Un borghese piccolo piccolo

Paese: Italia
Anno: 1977
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,99

€ 9,99

Risparmi € 1,00 (10%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ziogiafo

    06/11/2017 15:12:41

    ziogiafo - Un borghese piccolo piccolo – Italia, 1977 - 1^ parte - Questo appassionante film è tratto dal romanzo omonimo di Vincenzo Cerami, pubblicato nel 1976. Racconta la drammatica storia di Giovanni Vivaldi (Alberto Sordi), un modesto impiegato del Ministero del lavoro, che – da buon padre - ormai vicino alla pensione, cerca di “aiutare” in tutti i modi - attraverso le sue conoscenze - il figlio Mario (Vincenzo Crocitti) neodiplomato, che aspira ad un posto di ragioniere, partecipando ad un concorso proprio nella stessa pubblica amministrazione dove lavora il padre da tanti anni. Giovanni, si adopera assiduamente per raggiungere il suo scopo, e pur di vedere al più presto il figlio impiegato in qualche ufficio del Ministero, accetta qualsiasi tipo di consiglio dai suoi superiori. Ben presto, però, si renderà conto che l’unica strada che porta alla soluzione del suo problema è quella della massoneria, a cui già tanti suoi colleghi si sono rivolti in passato. …/continua nella 2^ parte.

  • User Icon

    ziogiafo

    06/11/2017 15:10:16

    ziogiafo - Un borghese piccolo piccolo – Italia, 1977 - 2^ parte - Dopo qualche momento di diffidenza, Giovanni decide di partecipare ad un grottesco rito massonico che gli permetterà di ricevere la solidarietà di importanti affiliati, a cominciare dal suo capoufficio, il dottor Spaziani (Romolo Valli). Proprio quando le cose si stavano mettendo a posto, ha inizio la tragedia. Nel giorno dell’esame, Giovanni e il figlio Mario si trovano (loro malgrado) al centro di una sparatoria, nei pressi dell’edificio ministeriale, dove una banda di rapinatori in fuga spara all’impazzata per aprirsi un varco tra la gente, un proiettile vagante colpisce Mario Vivaldi ammazzandolo. Con la morte di Mario niente avrà più senso per Giovanni Vivaldi che, come se non bastasse, subisce anche un altro dolore, quello della moglie (Shelley Winters) che per il dispiacere della perdita del figlio è rimasta paralizzata. L’umile pensionato si trasformerà in una vera e propria belva umana che si metterà sulle tracce dell’assassino del figlio, con lo scopo di catturarlo e giustiziarlo “lentamente”. «Un borghese piccolo piccolo» è un ritratto del malcostume della società italiana degli anni Settanta, che il maestro Monicelli ha voluto rappresentare in tutta la sua drammaticità, quasi per sottolineare quelle importanti problematiche che affliggevano le persone più modeste, e non solo, uscendo temporaneamente dalla farsa goliardica a lui più congeniale in quell’epoca. Anche il grandissimo Alberto Sordi in questo film esce dalla routine dei suoi classici personaggi comici, calandosi in uno straordinario ruolo serio che commuove. Una drammatica storia di attualità… Cordialmente, ziogiafo.

  • User Icon

    SIRO

    29/05/2017 13:48:55

    che altro aggiungere ai miei predecessori se non altro che questo è un film molto molto realistico, con un Alberto Sordi che fa la sola cosa giusta, veramente ottimo

  • User Icon

    Davide

    04/05/2013 19:18:29

    Mario Monicelli è forse il regista italiano che meglio ha colto l animo e i mutamenti etici degli italiani attraverso le epoche e le generazioni. Più di Fellini, più di Antonioni, più di De Sica e di Rossellini. E Alberto Sordi , il grande Albertone, è quello che li ha meglio incarnati. Qui da il meglio di sè, in una prestazione unica e impareggiabile nella storia del cinema.

  • User Icon

    Ernesto

    22/03/2013 22:18:54

    Magistrale interpretazione di Alberto Sordi. Ditemi, in quanti guardando questo film non si sono immedesimati e non si sarebbero comportati nello stesso modo del suo personaggio. Una famiglia felice, distrutta in pochi attimi per colpa di un balordo. Sfiducia nella giustizia? Forse no! Ma a volte la giustizia e lenta e clemente. Giovanni Vivaldi no!

  • User Icon

    by Ax

    03/05/2012 08:57:13

    Il momento di crisi della Giustizia, segnato dagli anni di piombo e dalla violenza urbana per le strade del paese, consegnano a Monicelli, attraverso il personaggio di un Sordi fortemente drammatico qui alle prese con l'uccisione del figlio, questo agghiacciante percorso di giustizia privata. Ciò che nella pellicola poteva apparire grottesco come l'adesione ad un gruppo massonico, sarà solo un segno anticipatore di ciò che la realtà svelerà nel 1981, anno dello scandalo P2. E poi dicono che i film sono solo film. Fondamentale.

  • User Icon

    Mattia

    07/01/2012 15:19:28

    Una sola frase è adatta a designare questo film: è il vero cinema!

  • User Icon

    scorpio

    18/07/2008 12:50:03

    il piu' bel film di monicelli-sordi. profondo, intenso, realistico, drammatico... affascinante!

  • User Icon

    MATTIA

    14/04/2008 00:06:04

    Che capolavoro senza tempo!!

  • User Icon

    Stefano Fiorucci

    27/07/2006 18:16:51

    Ottimo film tratto dall'omonimo capolavoro di Cerami ed impreziosito da uno straordinario Alberto Sordi. Nei contenuti extra c'è un'intervista allo stesso Vincenzo Cerami.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

1977 - Nastri d'Argento Miglior Attore Protagonista Sordi Alberto
1977 - Nastri d'Argento Miglior Attore Non Protagonista Valli Romolo
1977 - Nastri d'Argento Miglior Attore Esordiente Crocitti Vincenzo
1977 - David di Donatello Miglior Attore Protagonista Sordi Alberto

  • Produzione: FilmAuro, 2008
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 117 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Italiano (Dolby Digital 1.0 - mono)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; speciale