The Broken Key (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Louis Nero
Anno: 2017
Supporto: DVD
Salvato in 9 liste dei desideri

In un futuro non lontano, la libertà dell'essere umano è in pericolo

Il mondo è controllato dalla "Grande Z": la Zimurgh Corporation. La "Legge Schuster" sull'eco-sostenibilità dei supporti regna sovrana. La carta è un bene raro. Stampare è reato. Sullo sfondo di questa realistica visione del domani, il ricercatore inglese Arthur J. Adams viene spinto all'avventura dal padre putativo, il professor Moonlight. La ricerca del frammento mancante di un antico papiro, protetto dalla misteriosa confraternita dei seguaci di Horus, viene ostacolata da indecifrabili omicidi legati ai sette peccati capitali. Arthur dovrà addentrarsi nei meandri di un'impenetrabile e misteriosa metropoli del futuro, specchio della sua anima, per ritrovare il pezzo mancante e salvare l'umanità intera.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,3
di 5
Totale 10
5
7
4
1
3
1
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    20/09/2019 08:48:45

    Regia carente, colonna sonora assordante. Nonostante questi difetti, ho comunque apprezzato la trama di questo film, centrata sulla soluzione di enigmi e misteri. Molto suggestivi alcuni paesaggi mostrati.

  • User Icon

    Massimo

    19/09/2018 21:56:05

    Un'opera, purtroppo, pessima sotto tutti punti di vista, un esempio da proporre nelle scuole di cinema per mostrare come "NON" si fanno i film. L'assenza di una vera e propria storia è il più grave problema: la sceneggiatura non esiste, è un collage di frasi ritagliate da libri esoterici inframmezzate da battute copiate da film più celebri, non è classificabile nemmeno come B movie, sembra una recita, di quelle che fanno all'oratorio.

  • User Icon

    Art Bandini

    12/05/2018 18:07:02

    Uno dei film più coraggiosi e interessanti della scorsa stagione cinematografica. Pur essendo un film d'autore non scontenterà affatto gli amanti della fantascienza e del thriller. Del cast stellare si è detto già molto, ma sono le superbe location che fanno la differenza. Così come i curatissimi effetti speciali, il make-up, i costumi le scenografie di alto livello . Tutta la realizzazione tecnica è da encomiare. Il solito pregiudizio italiano su opere come questa non hanno giovato alla sua riuscita al box office. È stata un'ingiustizia bella e buona. Ma per fortuna ora si può rimediare grazie al DVD o al Blu-Ray. Un consiglio: guardatelo due volte. Magari una prima volta per godervi tutto il suo apparato "di genere" e poi una seconda volta per comprendere meglio certe sfumature e assimilare certe simbologie. Non ve ne pentirete affatto!

  • User Icon

    memorabili

    25/04/2018 17:11:40

    Il cast di The Broken Key è di alto livello e comprende molti volti noti del cinema internazionale, tra cui Rutger Hauer, Christopher Lambert, Geraldine Chaplin, William Baldwin, Michael Madsen, Kabir Bedi, Franco Nero e Maria de Medeiros. Alcuni di loro purtroppo hanno un ruolo limitato, ma la loro presenza si fa sentire e tutti forniscono prove attoriali memorabili

  • User Icon

    Francesco

    18/04/2018 16:48:16

    Un film che ho visto al cinema, penso lo comprerò. Perchè non ho capito molto guardandolo sul grande schermo, ed è proprio per questo che voglio comprarlo. Di sicuro una cosa l'ho capita, però: si tratta di un film che prescinde dalle solite leggi di marketing, prescinde dal linguaggio di genere, al quale, oltre ogni ombra di dubbio, appartiene. E' un film unico. E va premiato per il coraggio. Sicuramente è una sfida lanciata allo spettatore che deve dipanare un mistero all'interno di sè, oltre che seguire quello del protagonista nello schermo. Questo mi ha stuzzicato, alla prima visione. Un film che è un rompicapo. Il resto ben fatto. Soprattutto la scenografia e la fotografia. Per gli attori... che dire? Basta il nome.

  • User Icon

    Cars06

    14/04/2018 22:40:00

    Un film fantascientifico con un budget modesto che però mostra un comparto tecnico completo. Le ambientazioni sono molto suggestive e gli effetti speciali aiutano a costruire bene una misteriosa Torino del futuro. Eccezionale è sicuramente il cast di star internazionali come Geraldine Chaplin, Christopher Lambert e Rutger Hauer

  • User Icon

    Qualcosa di nuovo

    14/04/2018 13:37:57

    Il pregio principale di The Broken Key è la volontà di osare, di proporre qualcosa di nuovo in un’industria cinematografica troppo a suo agio tra commedie e drammi di qualità altalenante. La scelta del genere fantascientifico è già di per sé esemplare.

