Categorie

Werner Lind

Traduttore: A. Manco
Collana: Arti marziali
Anno edizione: 1996
Pagine: 208 p.
  • EAN: 9788827211502
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Tiktaalik

    12/10/2014 00.18.25

    Uno dei libri fondamentali che salverei sulla materia.Werner Lind è un insegnante di karate.In questo testo narra della filosofia che sottende alle arti marziali,come vengono insegnate nella tradizione e non per ottenere una medaglia alle olimpiadi.Non un pretesto per vincere in una rissa,non una materia per bulli anabolizzati,ma il Do,una via da percorrere per superare l'io egoistico e individuale e fondersi nell'Io universale,dove si percepisce l'amore e l'unità alla base di tutte le cose.Un percorso che può concludersi solo oltre la morte,per questo l'undicesimo e il dodicesimo dan vengono conferiti soltanto dopo il trapasso di un maestro,non in vita.Il libro è ricco di aneddoti che descrivono più di mille parole.E' riportato, riferito al racconto di Richard Kim,l'episodio notissimo nella tradizione scritta,del maestro che conduce gli allievi ad attraversare un precipizio su un albero abbattuto,sospeso nel vuoto.Tante le frasi fondamentali che mi sono rimaste impresse: "che si tratti di religione,di filosofia o di arte,il significato vero si è sempre perso nella forma"..."il fanatico diventa credente,il dilettante si trasforma in filosofo,il critico diventa esperto d'arte"..."l'esempio è sempre stato trasformato in dogma perchè gli uomini hanno sempre dimenticato che alla forma delle istituzioni si accompagna un significato". Ecco,che ognuno possa cogliere un significato nella vita,questo è il mio augurio a tutti.

Scrivi una recensione