Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Le braci - Sándor Márai - copertina

Le braci

Sándor Márai

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: M. D'Alessandro
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Edizione: 1
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 2 aprile 2008
Pagine: 181 p., Brossura
  • EAN: 9788845922572
Salvato in 936 liste dei desideri

€ 10,45

€ 11,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Le braci

Sándor Márai

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Le braci

Sándor Márai

€ 11,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Le braci

Sándor Márai

€ 11,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (17 offerte da 6,80 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dopo quarantun anni, due uomini, che da giovani sono stati inseparabili, tornano a incontrarsi in un castello ai piedi dei Carpazi. Uno ha passato quei decenni in Estremo Oriente, l'altro non si è mosso dalla sua proprietà. Ma entrambi hanno vissuto in attesa di quel momento. Null'altro contava per loro. Perché? Perché condividono un segreto che possiede una forza singolare: "una forza che brucia il tessuto della vita come una radiazione maligna, ma al tempo stesso dà calore alla vita e la mantiene in tensione". Tutto converge verso un "duello senza spade" ma ben più crudele. Tra loro, nell'ombra il fantasma di una donna.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,37
di 5
Totale 297
5
183
4
59
3
30
2
19
1
6
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Elisa

    06/02/2021 14:46:00

    Andrò contro corrente ma a me questo libro non è piaciuto per niente...è un lungo monologo, la storia sempre la stessa: lei che tradisce lui con il migliore amico di lui. Un lungo sbrodolamento di "avremmo potuto", rimorsi e rimpianti...la scrittura dell'autore è comunque molto scorrevole. Troppo sentimentale per i miei gusti

  • User Icon

    Antonio

    05/02/2021 11:02:00

    Libro da leggere assolutamente. Scritto in maniera superlativa, storia incalzante e che ti accompagna dolcemente fino alla fine senza quasi rendertene conto. Consigliatissimo

  • User Icon

    Valentina

    27/01/2021 11:55:05

    Un romanzo magnetico e scritto benissimo. Ruota intorno ad un'amicizia e ad un segreto. La tensione narrativa è altissima, così come la riflessione filosofica. Si legge tutto d'un fiato.

  • User Icon

    Mana

    21/01/2021 10:20:25

    Amicizia e amore. Rancore e vendetta. Sentimenti e tradimenti. Sono le braci che covano per un'intera vita negli animi dei protagonisti. Narrazione intensa in grado di coinvolgere il lettore dalla prima all'ultima pagina in un crescendo di intensità. Narrazione stilisticamente impeccabile. Immancabile tra i preferiti di una libreria di rispetto.

  • User Icon

    Mela

    02/01/2021 18:05:01

    La storia, in un canovaccio che alterna una prima parte prettamente narrativa al monologo interiore, indaga il tormento interiore del protagonista in un iter psicologico secondo i canoni della narrativa europea del Novecento. Sandor Mair mette a nudo la fragilità di Henrik attraverso la voce del protagonista stesso alla ricerca di verità sepolte in un diario dalla copertina gialla.

  • User Icon

    Nietta

    04/12/2020 21:28:24

    Non saprei quante stelline assegnare a questo libro. Per quel che mi riguarda, lo considero un buon libro, scritto benissimo ma poco avvincente. Immagino che questo parere possa risultare un po’ ambiguo, ma ritengo che lo stile così lineare dell’autore non trovi una corrispondenza nella trama della storia, che si risolve in un lungo monologo. Priva di colpi di scena, la lettura prosegue nell’attesa di qualcosa di sorprendente che, ahimè, non si verificherà mai. Il finale lascia decisamente l’amaro in bocca. Mi aspettavo di più.

  • User Icon

    IL

    04/12/2020 16:38:59

    Un libro che si legge tutto d'un fiato. Romantico e drammatico, semplicemente stupendo. Ti entra proprio nel cuore! E' il primo libro che leggo di Marai, credo ne leggerò sicuramente altri...

  • User Icon

    Ire

    03/12/2020 06:44:59

    Ceneri, braci, ricordi e 41 anni di attesa per assaporare (almeno) il sapore della vendetta. Un romanzo che descrive l'amicizia, apparentemente o comunque da principio forte, di due ragazzi, Henrik e Konrad. Il primo sicuro di sé e discendente di una famiglia benestante, il secondo invece più umile, sensibile ma intelligente. Fin qui tutto bene, un racconto come ce ne sono tanti altri, eppure eppure la vicenda si sposta 41 anni dopo il vuoto della fuga di Konrad, che di punto in bianco decide di trasferirsi ai Tropici facendo sparire le sue tracce. La peculiarità del romanzo consiste nel crescendo di tensione che permea il libro, il lettore comprende che c'è qualcosa che si nasconde dentro l'animo di Konrad e piano piano viene tutto alla luce lasciando inorriditi. Il lungo soliloquio di Henrik, che svela i lati oscuri della vicenda, mette alla prova l'ex amico che si limita solo ad ascoltare, fuggendo ancora una volta le domande e le spiegazioni. Le braci del passato però sono ancora lì, calde, e paiono non volersi spegnere. "C'è troppa tensione nel cuore degli uomini, troppa animosità, troppa sete di vendetta. Guardiamo in fondo ai nostri cuori: che cosa vi troviamo? Una passione che il tempo ha soltanto attutito senza riuscire a estinguerne le braci." Un grande Márai, da aggiungere alla propria libreria.

  • User Icon

    Rebecca My

    23/10/2020 09:20:30

    C'è troppa tensione nel cuore degli uomini, troppa animosità, troppa sete di vendetta. Guardiamo in fondo ai nostri cuori: che cosa vi troviamo? Una passione che il tempo ha soltanto attutito senza riuscire a estinguerne le braci." Se avessi l'abitudine di sottolineare ogni passo che mi fa emozionare, probabilmente sarebbero poche le pagine non intaccate dal segno della mia matita. "Le braci" è a tutti gli effetti un lungo monologo del protagonista, il generale Henrik. Questo monologo si genera dall'incontro con Konrad, amico di lunga data di Henrik, che non vede per ben quarantun anni. Tutto si scopre piano a piano e l'autore, attraverso le parole di Henrik, tocca tantissimi temi: l'amicizia e il suo significato, cosa significa invecchiare, l'importanza delle passioni nella vita dell'uomo, cosa significa essere diversi, le differenze tra classi e così via. Un libro che ho letto tutto d'un fiato e che ho amato.

  • User Icon

    gr.ange

    06/10/2020 15:27:27

    Tra i migliori libri di un grandissimo scrittore. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    Alessandra Clementi

    29/09/2020 10:43:36

    Le braci Due uomini e una donna, il triangolo più antico del mondo. Ma in questo romanzo la protagonista è l'amicizia, un vincolo profondo che unisce Konrand e Henric. Un legame che si spezza e inizialmente il lettore non ne conosce il motivo, poi un incontro tra i due soldati tanti anni dopo e la narrazione non solo della storia ma soprattutto dei sentimenti, dei dolori, delle angosce che i due hanno provato a causa di questa separazione e di un tradimento. Un romanzo che rimane dentro.

  • User Icon

    Anto

    19/08/2020 12:33:40

    Sono passati ben 41 anni da quando il generale Henrik vide per l'ultima volta il mittente della lettera che gli è appena stata consegnata. Si tratta di Konrad, carissimo amico d'infanzia, che annuncia il suo imminente arrivo al castello ungherese. Il generale, con l'aiuto della balia novantenne, Nini, si prepara a riceverlo; fa riaprire l'ala disabitata del castello, dove si tenne l'ultimo loro incontro, e indossa la divisa di gala. L'incontro tra i due uomini, entrambi anziani, è freddo e formale e la cena è turbata dall'ingombrante assenza della moglie defunta del generale. La tensione tra i due uomini è alta: dopo 41 anni è giunta l'ora di ristabilire la verità dei fatti... Le braci si rivela fin da subito una lettura molto intensa. La tensione esistente tra i due amici si trasmette al lettore, il lungo monologo del generale è frutto di decenni di riflessione silenziosa, che esplode all'improvviso e travolge il visitatore, che tra parentesi, mi è apparso odioso, sbruffone e troppo flemmatico. Quando sono arrivata all'ultima pagina, per la prima volta nella mia carriera di lettrice, ho davvero immaginato la conclusione di un finale sospeso, ma non poi troppo! Lettura consigliatissima a chi ama le storie intime, in cui traboccano sentimenti forti di qualunque natura.

  • User Icon

    Franci

    10/06/2020 19:54:23

    Scrittura fluida e scorrevole. Leggendo la trama viene definito un "duello senza spade", in realtà si tratta per lo più di un lungo monologo, non vi è contraddittorio, se non appunto due sole, fatidiche, domande. Ho apprezzato molto il finale, ogni lettore può defurne le risposte che crede. Per quanto mi riguarda mi piace immaginare che una volta ritornato nelle sue stanze, il protagonista apre il cassetto in cui aveva riposto la pistola e pone fine alla sua vita, dopo 41 anni non ha più motivo di attendere.

  • User Icon

    Leyla

    09/06/2020 13:35:27

    Hanno atteso per più di 40 anni quel momento. Nulla da dirsi, nulla da rimproverarsi, forse null’altro in comune se non l’amore per una donna che non c’è più. Un discorso chiuso e al tempo stesso sospeso, lasciato ardere sotto la cenere dei giorni trascorsi uno dopo l’altro. Uno ad attendere, fermo nella sua casa, in quella casa che era stata anche di lei, il ritorno dell’altro, che invece aveva conosciuto il mondo e che il mondo aveva cercato per allontanarsi da lui, e da quella casa. 40 anni….e cosa dirsi se non il silenzio in cui lei li aveva lasciati? Cosa dirsi che non sapessero già? Cosa aggiungere alla necessità semplice, carnale, morbosa di essere ancora una volta vicini, per ridare spessore ad un ritratto che aveva lasciato un vuoto. Tutto viene meticolosamente preparato per quell'incontro, quei pochi lunghissimi minuti in cui le loro vite scorrono loro davanti, con l’unica verità possibile: loro tre.

  • User Icon

    julie_books_music

    08/06/2020 16:54:40

    Inzio un po' tiepido, una scrittura comunque molto scorrevole che mi ha fatto continuare la lettura. Superata la metà circa il ritmo è aumentato e sono rimasta incollata al "monologo" fino alla fine.

  • User Icon

    Nastikata

    26/05/2020 08:55:51

    E' il primo Márai che leggo e ne ho subito messo in wish un altro. La prosa è fantastica, accattivante e seducente ti tiene incollato alle pagine in un crescendo di tensione emotiva e ti trascina con un uragano di emozioni dentro l'anima dei personaggi. Apparentemente non accade nulla, due amici di vecchia data si incontrano dopo 41 anni, anni in cui non è passato giorno in cui non pensassero uno all'altro, anni in cui aspettavano questo incontro per vendicarsi o pacificarsi. Per cosa? Lo scopriremo alla fine quando le loro parole ci accompagneranno al punto cruciale, alla verità. Questo libro si divide in due parti ben distinte, la prima in cui il lettore viene reso partecipe della nascita e della crescita di questo legame speciale che si crea fra i due ragazzi, questa è la parte più bella secondo me, è come entrare in punta di piedi in un'unione esclusiva, assoluta, una di quelle che capitano a pochi fortunati e una sola volta nella vita, la seconda è la resa dei conti in un'atmosfera quasi immobile, surreale ma emozionante. Una cosa mi ha colpita durante tutta la narrazione, l'incapacità dei protagonisti e dell'autore di pronunciare i nomi di questi due uomini, cosa che non accade con gli altri (pochi) personaggi presenti. Solo in due casi è avvenuto ed è stato nel momento in cui le barriere sono cadute completamente, sia da ragazzi che da adulti...quell'attimo di assoluta autenticità che permette alle maschere di cadere. Perchè "alla fine ha importanza solo quello che rimane nel nostro cuore".

  • User Icon

    Lorenzo7

    17/05/2020 08:52:29

    Libro a dir poco perfetto. Letto tutto di un fiato. Temi trattati in maniera affascinante: amicizia, amore, confronto e..vita!

  • User Icon

    silviad82

    16/05/2020 16:37:10

    Romanzo sublime, dopo anni dalla sua lettura non trovo paragoni che gli tengano testa. Dona grandi spunti di riflessioni sui grandi temi della vita quali l'amicizia, l'amore, il rispetto, l'onestà. Attendere anni un confronto, uno sguardo e poterlo vivere non è da tutti, come non lo è la scrittura di Màrai che pagina dopo pagina riesce a intrecciare passato e presente rendendoli vivi al lettore.

  • User Icon

    Vale

    16/05/2020 15:39:11

    Lo consiglio a chi adoro monologhi e flussi di conoscenza, ti trascina con sé senza farti staccare dal libro se non prima di averlo finito.

  • User Icon

    kikig

    16/05/2020 13:19:33

    Bellissimo libro, merita sicuramente una lettura. L'atmosfera è quasi onirica, primordiale. L'autore si riferisce a un certo punto a quell'attimo di sospensione che si crea tra la fine della notte e l'inizio del giorno, e io credo che alla fine l'intero libro si collochi proprio in questo denso punto. Consigliato per chi vuole indagare l'animo umano e l'amicizia nel momento in cui sono più torbidi, e proprio per questo, reali.

Vedi tutte le 297 recensioni cliente
  • Sándor Márai Cover

    Scrittore, poeta e giornalista ungherese. Nato nell’odierna Kosice, in Slovacchia (allora parte dell’Impero austro-ungarico), divenne collaboratore della «Frankfurter Zeitung». Nel 1928 si trasferì a Budapest dove, nel corso del ventennio successivo, pubblicò numerosi romanzi in lingua ungherese (I ribelli, 1930; Le confessioni di un borghese, 1934; Divorzio a Buda, 1935; L’eredità di Eszter, 1939; La recita di Bolzano, 1940; Le braci, 1942) che si soffermano, con prosa musicale, a indagare le pieghe più intime di personaggi che incarnano il malinconico disfacimento della mitteleuropa. Benché premiate dal successo, le sue opere vennero bollate come «realismo borghese» dall’intellighenzia del nuovo regime comunista:... Approfondisci
Note legali