  • User Icon

    Erika42

    14/04/2018 13:14:09

    Se c’è una cosa di cui si sente molto la mancanza nel panorama cinematografico italiano, questa è la fantascienza. Non sono molti i film che affrontano questo genere, ancor meno quelli che riescono ad ottenere visibilità. Perciò fa sempre piacere vedere qualche tentativo di riportare in auge la sci-fi nel nostro Paese. È questo il caso di The Broken Key.

  • User Icon

    Ettore

    14/04/2018 12:34:27

    Louis Nero, regista di Rasputin e La Rabbia, ambienta le vicende di The Broken Key in un futuro suggestivo, a metà strada tra il cyber e lo steampunk, con molti debiti nei confronti di Blade Runner, Brazil e Il quinto elemento. Consigliato caldamente. Un grande film.

  • User Icon

    iTsiouras

    04/04/2018 19:51:37

    The Broken Key l’ho visto tre volte, perché è un film culturale e ricco di rimandi colti; va quindi gustato in tutte le sue sfaccettature. È un giallo thriller storico fantascientifico con un cast d'eccezione. Le immagini sono meravigliose e la colonna sonora originale, prevalentemente sinfonica. Un film da non perdere.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
  • Produzione: CG Entertainment, 2018
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 119 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1); Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 16:9 2,35:1
  • Area 2
  • Contenuti: Backstage: Effetti speciali - Premiere al cinema - I Quattro Elementi - Il Viaggio dell'Eroe e la sua trasformazione digitale - Interviste: Louis Nero, I Sette Saggi, Franco Nero, Maria De Medeiros, I Quattro Protagonisti - Trailer cinema
  • Rutger Hauer Cover

    Propr. R. Oelsen H., attore olandese. Figlio d’arte e studente irrequieto, all’ennesima espulsione viene iscritto dai genitori a una scuola di teatro, ma riesce a farsi espellere anche da lì. Si conquista la fama internazionale grazie alla versatilità del talento che lo rende credibile sia nei ruoli romantici – in particolare Ladyhawke (1985) di R. Donner – sia in quelli avventurosi. È il protagonista di alcuni film del connazionale P. Verhoeven, dal cupo e suggestivo Fiore di carne (1973) a Kitty Tippel... quelle notti passate sulla strada (1974) fino a Soldato d’Orange (1979) e a L’amore e il sangue (1985). Il ruolo che lo rende quasi leggendario è però quello del replicante filosofo in Blade Runner (1982) di R. Scott.... Approfondisci
  • Franco Nero Cover

    Nome d'arte di Francesco Sparanero, attore italiano. Biondo e prestante, con saettanti occhi azzurri e cipiglio da valoroso, incarna una bellezza maschile molto «americana», non a caso già apprezzata da J. Huston che nel 1966 fa interpretare a questo italiano atipico, allora semisconosciuto, l'innocente Abele nel kolossal La Bibbia. Il cinema di cassetta ne fa subito un eroe affidandogli ogni sorta di avventure esotiche o metropolitane con almeno due storici pistoleri dello spaghetti-western post S. Leone: Django (1966) di S. Corbucci e il crepuscolare Keoma (1976) di E.G. Castellari. Non gli mancano tuttavia i ruoli più profondi, primo fra tutti il capitano dei carabinieri di Il giorno della civetta (1968), tratto da L. Sciascia e firmato da D. Damiani, che lo dirige in diverse altre pellicole... Approfondisci
  • Geraldine Chaplin Cover

    Attrice inglese. Figlia di Charlie C. e nipote del celebre commediografo E. ­O'Neill, riesce ad affermare una propria personalità artistica cominciando con la danza per poi passare al cinema. Il suo primo ruolo di rilievo è in Il dottor Zivago (1965) di D. Lean mentre due anni dopo lavora con il leggendario genitore-regista in La contessa di Hong Kong. Minuta e sensibile, è a suo agio in ruoli di donne fragili o meglio ancora eccentriche, per le quali utilizza con misura alcune ineffabili espressioni ereditate da Charlot. Lavora fra gli altri con R. Altman in Nashville (1975), C. Lelouch in Bolero (1981), A. Resnais in La vita è un romanzo (1983), M. Scorsese in L'età dell'innocenza (1993), P. Almodóvar in Parla con lei (2002). È anche la protagonista di alcuni film del coreografo e regista... Approfondisci
Note legali