'un fiato, queste poesie che scorrono veloci e leggere come fossero acqua di un ruscello. Ed ecco che ho immaginato il blu. Alcune poesie, personalmente, le ho immaginate come fossero canzoni, col loro ritmo dolce e il ritornello orecchiabile. Io mi astengo dal dare un giudizio tecnico, non sono in grado, ne so poco di poesie, ma posso dire che è stato estremamente piacevole leggere "Il blu che non è un colore", è stato un momento incantato dove eravamo solamente io, le mie emozioni e le parole di queste poesie. Infondo, come dice l'autore in uno dei suoi pensieri, al di la della tecnica, è ciò che suscita in noi la lettura di un libro che è improntate, quel sentimento che nasce da un suono di una parola, da una rima, sentimento che è diverso per ognuno di noi.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione