Il bordo vertiginoso delle cose

Gianrico Carofiglio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rizzoli
Collana: Scala italiani
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 21 ottobre 2013
Pagine: 315 p., Rilegato
  • EAN: 9788817068581

13° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

Salvato in 267 liste dei desideri

€ 6,48

€ 18,50
(-65%)

Punti Premium: 6

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il bordo vertiginoso delle cose

Gianrico Carofiglio

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il bordo vertiginoso delle cose

Gianrico Carofiglio

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il bordo vertiginoso delle cose

Gianrico Carofiglio

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 18,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un caffè al bar, una notizia di cronaca nera sul giornale, un nome che riaffiora dal passato e toglie il respiro. Enrico Vallesi è un uomo tradito dal successo del suo primo romanzo, intrappolato in un destino paradossale, che ha il sapore amaro delle occasioni mancate. Arriva però il giorno in cui sottrarsi al confronto con la memoria non è più possibile. Enrico decide allora di salire su un treno e tornare nella città dove è cresciuto, e dalla quale è scappato molti anni prima. Comincia in questo modo un avvincente viaggio di riscoperta attraverso i ricordi di un'adolescenza inquieta, in bilico fra rabbia e tenerezza. Un tempo fragile, struggente e violento segnato dall'amore per Celeste, giovane e luminosa supplente di filosofia, e dalla pericolosa attrazione per Salvatore, compagno di classe già adulto ed esperto della vita, anche nei suoi aspetti più feroci. Con una scrittura lieve e tagliente, con un ritmo che non lascia tregua, Gianrico Carofiglio ci guida fra le storie e nella psicologia dei personaggi, indaga le crepe dell'esistenza, evoca, nella banalità del quotidiano, "quel senso di straniamento che ci prende quando viaggiamo per terre sconosciute e lontane". Romanzo di formazione alla vita e alla violenza, racconto sulla passione per le idee e per le parole, storia d'amore, implacabile riflessione sulla natura sfuggente del successo e del fallimento, "Il bordo vertiginoso delle cose" può essere letto in molti modi...
3,44
di 5
Totale 82
5
22
4
19
3
22
2
11
1
8
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    ROSSORIVERBERO

    24/07/2019 14:49:47

    Adorabile. Intimo. Amabile. Carofiglio, mi hai scaldato il cuore ancora una volta.

  • User Icon

    Nunzia Caricchio

    24/06/2019 06:28:11

    L'ho trovato davvero originale. L'espediente narrativo attraverso cui ri rimbalzata dalla seconda persona di Enrico adulto, alla prima persona di Enrico adolescente, mi ha affascinata moltissimo. Un viaggio introspettivo fenomenale!

  • User Icon

    Franci

    08/03/2019 19:33:38

    Con una semplicità di scrittura solo apparente, tu sembri leggermi dentro. Mi trovo ad indossare le stesse emozioni, gli stessi pensieri, le stesse riflessioni. Anch'io, leggendo un giornale, attratta da un nome del passato, sarei capace di andare in trance alla stazione ferroviaria e prendere un treno, un treno destinazione il mio passato. Ed in trance raccontare, mentre sto viaggiando, mentre sto vivendo il presente, anche ciò che è stato. Non so dove sto andando e cosa voglio, ma è tutto un istinto irrefrenabile, una calamita cui non posso sottrarmi. E rimetto insieme tutti i pezzi, che erano lì separati, abbandonati, messi lì in un cantuccio temporaneo perchè è così che la vita va, è così che a un tratto qualcosa ritorna per fare i conti con te. I nomi possono cambiare, le strade, i luoghi, ma quanto c'è di ognuno di noi in questa storia. Quante riflessioni, quanti dubbi, quante botte, quante "sliding doors" e come sarebbe andata se.... Ma adesso è il tempo di andare fino in fondo e darsi un'altra possibilità, quella del senno di poi, dell'ora o mai più, di smettere di fingere e di accettare quello che è stato e di accettarsi per quello che si è. In tutta la sua semplice ed apparente spontaneità, nel modo di mettersi a nudo pur nella finzione di un racconto, nei ricordi e nelle sensazioni, nei profumi e nelle emozioni, ti ho riconosciuto, mi sono riconosciuta. Perchè è così. Alcune cose hanno un bordo vertiginoso. E ci devi precipitare dentro per risalire.

  • User Icon

    mirko

    08/03/2019 17:21:14

    Lavoro ben oltre la sufficienza. Alcuni spunti sono molto interssanti e ci costringono a riflettere. L'ho letto e sono contento di averlo fatto.

  • User Icon

    Alessandro

    07/03/2019 21:01:55

    Bel libro con uno sguardo al passato. Coinvolgente fino alla fine. Consigliato

  • User Icon

    Vito

    19/09/2018 20:41:17

    Non sarà il migliore romanzo di Carofiglio, autore molto preparato con uno stile di scrivere che trattiene il lettore incollato alle pagine dei propri libri, ma è un bel racconto. Un viaggio nel passato e nel presente per sistemare delle questioni amorose e di amicizia rimaste in bilico per molti anni. Un finale particolare che lascia libero spazio all'inventiva del lettore.

  • User Icon

    Cesco

    19/09/2018 14:48:00

    Fa riflettere sul senso della vita.Un libro che non delude

  • User Icon

    Francesco

    19/06/2018 21:04:38

    É il secondo romanzo di Carofiglio che leggo e questa volta sono rimasto deluso, molto deluso. Una storia a mio parere molto semplice con pochi spunti e molti passaggi temporanei solo per aumentare la quantità di pagine. Scrittura piacevole ma se manca il “mordente” si fa molto fatica a leggerlo. Proverò a dargli fiducia con un altro libro che ormai ho già comprato nella speranza di ricredermi su un grande scrittore come Carofiglio.

  • User Icon

    Teddy

    26/10/2017 14:29:14

    Pur essendo molto ben scritto, questo romanzo non si distacca da tanti esempi del genere "riscoperta di se stessi tornando nel luogo natio". Si alterna una voce terza che descrive il presente del protagonista alla voce del protagonista stesso che ricorda la sua adolescenza. Un po’ d’amore e di violenza, anche dai connotati politici, ma il tutto sembra un po’ artificiale. Una sorta di compitino per mantenere vivo un contratto. Forse è autobiografico, ma il blocco dello scrittore del protagonista è forse una reazione freudiana ad un momento di scarsa vena. Comunque un degnissimo romanzo.

  • User Icon

    Roberto

    20/10/2017 18:53:37

    Primo romanzo che leggo di Carofiglio,e devo dire che non mi aspettavo di trovare un autore così bravo! Pieno di spunti su cui riflettere,dalla politica all'amicizia,dai rapporti persi a quelli ritrovati,questo romanzo mi è piaciuto davvero moltissimo! Che dire,consigliato e sicuramente il primo di una lunga serie di romanzi di Carofiglio che leggerò!

  • User Icon

    n.d.

    15/10/2017 23:43:49

    scrittura piana e gradevole sempre. Carofiglio non delude mai

  • User Icon

    Luchito

    24/09/2017 13:58:29

    Uno scrittore in crisi di ispirazione ritorna nella sua città natale in seguito alla lettura di una notizia di cronaca: da quel momento il romanzo alterna la ricerca interiore del protagonista con gli avvenimenti che hanno segnato la sua formazione ai tempi del liceo, in un continuo rimando dal presente al passato. Romanzo indimenticabile per la complessità dei personaggi ed il ritmo incalzante, pervaso da struggenti ricordi adolescenziali e nostalgia per le occasioni mancate. La città di Bari - così come nei precedenti romanzi 'Il passato è una terra straniera' e 'Nè qui nè altrove' - è parte attiva del racconto e non una semplice ambientazione.

  • User Icon

    Fabrizio

    26/08/2017 10:58:52

    Il libro mi aveva incuriosito per il tema della violenza, che pensavo fosse trattato primariamente rispetto a quanto poi presentato, e con mia sorpresa devo aggiungere. Il libro è un percorso di crescita, prodotto del tempo, contemporanei un flashback di un anno scolastico e un tempo del racconto di appena quattro giorni. Cioè che mi ha stupito di più è la creazione della persona che Enrico, il personaggio, modula in ogni dialogo con i suoi incontri casuali (o meno), un personaggio che raramente riusciamo a vedere nudo, dimostrazione di come la percezione di sé stessi è un concetto che sfugge anche a noi. Lontano da come mi avevano raccontato la scrittura di Carofiglio, ovvero fredda e legale, questo libro è al contrario di un'intimità rara.

  • User Icon

    angelo

    12/02/2017 15:25:21

    Ingredienti: un viaggio da Firenze a Bari alla riscoperta delle proprie radici, il cammino di uno scrittore in crisi sui luoghi dell’adolescenza, l’incrocio tra i ricordi del passato e gli incontri del presente, uno scontro tra amore ed amicizia dall'esito amaro. Consigliato: a chi cammina sul bordo di sentimenti effimeri o duraturi, a chi è preda di vertigini affacciandosi sul proprio passato.

  • User Icon

    Ivano

    13/10/2016 17:02:26

    Bello... Non so cosa ci sia di particolare in questo libro, ma ne sono rimasto affascinato. Non innovativo eppure nuovo, non imprevedibile eppure capace di stupirti. Non leggetelo pensando di trovare un qualcosa in particolare. Per una volta, sgombrate la mente. Leggetelo con leggerezza, senza però sottovalutarlo. Vi troverete davanti una storia. Cruda, realistica, verosimile, significativa, capace di farvi riflettere. O forse no, quello sta a voi. Ma rimane una bella storia, che merita di essere letta.

  • User Icon

    Tinama

    19/01/2016 11:04:45

    Non è il Carofiglio degli esordi ma si legge con piacere. E, a tratti, si riflette anche. " Fare filosofia-cioè pensare- è imparare a fare e a farsi domande. Significa non avere paura delle idee nuove. Significa non fermarsi alle apparenze. Significa essere capaci di dir di no a chi vorrebbe imporci il suo modo di pensare e di vedere il mondo. Cioè a chi vorrebbe pensare per noi."

  • User Icon

    dani70

    25/12/2015 17:33:21

    E' il primo libro di Carofiglio che leggo, e mi è piaciuto. Volevo dare il massimo dei voti, ma nel finale si è perso...o forse lo immaginavo io diverso e mi ero già affezionata al "mio" finale.

  • User Icon

    Larissa

    14/10/2015 15:37:03

    È un bel libro, se lo prendiamo per quello che è, senza fare paragoni. È scritto bene, è morbido ma anche indelicato, dove serve. Certo è che io il paragone non riesco a non farlo perché Carofiglio (che io adoro) ha comunque all'attivo un sacco di altri libri ed il confronto, per me, è inevitabile. Fatto sta che ad un certo punto a me è sembrato che Enrico fosse Guerrieri. Stesse idee politiche, stessi sport, stesse malinconie. Le poesie, i poster, anche alcune canzoni e citazioni. Sembrava di stare dentro a Guerrieri. Qui, però, c'è Enrico. Che non fa l'avvocato, che ha un'altra storia da raccontare. Carofiglio si salva, sempre. Perché è autentico e leggero nella sua pesantezza esistenziale. Però i suoi personaggi finiscono per somigliarsi tutti. Con il rischio che alla fine ti chiedi cosa stai leggendo.

  • User Icon

    chiara

    26/09/2014 18:50:10

    Mi è piaciuto fin dall'inizio per lo stile e l'approccio narrativo. A tratti sicuramente un po' lento, ma nell'insieme un bel libro, da consigliare

  • User Icon

    ALAIN

    24/09/2014 16:28:37

    libro senza infamia ne lode molto scorrevole ma non ho capito il finale sembra che ad un certo punto lo scrittore abbia deciso di smettere di scrivere di punto in bianco!! ho preferito di gran lunga i libri di Carofiglio che raccontano le avventure di Guerrieri!!

Vedi tutte le 82 recensioni cliente


"Ti torna in mente una frase letta anni fa: non guardate indietro, ci siete già stati. Allora ti era parsa uno spunto arguto. Magari un po' new age, ma arguto. Adesso ti chiedi se poi è vero che ci siamo già stati. Non sei così sicuro, non lo sai bene cosa c'è da quelle parti."

Sta mutando la scrittura di Carofiglio. Nel cambiare editore di riferimento, passando da Sellerio a Rizzoli, lentamente si è trasformata anche la narrazione, portata verso una direzione differente dall'evolversi delle storie. Da tempo Carofiglio non è più un giallista puro, forse non lo è mai stato. La sua passione per la parola e la lingua ci è chiara ed è stata confermata ufficialmente con La manomissione delle parole, libro sul linguaggio creato in un gioco di rinterzo.
La centralità della psicologia umana, l'attenzione verso la società è evidente sin dai primi romanzi che pescano ampiamente nel vissuto contemporaneo i temi centrali.
La politica, il potere, la violenza, la criminalità, la giustizia sono sempre presenti nella sua opera e continuano a esserlo ancora oggi. Ma sembrano assumere più spazio anche altri aspetti meno collettivi e più individuali: nostalgia, rimpianto, memoria.
Un flash improvviso, il passato che ritorna, la memoria, appunto, che dopo lungo sopire si ripropone dura, impossibile da scacciare: è ciò che accade a Enrico Vallesi, scrittore.
Un treno lo riporta a casa, da Firenze, dove vive da anni, a Bari, dove è cresciuto, dove ha frequentato le scuole, dove ha lasciato vecchi amori, amici che hanno percorso strade molto diverse dalle sue, un fratello che non sente quasi mai, non vede da tre anni e non vuole disturbare.
Tornare a casa vuol dire ritrovare quegli anni che per tutti sono i più importanti della vita: l'adolescenza, la formazione della nostra personalità. Rivedere quel passato con gli occhi adulti può riservare piacevoli, ma anche spiacevoli sorprese. E può far riflettere su ciò che non si è, ciò che non si vuole. Un pensiero pericoloso.
È un libro di confine, un romanzo su quei limiti che per alcuni sono invalicabili e che altri superano, lanciandosi oltre il bordo vertiginoso delle cose (la citazione è da un verso di Robert Browning a noi preme soltanto il bordo vertiginoso delle cose). La maggior parte di noi cammina su quel bordo cercando un equilibrio difficile e precario: guardando indietro possiamo scivolare o addirittura precipitare.

A cura di Wuz.it

  • Gianrico Carofiglio Cover

    Magistrato dal 1986, ha lavorato come pretore a Prato, Pubblico Ministero a Foggia e come Sostituto procuratore alla Direzione distrettuale antimafia di Bari. È stato eletto senatore per il Partito Democratico nel 2008. Il suo primo romanzo è del 2002, Testimone inconsapevole, edito da Sellerio. Con quest'opera Carofiglio ha inaugurato il legal thriller italiano. Il romanzo, che introduce il personaggio dell'avvocato Guido Guerrieri, ottiene vari riconoscimenti riservati alle opere prime, tra cui il Premio del Giovedì "Marisa Rusconi", il premio Rhegium Iulii, il premio Città di Cuneo e il Premio Città di Chiavari. Sempre con protagonista Guerrieri, da Sellerio seguono nel 2003 Ad occhi chiusi (premio Lido di Camaiore, premio delle Biblioteche di Roma... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali