Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La breve estate dell'anarchia. Vita e morte di Buenaventura Durruti - Hans Magnus Enzensberger - copertina

La breve estate dell'anarchia. Vita e morte di Buenaventura Durruti

Hans Magnus Enzensberger

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Renato Pedio
Editore: Feltrinelli
Edizione: 3
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: 295 p., Brossura
  • EAN: 9788807814549
Salvato in 19 liste dei desideri

€ 13,00

Venduto e spedito da Folignolibri

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Operaio metallurgico, Buenaventura Durruti è stato, nel 1936, uno dei protagonisti della rivolta anarchica catalana e della guerra civile spagnola. Rivoluzionario sin dall'adolescenza, è stato perseguitato, imprigionato, esiliato, ha guidato la leggendaria colonna anarchica sul fronte d'Aragona ed è morto in circostanze oscure. "Mai nessuno scrittore si sarebbe deciso a raccontare la storia della sua vita; rassomigliava troppo a un romanzo d'avventure": così diceva lo scrittore sovietico Il'ja Erenburg sin dal 1931, dopo averlo conosciuto di persona. Quarant'anni più tardi, Hans Magnus Enzensberger raccoglie la sfida e scrive un romanzo "di montaggio", che non rinuncia al respiro epico del personaggio ma al contempo offre gli strumenti per tornare al clima, alla complessità, alle contraddizioni di quella "breve estate" di lotta per la libertà, che tuttora continua a interrogare la nostra memoria storica. È così che l'opera di Enzensberger è diventata un testo indispensabile per riprendere il filo degli eventi, per tornare sulle tracce di una figura straordinaria, e anche per concludere, con serenità e lucidità, che "non si fa due volte la stessa rivoluzione".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 2
5
0
4
1
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Maurizio

    21/12/2011 11:41:03

    Dell'Autore ho sempre apprezzato i brevi saggi, in cui lucidamente mette a fuoco situazioni, persone, movimenti politici. Ma anche in questa robusta costruzione del 1972, subito tradotta per il pubblico italiano l'anno successivo, da il meglio di se stesso con la narrazione della storia umana e politica del piu' noto dirigente e comandante anarchico della guerra civile spagnola. Il volume e' un montaggio dei materiali piu' diversi: articoli di giornali, interviste a testimoni, brani di libri storici. E le glosse dell'Autore, i commenti sul personaggio e sulla sua vicenda politica. Si lascia leggere bene, anche se il ritmo dello scritto e' disuguale.

  • User Icon

    Sasso

    10/10/2004 23:37:47

    Il libro è in parte deludente sia perché da un grande come Enzensberger ci si aspettano sempre grandi cose sia perché l'andamento corale rende il narrato frammentario e talvolta (trattandosi di più voci) anche ripetitivo sia perché la traduzione è sciatta e presenta diverse sgrammaticature. Ma alla fine il grande intellettuale tedesco, quando gli eventi sovrastano le singole voci, riprende le fila del discorso nelle ultime tre glosse, e la morte di Durruti assume un'apparenza e un significato quasi cristologici. E' un libro che in ogni caso consiglio, invitando a superare una certa osticità nella parte iniziale.

  • Hans Magnus Enzensberger Cover

    (Kaufbeuren, Baviera, 1929) scrittore tedesco. Giornalista, professore universitario, poeta, traduttore e saggista, E. fondò nel 1965 la rivista «Kursbuch», tra le più vivaci della Repubblica Federale Tedesca. Le sue poesie sono sapientemente intessute di giochi di parole, termini gergali, citazioni saggistiche. Le raccolte principali, spesso nutrite di satira politica, sono Difesa dei lupi (Verteidigung der Wölfe, 1957, nt), Lingua nostra (Landessprache, 1961, nt), Scrittura per ciechi (Blindenschrift, 1964, nt), Mausoleum (1975), La fine del Titanic (Der Untergang der Titanic, 1978), Musica del futuro (Zukunftsmusik, 1991), Chiosco (Kiosk, 1995, nt), Più leggeri dell’aria: poesie morali (Leichter als Luft. Moralische Gedichte, 1999) e il curioso e provocatorio Che noia la poesia: pronto... Approfondisci
Note legali